Immobili
Veicoli

TURCHIA / GRECIATurchia e Grecia si contendono il patrimonio culturale del mar Egeo

06.07.22 - 06:30
Lo slogan della campagna turistica TurkAegean, che allude alle isole greche, ha attirato l’ira di Atene.
Deposit
Turchia e Grecia si contendono il patrimonio culturale del mar Egeo
Lo slogan della campagna turistica TurkAegean, che allude alle isole greche, ha attirato l’ira di Atene.
Le tensioni tra i due governi sono ai minimi storici, il settore turistico e culturale non è escluso dal confronto.

ANKARA / ATENE - I patrimoni culturali ellenici del mar Egeo? Sono anche un po’ turchi. È quanto reclama l’agenzia del turismo di Ankara sostenendo che bisogna smetterla di associare la regione e i suoi monumenti storici esclusivamente alla Grecia. La campagna turistica turca per l'estate 2022 ha quindi deciso di usare lo slogan "Turkaegean" o "Turkish Egeo", per promuovere monumenti e siti archeologici dell'antica Grecia sulle isole del mar Egeo. La risposta di Atene non si è fatta attendere: «Non è solo una pubblicità innocente, questa è propaganda».

Degradazione delle relazioni diplomatiche - Le tensioni tra i due governi si estendono quindi anche sul piano mediatico. La questione non si limita al semplice settore turistico, ma apre un vaso di Pandora. Le relazioni diplomatiche si sono infatti degradate da mesi. Durante il vertice Nato di Madrid, svoltosi la scorsa settimana, le delegazioni dei due paesi hanno entrambe rifiutato d'incontrarsi per dei colloqui bilaterali.

II motivo? La militarizzazione delle isole del mar Egeo confinanti con la Turchia, da anni contese tra le due nazioni. Ankara ha accusato Atene di violazione dei trattati internazionali. Il ministro degli Esteri turco, Mevlüt Çavuşoğlu, ha avvertito il mese scorso che la Turchia sarebbe intervenuta nel caso in cui le truppe non fossero state ritirate.

Con le sue coste occidentali a cavallo dell'Egeo, la Turchia pretende ora un maggiore riconoscimento delle bellezze della regione. Lo scorso dicembre, il Governo di Ankara ha presentato una richiesta all'Ufficio per la proprietà intellettuale dell'UE per il marchio TurkAegean, attirando l'ira dei funzionari greci. 

Il turismo turco - Lo slogan TurkAegean è centrale nella campagna di promozione della costa turca. «L'Egeo turco è una delle regioni più squisite che il nostro paese ha da offrire ai visitatori», ha detto il ministro della cultura e del turismo, Mehmet Nuri Ersoy, al Financial Times. Il ministro ha precisato l'importanza delle rovine che includono il sito archeologico dove si trovava la città di Troia e l’antico centro urbano portuale di Efeso, una volta considerato come il più importante centro commerciale del Mediterraneo. «Possiamo vantare coste avvolte da acque cristalline, numerosi siti storici risalenti al II secolo a.C. e spiagge idilliache per godersi il sole raggiante».

«Solo propaganda» - Secondo i funzionari greci, invece, la campagna turistica è parte integrante della strategia del presidente turco Erdogan in vista delle elezioni del 2023. «Non è solo una pubblicità innocente, ma un altro argomento che viene utilizzato per mettere in discussione la nostra sovranità sulle isole greche nel mar Egeo e i nostri diritti nelle zone economiche marittime», ha detto l'ex ministro degli esteri e George Katrougalos. «Dire che una parte del Mar Egeo è turco è propagandistico e soprattutto totalmente sbagliato». 

«Recentemente abbiamo assistito a un incremento molto aggressivo delle rivendicazioni turche nell'Egeo», ha detto Constantinos Filis, professore di relazioni internazionali presso l'American College of Greece. «Sembrerebbe che la Turchia stesse preparando il pubblico internazionale per quello che potrebbe accadere in un futuro prossimo».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO