KEYSTONE
Nuove accuse contro i carabinieri arrestati a Piacenza.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FRANCIA
12 ore
«Troppi morti nella Manica, è inaccettabile»
Lo ha detto il Ministro francese Gérald Darmanin, in un meeting relativo alla situazione dei migranti
LE FOTO
REPUBBLICA CECA
13 ore
Il Presidente nomina il premier... da un box in plexiglas
Il Presidente Milos Zeman è infatti positivo al coronavirus, e ha dovuto nominare il Primo ministro da un box
STATI UNITI
15 ore
Parte un colpo di pistola, e un 13enne uccide un bimbo di cinque anni
Un'altra tragedia delle armi negli Stati Uniti: si presume sia stato un atto involontario, durante un gioco
PERÙ
16 ore
Trema la terra nel nord del Perù: scossa di magnitudo 7,5
Non sono al momento segnalate vittime, ma i danni materiali sembrano essere ingenti
NUOVA ZELANDA
17 ore
All'ospedale in bicicletta per partorire: la missione della politica neozelandese
Julie Anne Genter aveva già le contrazioni quando ha deciso di salire sul mezzo
ITALIA
20 ore
Scossa di terremoto vicino alle Eolie
La magnitudo è stata di 4,3, l'attenzione è volta ai vulcani
EMIRATI ARABI UNITI
21 ore
Lo sceicco concede la grazia a 870 detenuti
Il gesto coincide con la cinquantesima Giornata nazionale degli Emirati
LE FOTO
REGNO UNITO
21 ore
Venti devastanti sferzano il Regno Unito, tre decessi
La tempesta Arwen ha portato venti fino a 155km/h, moltissimi i danni e i disagi
EUROPA
1 gior
Omicron avanza, l'Europa trema
In Olanda 85 casi su due voli, scoperti contagi anche in Italia e Germania. Tornano le quarantene cautelative
LIVE
MONDO
LIVE
La variante Omicron è sbarcata anche in Canada
Sono stati rilevati due casi che riguardano due persone arrivate di recente dalla NIgeria
ITALIA
31.07.2020 - 20:140

Piacenza, nuove denunce contro i carabinieri arrestati

Dal Garante nazionale delle persone private della libertà arriva un allarme per i recenti «fatti gravi» segnalati

PIACENZA - Nuove denunce di abusi subiti dagli arrestati che hanno raccontato di essere stati picchiati, anzi «gonfiati di botte» dai carabinieri della stazione Levante di Piacenza. Si aggiungeranno al fascicolo dell'inchiesta senza precedenti che il 22 luglio ha portato, oltre al sequestro della caserma, all'arresto di sei militari, e ad altre misure cautelari per alcuni loro colleghi, per reati come tortura, spaccio ed estorsione.

Intanto, dal Garante nazionale delle persone private della libertà arriva un allarme per i recenti «fatti gravi» che hanno coinvolto operatori di diverse Forze di polizia, e l'invito a non essere indulgenti di fronte alle violenze.

Piacenza - A Piacenza è l'avvocato Antonino Rossi, difensore di un albanese di 37 anni a raccontare al quotidiano Libertà di aver presentato denuncia per abuso di autorità, minacce aggravate, violenza privata e falso. «Il mio assistito è stato picchiato, gli anziani genitori minacciati e tutte le circostanze evidenziate nel verbale di arresto sono inventate», ha detto, riferendosi a quanto avvenuto il 3 aprile, quando lo straniero è stato bloccato e portato in caserma per detenzione di stupefacenti: «In via Caccialupo - racconta il 37enne al giornale - mi hanno trattato di m..., non mi hanno voluto dare nemmeno un po' di acqua e zucchero. 'Devi soffrire', ha detto uno di loro. Voglio però dire che, dopo, nella caserma in via Beverora (sede del comando provinciale) ho incontrato persone molto diverse».

Lo stesso legale sta valutando di chiedere la revisione del processo per un italiano, che racconta una storia del 2011, quando venne arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, nel corso del suo addio al celibato. «M. (l'appuntato finito ora in carcere) mi tirò giù dalla macchina di forza, mi ammanettò e mi prese a spintoni e calci. Poi in caserma mi gonfiarono di botte per un quarto d'ora» questo il racconto. Al processo per direttissima «i carabinieri arrivarono in tribunale fasciati, sembrava che fossi stato io a picchiarli».

E un altro episodio da brividi è quello riferito al Manifesto da Israel Anyanku, nigeriano che in fotografia è diventato uno dei simboli dell'operazione Odysseus: a terra, ammanettato, scalzo, con una chiazza di sangue sul selciato. Ora ricostruisce l'arresto effettuato dai carabinieri il 27 marzo, quando venne fermato sotto casa, senza mascherina: «Mi hanno buttato per terra e mi hanno colpito sul naso, e ancora e ancora mi hanno colpito, molte volte. Mi continuava a uscire il sangue e loro seguitavano a chiedermi cosa avessi in tasca e io continuavo a rispondere: niente! E mi colpivano in faccia, con le manette».

«Viva preoccupazione» - Nel commentare «drammatiche vicende» come queste è intervenuto il Garante dei detenuti. Ha espresso «viva preoccupazione» a cominciare dalle «ripetute segnalazioni di episodi di violenza nell'Istituto penitenziario di Torino», già denunciate a suo tempo alla procura dallo stesso Mauro Palma. E ha parlato di «analoga devianza culturale» emersa dalle indagini sul gruppo di carabinieri di Piacenza.

«Non è tollerabile - ha detto - il linguaggio che si è visto emergere da carte che riportano intercettazioni di colloqui di appartenenti a forze dell'ordine; non è ammissibile che le persone, una volta riportate sotto il controllo di chi esercita l'autorità in nome della collettività, possano subire forme di violenza; né è accettabile qualsiasi indulgenza o asserita inconsapevolezza perché finirebbe implicitamente per proiettare quell'innegabile messaggio d'impunità che è il vero germe distruttivo delle forze dell'ordine in una democrazia».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-29 07:46:36 | 91.208.130.89