ated
ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
LUGANO
12 ore
Si presenta Swiss Virtual Expo
Apre i battenti il più reale degli Expo digitali, finalista al Grand Prix Möbius 2021.
CANTONE
4 gior
Chi vince tra TikTok e Youtube?
Un’analisi di App Annie rivela che gli utenti ora trascorrono più tempo a guardare video su TikTok che su YouTube.
CANTONE
1 sett
Un progetto “made in Ticino” per monitorare da remoto i pazienti cardiaci
Si tratta di un'idea dell’Istituto MeDiTech della SUPSI, che intende sviluppare un prodotto unico e innovativo
CANTONE
1 sett
Cornèr Banca sale a bordo di Swiss Virtual Expo
Anche Cornèr Banca partecipa a Swiss Virtual Expo, aderendo a un format di evento che è sulla frontiera dell’innovazione
LUGANO
1 sett
Arrivano i Ray-Ban Stories
Dalla partnership tra Facebook e EssilorLuxottica, nasce la prossima generazione di occhiali intelligenti o smart.
CANTONE
2 sett
Digital twin: cos'è e come funziona
CANTONE
2 sett
EOC diventa il primo ospedale virtuale
Al Swiss Virtual Expo lancerà un ecosistema ospedaliero per valorizzare ancora di più il ruolo centrale del paziente
ated ICT Ticino
2 sett
Dati personali e salute: come tutelarsi
I dati sono il vero “petrolio” dei giorni nostri.
Stati Uniti
3 sett
Arriva il Tesla Bot di Elon Musk
Scende in campo anche Elon Musk nello sviluppo e ricerca di robot umanoidi
CANTONE
3 sett
La pagina contatti del sito: perché non trascurarla
La pagina dei contatti è una delle più strategiche per il sito internet.
FOTO
ated ICT Ticino
3 sett
Hack4Learning: vince FormiDabile
All’iniziativa promossa da SUFFP hanno partecipato 20 persone con 4 progetti pensati per risolvere le sfide educative.
ATED - ICT TICINO
4 sett
Security lab: e-learning in formato virtuale
Anche Security Lab partecipa a Swiss Virtual Expo dentro il padiglione di ated virtual network
ated ICT Ticino
1 mese
Twitter entra nel social commerce
Dopo Facebook e Instagram scatta l’ora di Twitter per rendere possibile l’acquisto tramite i tweet dell’uccellino.
ated ICT Ticino
1 mese
La tua immagine on e off line
Quanto è importante curare la propria immagine online e offline nell’era post Covid?
ATED
10.03.2021 - 08:160

Come ridurre la “zoom fatigue”

Secondo i ricercatori di Stanford le videochiamate per lavoro stanno producendo degli effetti collaterali su chi le usa

Se per mesi abbiamo tessuto le lodi del “remote working”, arriva ora uno studio promosso dall’Università di Stanford che identifica addirittura una sorta di malattia per l’eccesso di videoconferenze. Si tratta della cosiddetta “zoom fatigue”, che naturalmente riguarda anche le molte altre piattaforme di video chat che in questi ultimi dodici mesi sono diventate molto popolari. In sintesi, avrebbero tutte dei difetti di progettazione che esaurirebbero la mente e il corpo umano, se utilizzate per troppe ore di seguito. In particolare, i ricercatori americani hanno individuato ben 4 cause e problematiche, di cui esistono, per fortuna, alcuni semplici rimedi per mitigare i loro effetti. Vediamo quali sono.

  1. Il tempo in cui si mantiene il contatto visivo fra le persone nelle videochat è di molto aumentato. In una normale riunione le persone guardano l'oratore, ma prendono anche appunti o possono ogni tanto spostare lo sguardo anche altrove. Invece, nelle chiamate con Zoom, Teams, Meet etc, tutti guardano tutti, per tutto il tempo in cui si è connessi. Ascoltatori e relatori rivestono lo stesso ruolo, perché anche se non si deve parlare nella riunione, si è comunque fissati dai partecipanti per tutta la durata del collegamento, soprattutto quando la sessione è a tutto schermo. Rimedio suggerito: evitare lo schermo pieno e ridurre la grandezza della finestra in cui avviene la riunione.
  2. Vedersi (vedere la propria faccia) durante le videochat è innaturale. La maggior parte delle piattaforme video mostra un riquadro di come appari sulla telecamera durante una videoconferenza. Ma questa continua esposizione è artificiale. Secondo i ricercatori di Stanford: “Nel mondo reale, se qualcuno ci seguisse costantemente con uno specchio mentre parliamo con le persone, prendiamo decisioni, diamo una risposta, riceviamo un feedback, sarebbe una situazione assurda e pazzesca. Nessuno lo prenderebbe mai in considerazione. Rimedio suggerito: usare l’opzione nascondi la propria vista, così da essere meno esposti e visibili, soprattutto se le riunioni sono molte nella giornata e piuttosto lunghe.
  3. Le video chat riducono notevolmente la nostra mobilità, ci obbligano a stare fissi davanti alla videocamera, rispetto a conversazioni di persona o solo audio. Le conversazioni telefoniche personali e audio permettono agli esseri umani di camminare e muoversi. Ma con la videoconferenza, la maggior parte delle telecamere hanno un campo visivo fisso, il che significa che una persona deve generalmente rimanere nello stesso punto. Il movimento è limitato in modi che non sono naturali e spesso pregiudicano anche la nostra creatività e inventiva. Rimedio suggerito: prendiamo una tastiera esterna, posta più lontana dello schermo, così da poterla usare anche mentre ci muoviamo. Utilizziamo una telecamera che catturi l’immagine della stanza e non solo del primo piano e, poi, ogni tanto sfumiamo il video. In questo modo potremo prenderci qualche pausa per sgranchirci braccia e gambe.
  4. Il carico cognitivo è molto più pesante nelle video chat. Durante le video conferenze dobbiamo interpretare o rispondere ai segnali non verbali delle persone con cui siamo riuniti. E spesso non è facile decifrare certe espressioni che, se fossimo nella stessa stanza riusciremmo a comprendere in un attimo. Un'occhiata di traverso a qualcuno durante una riunione di persona ha un significato molto diverso da una nostra espressione di disagio che assumiamo quando vediamo che una nostra figlia è appena entrata nel nostro ufficio casalingo! Rimedio suggerito: anche qui una pausa solo audio, staccando il video, può solo aiutare!

CHI È ated – ICT Ticino

ated - ICT Ticino è un’associazione indipendente, fondata e attiva nel Canton Ticino dal 1971, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie e alla trasformazione digitale. Dal suo esordio, ated - ICT Ticino organizza manifestazioni e promuove innumerevoli conferenze, giornate di studio, visite e viaggi tematici, workshop e corsi. ated - ICT Ticino collabora con le principali istituzioni pubbliche e private, enti e aziende di riferimento, nonché altre associazioni vicine al settore tecnologico e all’innovazione. Grazie alla costante crescita qualitativa dell’attività svolta sul territorio, ated – ICT Ticino si propone come l’associazione di riferimento nell’ambito economico, politico e istituzionale del cantone, in grado di favorire il dibattito tra aziende e professionisti e capace di coinvolgere le giovani generazioni, grazie ai percorsi promossi dal programma ated4kids e da tutte le sue altre iniziative.

Per ulteriori informazioni
ated – ICT Ticino
Email: media@ated.ch
T. +41(0)91 8575880

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 21:34:56 | 91.208.130.87