keystone-sda.ch (US HOUSE OF REPRESENTATIVES HAND)
La Camera Usa ha dato il via libera all'impeachment di Donald Trump.
STATI UNITI
13.01.2021 - 22:310
Aggiornamento : 14.01.2021 - 07:51

La Camera ha approvato l'impeachment per Trump

Alla fine i voti favorevoli sono stati più del previsto: dieci Repubblicani si sono schierati contro il presidente.

Ora tocca al Senato: saranno decisive le scelte del leader della maggioranza Mitch McConnell.

WASHINGTON - La Camera degli Stati Uniti ha votato a favore dell'impeachment per il presidente uscente Donald Trump. I voti favorevoli sono stati 232, compresi dieci arrivati dallo schieramento repubblicano - più dei 6-7 previsti all'inizio della votazione - mentre i contrari si sono fermati a 197. Cinque deputati non hanno votato.

Trump è accusato di "incitamento all'insurrezione", per aver fomentato l'assalto al Campidoglio dello scorso 6 gennaio, che ha provocato vittime sia tra i manifestanti che tra gli agenti intervenuti per respingerli.

Ora tocca al Senato - L'ufficio di presidenza della Camera ha fatto sapere che gli atti della votazione odierna verranno immediatamente inviati al Senato (a maggioranza repubblicana e teoricamente in pausa fino al 19 gennaio, il giorno prima dell'insediamento di Joe Biden).

La posizione di McConnell - Siccome il processo politico contro Trump spetta proprio al Senato, sarà fondamentale capire cosa deciderà Mitch McConnell. Il leader dei Repubblicani viene accreditato di una sempre maggiore insofferenza nei confronti dell'attuale inquilino della Casa Bianca ma, secondo i media, non avrebbe intenzione di richiamare i senatori e convocare una sessione d'urgenza della Camera alta prima della fine del mandato, ovvero tra una settimana. Nel pomeriggio McConnell ha però inviato una nota ai colleghi repubblicani, nella quale spiega di «non aver preso una decisione finale su come voterò e intendo ascoltare le motivazioni legali quando saranno presentate al Senato».

Il secondo impeachment - Per la seconda volta la Camera ha approvato la procedura contro Trump in un anno, una circostanza senza precedenti nella storia degli Stati Uniti. Nel corso delle dichiarazioni di voto hanno avuto particolare rilievo sui media le parole degli esponenti solitamente favorevoli al presidente uscente e che giudicano inaccettabili i fatti della scorsa settimana. Giudizio condiviso anche da esponenti che hanno votato però contro l'impeachment, giudicandolo «un errore» in quanto causa di ulteriori divisioni in una popolazione già gravemente spaccata. Kevin McCarthy, il leader della minoranza repubblicana, ha spiegato di ritenere Trump responsabile dell'assalto al Campidoglio, ma di essere contrario a una richiesta d'impeachment così a ridosso della fine del mandato presidenziale. 

Da parte democratica Trump è stato dipinto come un pericolo per il futuro degli Stati Uniti «Ho dedicato la mia vita alla difesa della nostra nazione» ha affermato il deputato Jason Crow, veterano dell'esercito. «E Donald Trump è un rischio per tutto ciò che amo». Svariati deputati hanno bollato Trump come «traditore» e l'hanno accusato di avere «le mani sporche di sangue».

Il messaggio distensivo di Trump - Da parte sua, l'ufficio stampa della Casa Bianca ha fatto circolare un comunicato nel quale Trump invita i suoi sostenitori ad astenersi da nuove manifestazioni aggressive. «Esorto che non ci deve essere nessuna violenza, nessuna violazione della legge e nessun atto di vandalismo di alcun tipo. Non è questo ciò che io sostengo, e non è ciò che l'America rappresenta». Trump lancia un messaggio di pacificazione nazionale: «Invito tutti gli americani ad alleviare le tensioni e calmare gli animi».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-30 13:12:00 | 91.208.130.87