Immobili
Veicoli

REGNO UNITORimossi gli annunci di un'azienda di latte vegetale perché «fuorvianti»

26.01.22 - 09:30
Affermazioni contenute nelle pubblicità non erano sufficientemente precise e risultavano ingannevoli per i consumatori
Afp
REGNO UNITO
26.01.22 - 09:30
Rimossi gli annunci di un'azienda di latte vegetale perché «fuorvianti»
Affermazioni contenute nelle pubblicità non erano sufficientemente precise e risultavano ingannevoli per i consumatori

LONDRA - Affermazioni ecologiche fuorvianti. Una serie di pubblicità del latte alternativo Oatly è stata cancellata perché i dati che venivano utilizzati per provare il basso impatto ambientale di una dieta vegetale non erano corretti.

La Advertising standards autority (Asa) ha dichiarato battaglia, dal settembre 2021, alle pubblicità ingannevoli o fuorvianti in fatto di clima. L'ultima azienda a essere finita sotto la loro lente è stata la svedese Oatly, che produce latte vegetale. In una campagna pubblicitaria apparsa sui social, in Tv e su un quotidiano nazionale britannico la società green rapportava le emissioni della propria produzione e dello stile di vita vegetale all'inquinamento risultante delle attività legate alle industrie della carne e lattiero-caseari, al trasporto aereo e alle auto elettriche.

«Gli esperti del clima affermano che tagliare i latticini e i prodotti a base di carne dalle nostre diete è il più grande cambiamento dello stile di vita che possiamo apportare per ridurre il nostro impatto ambientale». Questa è una delle frasi apparse nella campagna. Di base non è falsa, nel rapporto"Le diete a base vegetale e il loro impatto su salute, sostenibilità e ambiente" pubblicato dall'Oms a novembre 2021 si legge che «la produzione di alimenti vegetali produce emissioni di gas serra inferiori a quelle degli alimenti animali». E il passaggio da dieta onnivora a vegetale «potrebbe significativamente ridurre l'uso a livello globale del suolo per l'agricoltura». Tuttavia l'Asa ha affermato che i consumatori avrebbero capito che l'affermazione di Oatly fosse «definitiva e obiettiva, basata sul consenso scientifico», quando si tratta invece dell'opinione di un esperto di clima.

Su Facebook e Twitter, riporta il Guardian, Oatly ha scritto negli annunci a pagamento che «le industrie lattiero-caseria e della carne emettono più CO2 di tutti gli aerei, i treni, le automobili, le barche ecc. del mondo messi insieme». In questo caso l'Asa ha spiegato che i calcoli dell'azienda svedese erano sfalsati perché tenevano conto solo delle emissioni durante la guida di un veicolo e non quelle che coprono l'intero ciclo di vita di un trasporto.

L'affermazione contestata in due spot pubblicitari diceva che «Oatly genera il 73% in meno di CO2e rispetto al latte, calcolato dal coltivatore al droghiere». Ma quando l'Asa ha chiesto le prove di questa affermazione, l'azienda svedese ha dichiarato che si basava su un solo tipo di latte e non di tutti quelli vaccini.

L'Asa, che ha ordinato la rimozione di queste pubblicità, ha affermato che «gli annunci erano fuorvianti». Il portavoce di Oatly, Tim Knight, ha dichiarato che avrebbero potuto essere più specifici nel modo in cui sono stati descritti alcuni dati.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA