Immobili
Veicoli

SVIZZERAUlrich Körner è il nuovo Ceo di Credit Suisse

27.07.22 - 07:38
Entrerà in carica il primo di agosto. Il gruppo ha registrato un secondo trimestre in rosso
Reuters
Fonte ats
Ulrich Körner è il nuovo Ceo di Credit Suisse
Entrerà in carica il primo di agosto. Il gruppo ha registrato un secondo trimestre in rosso

ZURIGO - Nuovo presidente della direzione per Credit Suisse (CS): a partire da inizio agosto la grande banca sarà guidata da Ulrich Körner, oggi responsabile del comparto Asset Management. L'attuale Ceo Thomas Gottstein, entrato in carica nel febbraio 2020, lascerà l'incarico: nei suoi circa due anni e mezzo di regno l'istituto si è trovato ad annunciare diverse disavventure, che ne hanno minato la redditività.

Di nazionalità svizzera e tedesca, Körner compirà in ottobre 60 anni e ha alle spalle una lunga carriera presso le due principali banche svizzere, spiega CS in un comunicato odierno. Dall'aprile 2021 è membro della direzione e numero uno di Asset Management. All'epoca proveniva da UBS, dove per undici anni è stato nella direzione (sei come responsabile, una volta ancora, dell'Asset Management). Prima di entrare in UBS è stato attivo in posizioni di rilievo per Credit Suisse.

«Sono ansioso di lavorare con tutti i miei colleghi della banca e della direzione e di dedicare tutte le mie energie all'attuazione della nostra trasformazione», ha affermato Körner, in seguito alla nomina. «Si tratta di un'impresa impegnativa, ma allo stesso tempo di una grande opportunità» aggiunge. Insieme a questa nomina - che era già stata anticipata ieri sera da indiscrezioni pubblicate dal Wall Street Journal (WSJ) - la banca ha annunciato una "revisione completa della strategia". Ciò comporterà una significativa riduzione della base dei costi, fanno sapere i vertici.

«L'obiettivo della revisione è creare un gruppo più focalizzato e agile, con una base di costi assoluti significativamente più bassa, in grado di offrire rendimenti sostenibili agli azionisti e un servizio eccellente ai clienti», fa sapere l'istituto.

Secondo trimestre in rosso - Come da previsione, i risultati del secondo trimestre del Credit Suisse sono stati negativi, appesantiti dalle attività di investment banking. Con un fatturato in forte calo, la banca numero due in Svizzera ha registrato una perdita netta di 1,59 miliardi di franchi, rispetto all'utile di 253 milioni di franchi di un anno prima.

Rispecchiando il difficile contesto di mercato del secondo trimestre, la divisione Investment Bank ha registrato una perdita ante imposte di 1,11 miliardi di franchi. Il risultato del secondo trimestre è stato inoltre influenzato da maggiori accantonamenti per contenziosi e altre posizioni.

Il volume d'affari è sceso del 17% a 3,64 miliardi di franchi svizzeri. E le condizioni di mercato sfavorevoli hanno comportato anche a un calo dei patrimoni in gestione, scesi a 1454 miliardi di franchi dai 1632 miliardi di dodici mesi prima. Tra aprile e fine giugno, i deflussi netti di fondi sono stati pari a 7,7 miliardi di franchi, dopo aver raggiunto i 7,9 miliardi nei primi tre mesi dell'anno.

I risultati sono di gran lunga peggiori delle aspettative degli analisti. Quelli interpellati da AWP in media avevano previsto una perdita netta di 254 milioni di franchi e un giro d'affari di 4,12 miliardi.

In giugno, Credit Suisse aveva avvertito che anche il secondo trimestre si sarebbe chiuso in rosso, a causa delle condizioni di mercato particolarmente difficili che hanno colpito le attività di investment banking. Nel primo trimestre la perdita è stata di 273 milioni di franchi.

Per tutto l'arco del 2021, la banca ha subito una perdita netta di 1,6 miliardi di franchi, a causa dello scandalo Archegos, ma anche di rettifiche di valore.


 
 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA