Immobili
Veicoli
«La strada è stata lunga, ma oggi possiamo dire: giustizia è stata fatta»
keystone-sda.ch (Elizabeth Williams)
L'avvocato Jeffrey Pagliuca, rincuora Ghislaine Maxwell al momento della sentenza.
+2
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
GERMANIA
2 ore
Scontro tra un treno e un bus a Ulm
I due conducenti e alcuni passeggeri avrebbero riportato gravi ferite
RUSSIA
2 ore
Confermati in appello i nove anni a Navalny
Il dissidente russo ha perso in appello
REGNO UNITO
3 ore
Per questa festa Johnson non è stato multato
Emergono nuove foto da Downing Street: l'opinione pubblica mette in dubbio il processo decisionale della polizia
BELGIO
6 ore
Troppo piombo nel sangue dei bambini, anche in Svizzera
Sono oltre 20 milioni i piccoli esposti a un elevato inquinamento, dettato da pesticidi, emissioni e rifiuti
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
«La Russia ruba il grano ucraino. Ci sono le prove»
La Commissione Ue: «Putin sta usando il tema alimentare come un'arma». E «l'impatto si sente non solo sull'Ucraina».
FOCUS
7 ore
La nuova paura americana: un mondo con i neri al posto dei bianchi
Si chiama teoria della "grande sostituzione". È un timore avvertito da una diffusa parte della popolazione bianca
UCRAINA
7 ore
Quei bombaroli siriani che Putin è pronto a schierare in Ucraina
Si tratta del corpo di artificieri che ha inventato le strazianti “barrel bombs” usate da Assad per far strage di civili
STATI UNITI/CINA
14 ore
«Se Taiwan viene invasa interverremo militarmente»
Il presidente americano Biden ha lanciato un messaggio a Pechino. Che risponde per le rime
TONGA
14 ore
Tonga distrugge, ma resta intatto
Le pareti del vulcano non sono andate distrutte, pur trattandosi della più forte eruzione negli ultimi 30 anni
MONDO
17 ore
Vaiolo delle scimmie: «Contenerlo è possibile»
L'Oms vuole bloccare la trasmissione da uomo a uomo. E capire se il virus abbia subito una mutazione
STATI UNITI
30.12.2021 - 11:450

«La strada è stata lunga, ma oggi possiamo dire: giustizia è stata fatta»

La condanna di Ghislaine Maxwell, complice di Jeffrey Epstein, chiude un oscuro capitolo di storia americana

NEW YORK - Una deliberazione-fiume, proseguita per 6 giorni e 40 ore quella dei giurati che dovevano pronunciarsi su quello che per molti è il processo dell'anno, quello alla socialite e complice del magnate e pedofilo newyorchese Jeffrey Epstein, Ghislaine Maxwell.

Tanti gli stop, le richieste alla corte di verbali e testimonianze, che a un certo punto si è pensato che il tutto avrebbe potuto protrarsi fino al nuovo anno (con le delibere previste anche il 31 e a Capodanno). Alla fine, all'improvviso, nella serata di ieri a New York (poco prima della mezzanotte in Svizzera), è arrivato il verdetto.

Maxwell è stata ritenuta colpevole di 5 dei 6 capi d'accusa, tutti legati allo sfruttamento e traffico sessuale di minorenni (dalla cospirazione alla gestione del traffico stesso, fino all'adescamento delle ragazze). La condanna della 60enne non è ancora nota ma sarà di parecchi anni di carcere (fino a 65) ed è verosimile che possa passare tutto il resto della sua vita dietro le sbarre.

Unico capo d'accusa per il quale è stata ritenuta non colpevole riguarda la teste anonima Jane, dimostratasi fortemente in difficoltà in tribunale anche per merito dello spietato lavoro di pressing da parte del team dei legali di Maxwell. La sua deposizione è stata rivoltata come un guanto e letteralmente smontata dagli avvocati.

«La strada della giustizia è stata davvero lunga, ma oggi possiamo dire: giustizia è stata fatta», ha commentato a caldo il procuratore della Corte di Manhattan Damian Williams, «la giuria ha ritenuto colpevole Ghislaine Maxwell di uno dei peggiori crimini che esistono: il facilitare, partecipando, l'abuso sessuale di minori. Crimini, questi, che ha compiuto con il suo complice Jeffrey Epstein. Ringraziamo il coraggio delle ragazze, oggi donne adulte, che si sono fatte avanti uscendo dall'ombra e presentandosi in tribunale».

Fra queste, che hanno testimoniato in forma anonima Jane (adescata e abusata a partire dai 14 anni), ci sono anche Kate (dai 17 anni), Carolyn (14 anni) e Annie Farmer (a 16), l'unica che si è presentata con il suo nome e cognome.

«Sono sollevata e grata alla giuria, perché ha riconosciuto il modus operandi predatorio e sistematico di Maxwell», ha commentato ai media Farmer, «ha fatto del male a molte più donne delle poche che si sono presentate in tribunale, spero che questo verdetto possa in qualche modo portare loro sollievo».

La nota vittima Virginia Giuffre, che è una delle diverse querelanti, non è stata chiamata a testimoniare né dall'accusa né dalla difesa. Il motivo risiede con ogni probabilità alla sua causa per abusi - anche quella deposta a New York - nei confronti del Principe Andrea, che è stata recentemente (e nuovamente) osteggiata.

Al termine del processo gli avvocati di Maxwell hanno chiesto alla Corte se l'imputata, prima di tornare in carcere, potesse ricevere una dose booster di vaccino per il Covid. Non è chiaro se la richiesta sia stata, o meno, accolta. 

keystone-sda.ch (Peter Foley)
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-24 13:50:36 | 91.208.130.85