ated
ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
LUGANO
4 ore
Come le aziende svizzere incrementano il loro fatturato
Tra le svariate variabili che un’azienda deve considerare quando definisce il suo business plan c’è il digital marketing
ATED
2 gior
Un marketplace per il Ticino
Sono molte le opportunità offerte dal digitale che moltiplicano le occasioni di shopping per i consumatori
ATED ICT TICINO
6 gior
Countdown per l’inizio di AriaPulita4Kids
Costruisci con noi la tua stazione meteo personale ed entra a far parte della rete globale di monitoraggio meteo.
ATED-ICT TICINO
1 sett
Autenticazione forte del cliente: come funziona?
Le misure di autenticazione a due fattori sono diventate prassi nelle transazioni online.
CANTONE
1 sett
Il viaggiatore post covid
Quali possono essere le tendenze per il settore del turismo nella faticosa risalita post pandemia
ATED ICT TICINO
2 sett
Droni per verificare gli immobili
Un progetto nato in collaborazione con SUPSI e Innosuisse prevede l’utilizzo di droni per sopralluoghi immobiliari
CANTONE
2 sett
Come internet e web marketing salveranno le PMI
Nel 2020, l'online ha consolidato e accresciuto il suo ruolo cruciale nella società
CANTONE
3 sett
I tessuti e non solo diventano multimediali
I QRCODE o la NFC (Near Field Communication) consentono di trasferire dati senza contatto.
CANTONE
3 sett
Twitter: 6 secondi per correggere
Sarebbe in arrivo una funzione per cui gli utenti avranno 6 secondi di tempo per cancellare un tweet inopportuno.
ATED ICT TICINO
4 sett
Stripe oggi vale 95 miliardi
Nuovo round di finanziamento da 600 milioni di dollari per l’azienda fondata dai fratelli Collison
ATED ICT TICINO
1 mese
Covid e digitalizzazione: la nuova sfida per le imprese
Tutti gli incontri che si svolgevano di persona hanno dovuto fare ricorso all’uso di strumenti digitali
ATED
1 mese
Quando l'editoria è al servizio del territorio
Intervista con il Direttore De Giorgi di Ticino Management per conoscere le nuove sfide per l’approfondimento di qualità
ATED
1 mese
Come cambia il lavoro
Le professioni più ricercate dove il digitale guida la trasformazione, fra cloud e uso sapiente dei big data
ICT ATED TICINO
1 mese
Startup: c’è un premio da 100mila euro
Amazon lancia il suo primo concorso per i prodotti più innovativi ideati dagli imprenditori più brillanti
ATED
10.03.2021 - 08:160

Come ridurre la “zoom fatigue”

Secondo i ricercatori di Stanford le videochiamate per lavoro stanno producendo degli effetti collaterali su chi le usa

Se per mesi abbiamo tessuto le lodi del “remote working”, arriva ora uno studio promosso dall’Università di Stanford che identifica addirittura una sorta di malattia per l’eccesso di videoconferenze. Si tratta della cosiddetta “zoom fatigue”, che naturalmente riguarda anche le molte altre piattaforme di video chat che in questi ultimi dodici mesi sono diventate molto popolari. In sintesi, avrebbero tutte dei difetti di progettazione che esaurirebbero la mente e il corpo umano, se utilizzate per troppe ore di seguito. In particolare, i ricercatori americani hanno individuato ben 4 cause e problematiche, di cui esistono, per fortuna, alcuni semplici rimedi per mitigare i loro effetti. Vediamo quali sono.

  1. Il tempo in cui si mantiene il contatto visivo fra le persone nelle videochat è di molto aumentato. In una normale riunione le persone guardano l'oratore, ma prendono anche appunti o possono ogni tanto spostare lo sguardo anche altrove. Invece, nelle chiamate con Zoom, Teams, Meet etc, tutti guardano tutti, per tutto il tempo in cui si è connessi. Ascoltatori e relatori rivestono lo stesso ruolo, perché anche se non si deve parlare nella riunione, si è comunque fissati dai partecipanti per tutta la durata del collegamento, soprattutto quando la sessione è a tutto schermo. Rimedio suggerito: evitare lo schermo pieno e ridurre la grandezza della finestra in cui avviene la riunione.
  2. Vedersi (vedere la propria faccia) durante le videochat è innaturale. La maggior parte delle piattaforme video mostra un riquadro di come appari sulla telecamera durante una videoconferenza. Ma questa continua esposizione è artificiale. Secondo i ricercatori di Stanford: “Nel mondo reale, se qualcuno ci seguisse costantemente con uno specchio mentre parliamo con le persone, prendiamo decisioni, diamo una risposta, riceviamo un feedback, sarebbe una situazione assurda e pazzesca. Nessuno lo prenderebbe mai in considerazione. Rimedio suggerito: usare l’opzione nascondi la propria vista, così da essere meno esposti e visibili, soprattutto se le riunioni sono molte nella giornata e piuttosto lunghe.
  3. Le video chat riducono notevolmente la nostra mobilità, ci obbligano a stare fissi davanti alla videocamera, rispetto a conversazioni di persona o solo audio. Le conversazioni telefoniche personali e audio permettono agli esseri umani di camminare e muoversi. Ma con la videoconferenza, la maggior parte delle telecamere hanno un campo visivo fisso, il che significa che una persona deve generalmente rimanere nello stesso punto. Il movimento è limitato in modi che non sono naturali e spesso pregiudicano anche la nostra creatività e inventiva. Rimedio suggerito: prendiamo una tastiera esterna, posta più lontana dello schermo, così da poterla usare anche mentre ci muoviamo. Utilizziamo una telecamera che catturi l’immagine della stanza e non solo del primo piano e, poi, ogni tanto sfumiamo il video. In questo modo potremo prenderci qualche pausa per sgranchirci braccia e gambe.
  4. Il carico cognitivo è molto più pesante nelle video chat. Durante le video conferenze dobbiamo interpretare o rispondere ai segnali non verbali delle persone con cui siamo riuniti. E spesso non è facile decifrare certe espressioni che, se fossimo nella stessa stanza riusciremmo a comprendere in un attimo. Un'occhiata di traverso a qualcuno durante una riunione di persona ha un significato molto diverso da una nostra espressione di disagio che assumiamo quando vediamo che una nostra figlia è appena entrata nel nostro ufficio casalingo! Rimedio suggerito: anche qui una pausa solo audio, staccando il video, può solo aiutare!

CHI È ated – ICT Ticino

ated - ICT Ticino è un’associazione indipendente, fondata e attiva nel Canton Ticino dal 1971, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie e alla trasformazione digitale. Dal suo esordio, ated - ICT Ticino organizza manifestazioni e promuove innumerevoli conferenze, giornate di studio, visite e viaggi tematici, workshop e corsi. ated - ICT Ticino collabora con le principali istituzioni pubbliche e private, enti e aziende di riferimento, nonché altre associazioni vicine al settore tecnologico e all’innovazione. Grazie alla costante crescita qualitativa dell’attività svolta sul territorio, ated – ICT Ticino si propone come l’associazione di riferimento nell’ambito economico, politico e istituzionale del cantone, in grado di favorire il dibattito tra aziende e professionisti e capace di coinvolgere le giovani generazioni, grazie ai percorsi promossi dal programma ated4kids e da tutte le sue altre iniziative.

Per ulteriori informazioni
ated – ICT Ticino
Email: media@ated.ch
T. +41(0)91 8575880

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-14 12:55:23 | 91.208.130.86