Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
6 ore
Sparatoria in un liceo nel Tennessee: un morto
Un agente addetto alla sicurezza dell'istituto è invece rimasto ferito
AUSTRALIA
7 ore
Niente prima dose per tutti entro ottobre
Il governo Morrison ha rivisto l'obiettivo per la campagna vaccinale
EUROPA
8 ore
In europa oltre un milione di morti per il Covid
L'Europa è l'area più colpita del mondo davanti ad America Latina e Nord America
SPAGNA
8 ore
Coronavirus: aumento dei casi in Spagna, “effetto Settimana Santa”
La trasmissione del virus è attualmente «più lenta» grazie all'effetto dei vaccini e di alcune restrizioni
CINA
10 ore
I bimbi hanno un'alta e lunga carica virale
È quanto sostiene uno studio dell'Università di Hong Kong
FOTO
SPAGNA
11 ore
Per Igor il Russo richiesto «il massimo della pena»
Il killer serbo di nazionalità ungherese a processo oggi in Spagna, l'accusa: «Agì con freddezza»
UNIONE EUROPEA
12 ore
Ursula, ma non solo: UE, dove il potere è donna
Per la prima volta della storia continentale detengono ruoli chiave (e non c'è "sofagate" che tenga)
FOTO
VANUATU
12 ore
Una tribù in lutto: venerano il principe Filippo come un dio
Secondo alcuni aborigeni, il Duca di Edimburgo sarebbe «il figlio dalla pelle bianca di una divinità delle montagne»
REGNO UNITO
13 ore
Cameron indagato, fece lobbying per Greensill
Ad aprire il procedimento, lo stesso Boris Johnson: «Chiarezza, nel rispetto dei contribuenti»
FOTO
FRANCIA
14 ore
Spari fuori da un ospedale di Parigi: un morto e un ferito
La persona che ha aperto il fuoco è in fuga, secondo un testimone è stata una sorta di esecuzione
REGNO UNITO
29.09.2020 - 21:580
Aggiornamento : 30.09.2020 - 07:10

Luce verde dai Comuni alla legge anti-Ue

Il progetto di Boris Johnson mira a rimettere in discussione alcuni degli impegni presi dopo la Brexit.

Il testo dovrà ora essere approvato dalla Camera dei Lord.

LONDRA - Via libera finale stasera in terza lettura della Camera dei Comuni britannica, con 340 sì contro 256 no, al contestato progetto di legge del governo di Boris Johnson che mira a rimettere in discussione attraverso una norma nazionale (Internal Market Bill) alcuni degli impegni presi per il dopo Brexit nell'Accordo di Recesso firmato con l'Ue, in particolare sullo status commerciale e doganale dell'Ulster: norma che ha scatenato l'ira di Bruxelles.

Il testo era stato modificato con un potere di veto attribuito al Parlamento di Westminster all'attuazione dei punti che violerebbero il diritto internazionale: modifica che ha messo fine alla ribellione di una parte di deputati della maggioranza Tory, ma non non basta a far rientrare la minaccia Ue di ricorsi legali. Ora per il governo ci sarà comunque l'ostacolo della Camera dei Lord.

La maggioranza teorica che sostiene il governo ha perso alla fine appena un pugno di voti, incluso quello rimasto quasi solitario nei banchi Tory dell'ex premier Theresa May: la quale ha tenuto duro sino alla fine nel no a una legge da lei criticata come "una macchia sulla reputazione" del Paese per la potenziale violazione d'un trattato internazionale.

Il disegno di legge, emendato nei giorni scorsi con una correzione concordata dall'esecutivo con il veterano conservatore moderato Bob Neill, indica ora limiti di attuazione dei punti più controversi, che potranno essere invocati - previo un ulteriore passaggio parlamentare obbligatorio - solo in caso di presunti rischi per l'integrità del confine interno fra Irlanda del Nord e resto del Regno in assenza di un accordo commerciale di libero scambio fra Londra e l'Ue.

Per i 27 non si tratta in ogni modo di una modifica determinante, tenuto conto che si limita ad attribuire di fatto potere di veto a Westminster, ma lascia nelle mani delle istituzioni britanniche la pretesa di poter rivedere unilateralmente elementi cruciali dell'intesa di divorzio. Bruxelles ha ribadito in questi giorni che la minaccia di un ricorso legale resta pendente, laddove il provvedimento non fosse ritirato (come al momento il governo Johnson rifiuta recisamente di fare) ed entrasse definitivamente in vigore. La polemica non ha tuttavia congelato i negoziati sulle relazioni future, che questa stessa stessa settimana proseguono a Bruxelles fra i team guidati dal Michel Barnier e lord David Frost e che - malgrado alcuni nodi chiave ancora tutt'altro che risolti - potrebbero ancora portare a un accordo commerciale in extremis entro metà ottobre in grado di evitare il no deal e far abbandonare lo stesso Internal Market Bill.

L'iter di quest'ultimo provvedimento non è del resto compiuto: da domani passa alla Camera dei Lord, dove il governo Johnson non ha la maggioranza sulla Brexit e dove si preannuncia un diffuso ostruzionismo, sebbene in caso di conflitto la parola finale spetti per prassi di nuovo alla Camera bassa, unica assemblea elettiva di Westminster; e in più non ha ricevuto l'assenso del Parlamento locale scozzese, dominato dagli indipendentisti anti-brexiteer dell'Snp, che cercheranno di far valere questa lacuna formale per dimostrare un supposto vulnus istituzionale alla devolution e portare in seguito la questione anche in sede di corti giudiziarie del Regno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Monello 6 mesi fa su tio
..Gli Inglesi dimostrano di avere ancora le @@ !!!
Heinz 6 mesi fa su tio
@Monello È una questione sottile, è un attimo passare dal verbo avere al verbo essere, il tempo ci dirà quale è la corretta declinazione della tua frase.
seo56 6 mesi fa su tio
Ecco come si fa! Grandi..
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 05:41:39 | 91.208.130.87