Cerca e trova immobili

CROAZIA Gli agricoltori croati: «C'è troppo grano ucraino»

27.09.23 - 16:38
Il primo ministro Andrej Plenković ha invece negato che il grano confluisce nel Paese
Depositphotos (loskutnikov)
Fonte ATS ANS
Gli agricoltori croati: «C'è troppo grano ucraino»
Il primo ministro Andrej Plenković ha invece negato che il grano confluisce nel Paese

ZAGABRIA - Anche gli agricoltori croati, dopo quelli polacchi e slovacchi, iniziano a lamentarsi che il mercato locale è invaso dal grano ucraino, fatto che contribuisce fortemente al prezzo di vendita dei loro prodotti. Lo riporta la stampa a Zagabria, citando un coltivatore della Slavonia, Petar Pranjić, portavoce di un gruppo di agricoltori, secondo il quale in Croazia negli ultimi mesi sono apparse grandi quantità di grano e di farina di provenienza ucraina.

Dopo che la Russia si è ritirata unilateralmente dall'accordo sull'esportazione del grano ucraino e dopo che da settimane bombarda intensamente l'infrastruttura portuale sul Mar Nero, il governo croato ha aperto ad agosto i porti adriatici e quelli sul Danubio per il transito del grano ucraino verso Paesi terzi. Ma la cosa non si sarebbe limitata al solo transito: secondo le denunce degli agricoltori, parte dei carichi di grano andrebbe a finire sul mercato croato.

Il primo ministro Andrej Plenković ha invece negato che il grano previsto per il transito e l'export verso Paesi terzi confluisca anche sul mercato nazionale, cosa che sarebbe, a suo dire, anche contraria all'accordo raggiunto quest'estate tra il governo di Zagabria e quello di Kiev sul transito di cereali tramite porti croati verso Paesi terzi.

Il ministero dell'Agricoltura di Zagabria ha confermato che la Croazia continua a importare grano ucraino, ma in quantità stabili, come anche in passato, prima dell'invasione russa e il blocco dei porti sul Mar Nero. Nei primi sei mesi di quest'anno e prima dell'accordo sul transito, stando ai dati di questa fonte, la Croazia ha importato 65 mila tonnellate di cereali vari, che rappresenta il 38% delle importazioni di questi prodotti in generale, pari a un valore di 18 milioni di euro. Nell'intero 2022 l'import dall'Ucraina era invece di poco meno di 43 mila tonnellate, dunque sensibilmente inferiore, e le proiezioni indicano che nel 2023 l'import dall'Ucraina sarà in totale il doppio di quello dell'anno scorso.

Alcuni esperti del settore indicano che le pratiche amministrative e statistiche sulla provenienza dei cereali importati e la loro quantità in Croazia non sono particolarmente dettagliate e attendibili, dando in questo modo ragione agli agricoltori. Per ora nessuno ha chiesto che anche la Croazia si unisca ai Paesi dell'est europeo che hanno proibito l'importazione del grano ucraino e il governo di Zagabria non starebbe considerando provvedimento in questo senso.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Stefy43 9 mesi fa su tio
Tramite il rinnovamento verde l’UE confischera le terre, saremo costretti a mangiare il loro cibo industriale con proteine “asiatiche”

Stefy43 9 mesi fa su tio
presto non ci saranno piu agricoltori in europa

sWiSs_PiRaTe 9 mesi fa su tio
non arriveremo più da nessuna parte... ci siamo già...

Djudjolo 9 mesi fa su tio
miii,si son svegliati anche loro,strano ne?

Peter Parker 9 mesi fa su tio
Ma non avevano tutti detto che il blocco russo dell’esportazione del grano ucraino era da considerare come atto t e r r ori st co per mettere in ginocchio i popoli di tutto il mondo e farli morire di fame? Ora che cominciano esportare di nuovo questo grano non lo vuole più nessuno?

W.Bernasconi 9 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Ha ragione. Effettivamente questa situazione comincia a non quadrare.

medioman 9 mesi fa su tio
Risposta a W.Bernasconi
Ma non solo quella del grano….

medioman 9 mesi fa su tio
Non sanno più dove mandarlo
NOTIZIE PIÙ LETTE