KEYSTONE
Nuove accuse contro i carabinieri arrestati a Piacenza.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
CILE
6 ore
Il Cile mette al bando i sacchetti di plastica
È il primo paese dell'America latina che introduce tale misura
STATI UNITI
8 ore
La procura indaga Trump per frode bancaria
È quanto scrive il New York Times: il presidente è stato sollecitato a consegnare alcune dichiarazioni fiscali
SPAGNA
9 ore
Juan Carlos se ne va dalla Spagna
Dopo le indagini per presunta evasione fiscale, il re emerito ha deciso di trasferirsi all'estero
FOTO E VIDEO
ITALIA
9 ore
Un arcobaleno, poi il tricolore salutano il nuovo ponte
A due anni dalla tragedia del Ponte Morandi è stato inaugurato il nuovo viadotto Genova San Giorgio.
REGNO UNITO
11 ore
Pensavano fosse stato assassinato, risalta fuori 5 anni dopo
La surreale storia di Ricardas Puisys, nascosto nel bosco per scappare alla criminalità organizzata: «Ora è al sicuro»
ITALIA
11 ore
Coronavirus: 1,48 milioni d'italiani hanno gli anticorpi
Sono sei volte più rispetto al totale dei casi intercettati, come emerge dallo studio sulla sieroprevalenza
FILIPPINE
13 ore
Duterte, pugno di ferro anche contro il virus
Manila e le province circostanti saranno nuovamente in quarantena da domani e per due settimane
ITALIA
13 ore
Novartis e Roche assolte in Italia per il caso Avastin-Lucentis
Caduta l'accusa di accordo illecito fra i colossi farmaceutici per due farmaci simili ma dai prezzi molto diversi
RUSSIA
14 ore
Milioni di dosi di vaccino «entro l'inizio del 2021»
La previsione di Mosca, che annuncia la produzione in massa del preparato sviluppato dal Centro Gamaleya
GERMANIA
15 ore
«Lui non collaborerà mai con la polizia»
Le parole del legale di Christian Brueckner, l'uomo attorno a cui si concentrano le indagini sul caso di Maddie McCann
ITALIA
31.07.2020 - 20:140

Piacenza, nuove denunce contro i carabinieri arrestati

Dal Garante nazionale delle persone private della libertà arriva un allarme per i recenti «fatti gravi» segnalati

PIACENZA - Nuove denunce di abusi subiti dagli arrestati che hanno raccontato di essere stati picchiati, anzi «gonfiati di botte» dai carabinieri della stazione Levante di Piacenza. Si aggiungeranno al fascicolo dell'inchiesta senza precedenti che il 22 luglio ha portato, oltre al sequestro della caserma, all'arresto di sei militari, e ad altre misure cautelari per alcuni loro colleghi, per reati come tortura, spaccio ed estorsione.

Intanto, dal Garante nazionale delle persone private della libertà arriva un allarme per i recenti «fatti gravi» che hanno coinvolto operatori di diverse Forze di polizia, e l'invito a non essere indulgenti di fronte alle violenze.

Piacenza - A Piacenza è l'avvocato Antonino Rossi, difensore di un albanese di 37 anni a raccontare al quotidiano Libertà di aver presentato denuncia per abuso di autorità, minacce aggravate, violenza privata e falso. «Il mio assistito è stato picchiato, gli anziani genitori minacciati e tutte le circostanze evidenziate nel verbale di arresto sono inventate», ha detto, riferendosi a quanto avvenuto il 3 aprile, quando lo straniero è stato bloccato e portato in caserma per detenzione di stupefacenti: «In via Caccialupo - racconta il 37enne al giornale - mi hanno trattato di m..., non mi hanno voluto dare nemmeno un po' di acqua e zucchero. 'Devi soffrire', ha detto uno di loro. Voglio però dire che, dopo, nella caserma in via Beverora (sede del comando provinciale) ho incontrato persone molto diverse».

Lo stesso legale sta valutando di chiedere la revisione del processo per un italiano, che racconta una storia del 2011, quando venne arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, nel corso del suo addio al celibato. «M. (l'appuntato finito ora in carcere) mi tirò giù dalla macchina di forza, mi ammanettò e mi prese a spintoni e calci. Poi in caserma mi gonfiarono di botte per un quarto d'ora» questo il racconto. Al processo per direttissima «i carabinieri arrivarono in tribunale fasciati, sembrava che fossi stato io a picchiarli».

E un altro episodio da brividi è quello riferito al Manifesto da Israel Anyanku, nigeriano che in fotografia è diventato uno dei simboli dell'operazione Odysseus: a terra, ammanettato, scalzo, con una chiazza di sangue sul selciato. Ora ricostruisce l'arresto effettuato dai carabinieri il 27 marzo, quando venne fermato sotto casa, senza mascherina: «Mi hanno buttato per terra e mi hanno colpito sul naso, e ancora e ancora mi hanno colpito, molte volte. Mi continuava a uscire il sangue e loro seguitavano a chiedermi cosa avessi in tasca e io continuavo a rispondere: niente! E mi colpivano in faccia, con le manette».

«Viva preoccupazione» - Nel commentare «drammatiche vicende» come queste è intervenuto il Garante dei detenuti. Ha espresso «viva preoccupazione» a cominciare dalle «ripetute segnalazioni di episodi di violenza nell'Istituto penitenziario di Torino», già denunciate a suo tempo alla procura dallo stesso Mauro Palma. E ha parlato di «analoga devianza culturale» emersa dalle indagini sul gruppo di carabinieri di Piacenza.

«Non è tollerabile - ha detto - il linguaggio che si è visto emergere da carte che riportano intercettazioni di colloqui di appartenenti a forze dell'ordine; non è ammissibile che le persone, una volta riportate sotto il controllo di chi esercita l'autorità in nome della collettività, possano subire forme di violenza; né è accettabile qualsiasi indulgenza o asserita inconsapevolezza perché finirebbe implicitamente per proiettare quell'innegabile messaggio d'impunità che è il vero germe distruttivo delle forze dell'ordine in una democrazia».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 05:30:40 | 91.208.130.85