Keystone
I vertici dell'Ue hanno espresso la loro soddisfazione.
ULTIME NOTIZIE Economia
STATI UNITI
9 ore
I dipendenti Google rimarranno ancora a casa
Il rientro in ufficio, che era stato pianificato per gennaio, è stato nuovamente rimandato
STATI UNITI / SVIZZERA
12 ore
USA: la Svizzera non è più considerata «manipolatore di cambi»
Il Dipartimento del tesoro continuerà però a guardare con occhio critico gli interventi della Banca Nazionale Svizzera
MONDO
15 ore
Per più di metà dei manager, «il telelavoro incrementa la produttività»
Lo sostengono circa il 57% di oltre 4'000 manager di 26 Paesi, interpellati durante un sondaggio della società PwC
STATI UNITI / CINA
18 ore
Dalla Cina a Wall Street, un'impresa sempre più ardua
La stretta dei regolatori cinesi non si è fatta attendere: dopo soli cinque mesi, Didi lascia Wall Street
SVIZZERA
20 ore
Roche, tre nuovi test per individuare la variante Omicron
I prodotti sono stati sviluppati dalla sua controllata TIB Molbiol
SVIZZERA
1 gior
«Niente quarantena per i viaggi di lavoro»
Swissmem afferma che la misura, in questa fase, «è di fatto uno stop all'esportazione»
STATI UNITI
1 gior
Twitter lancia una battaglia per proteggere la privacy nelle foto e nei video
La misura non interesserà i personaggi pubblici, vale a dire gli utenti con una spunta blu
UNIONE EUROPEA
1 gior
Multa da 344 milioni di euro per UBS, Credit Suisse e altre banche
Le ammende arrivano a conclusione dell'indagine sul cartello del settore dei cambi
SVIZZERA
1 gior
Aldi aumenta gli stipendi a tutto il personale
Aumentato anche il congedo maternità, che passa da 16 a 18 settimane
MONDO
08.10.2021 - 20:010

Intesa trovata sulla "Minimum tax": «È un accordo storico»

L'accordo è sostenuto da tutti i Paesi membri dell'Ocse, dell'Unione europea e del G20

«Consentirà ai Paesi di raccogliere 150 miliardi all'anno di introiti supplementari»

PARIGI - «Un accordo storico»: 136 Paesi sui 140 del Quadro Inclusivo Ocse/G20 hanno raggiunto un'intesa sulla cosiddetta minimum tax, che impone una tassazione minima del 15% sulle grandi multinazionali, a cominciare dai colossi del web. Un'intesa resa possibile, dopo anni di intensi negoziati, grazie all'adesione di Irlanda, Estonia e Ungheria, che per lungo tempo si erano opposte.

È un accordo che piace soprattutto all'Europa, che si è impegnata molto sul tema. «Accolgo con favore l'accordo odierno sulla riforma fiscale globale. Questo è un momento storico. È un importante passo avanti per rendere più equo il nostro sistema fiscale globale», ha commentato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

«La Commissione europea ha sostenuto con forza questo sforzo internazionale. Vorrei ringraziare il commissario Paolo Gentiloni e i suoi servizi per il loro instancabile lavoro al riguardo», ha aggiunto la presidente europea. «Il multilateralismo è tornato», ha sottolineato Gentiloni che è stato tra i protagonisti di questo successo e non nasconde la sua contentezza sui social.

Plaude anche il vice presidente Ue Valdis Dombrovskis: «ottime notizie» per la tassazione globale. Il segretario generale dell'Ocse, Mathias Cormann, rende omaggio a quella che considera una «grande vittoria per un multilateralismo efficace ed equilibrato». «Si tratta di un accordo di grande portata - prosegue Cormann in un tweet - che garantisce che il nostro sistema fiscale internazionale si adatti ad un'economia globale digitale». «Adesso - conclude l'alto responsabile - dobbiamo lavorare con diligenza per garantire l'attuazione effettiva di questa riforma maggiore».

L'accordo permetterà di garantire l'applicazione di un tasso di imposizione minimo del 15% alle aziende multinazionali a partire dal 2023. Gli unici quattro Paesi che non hanno aderito sono Kenya, Nigeria, Pakistan e Sri Lanka. I restanti 136 che hanno detto 'si', tra cui l'Italia," rappresentano «oltre il 90% del Pil mondiale», precisa l'Ocse, aggiungendo che l'intesa consentirà «di riattribuire a Paesi del mondo intero i benefici per oltre 125 miliardi di dollari realizzati da 100 aziende multinazionali tra le più grandi e più redditizie al mondo». Obiettivo? Fare in modo «che queste società possano onorare la propria giusta parte fiscale qualunque siano le giurisdizioni in cui esercitano le loro attività e realizzano benefici».

Viene cosi' finalizzata l'intesa politica raggiunta a luglio dai membri del Quadro inclusivo, con l'obiettivo di riformare in profondità le regole fiscali del pianeta. Con il via libera di Dublino, Tallinn e Budapest, l'intesa viene ormai sostenuta da tutti i Paesi membri dell'Ocse, dell'Unione europea e del G20. Basato su due pilastri, l'accordo viene annunciato a pochi giorni dal G20 dei ministri delle Finanze previsto a Washington il 13 ottobre e soprattutto dal vertice del G20 di Roma di fine mese. L'accordo sulla minimum tax, precisa l'Ocse, non ha come obiettivo di «porre fine alla concorrenza fiscale» ma «di porre dei limiti convenuti multilateralmente. Consentirà ai Paesi di raccogliere circa 150 miliardi annuali di introiti supplementari».
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-04 04:49:27 | 91.208.130.89