Immobili
Veicoli

UNIVERSOCinquemila pianeti alieni scoperti in 30 anni

22.03.22 - 22:57
Tra i mondi finora scoperti, ci sono piccoli pianeti rocciosi, giganti gassosi, ma anche super-Terre
Keystone
Fonte ats ans
Cinquemila pianeti alieni scoperti in 30 anni
Tra i mondi finora scoperti, ci sono piccoli pianeti rocciosi, giganti gassosi, ma anche super-Terre
Vita nell'universo? «È solo questione di tempo» per l'astronomo Alexander Wolszczan

NEW YORK - Sono 5'000 i pianeti esterni al Sistema Solare, scoperti in una caccia che dura da 30 anni: è il nuovo record confermato dalla Nasa, che comprende le scoperte riportate in pubblicazioni scientifiche sottoposte a revisione e le cui prove vengono da diverse osservazioni indipendenti.

Il viaggio alla scoperta dei mondi alieni è iniziato nel 1992, con i primi 3 pianeti individuati intorno ad una pulsar, una stella di neutroni che ruota molto velocemente su sé stessa emettendo lampi di radiazione elettromagnetica. Gli ultimi 65 invece, che hanno permesso il raggiungimento del record, sono stati aggiunti all'archivio il 21 marzo di quest'anno.

Tra i 5'000 mondi alieni finora scoperti, ci sono piccoli pianeti rocciosi come la Terra, giganti gassosi molto più grandi di Giove, ma anche super-Terre, mini-Nettuno e "Giove caldi", che orbitano vicinissimi alla loro stella. E non mancano neanche pianeti che ruotano intorno a due stelle contemporaneamente o che rimangono testardamente vicini ai resti di un sole ormai morto.

«È inevitabile che troveremo vita»
«A mio parere, è inevitabile che troveremo prima o poi vita da qualche parte, più probabilmente di tipo primitivo», ha commentato Alexander Wolszczan, primo autore nello studio che annunciò la scoperta dei primi esopianeti 30 anni fa. «La stretta connessione tra la chimica della vita sulla Terra e quella che si trova in tutto l'universo - ha aggiunto - così come il rilevamento diffuso di molecole organiche, suggerisce che è solo questione di tempo».

In questi 30 anni, la caccia ai pianeti esterni al nostro Sistema Solare ha avuto i suoi alti e bassi. Dopo la scoperta del 1992, centinaia si rivelarono essere i giganti gassosi troppo vicini alle loro stelle per poter essere abitabili, talmente vicini che un anno su questi pianeti dura solo pochi giorni.

Per l'identificazione di questo tipo di mondi venne utilizzata la tecnica dell'"oscillazione": tracciare i leggerissimi movimenti avanti e indietro della stella, causati dalle forze gravitazionali esercitati dai pianeti in orbita. Per trovare i piccoli mondi rocciosi più simili al nostro, invece, fu necessario passare al metodo del "transito": cercare le piccole variazioni di luce che avvengono quando un pianeta passa davanti alla sua stella.

«Una nuova era»
Adesso, secondo Wolszczan, si sta aprendo una nuova era nella scoperta degli esopianeti: i telescopio spaziali Tess (Transiting Exoplanet Survey Satellite) della Nasa lanciato nel 2018, Hubble della Nasa e dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) operativo dal 1990, e Cheops (Characterising Exoplanets Satellite) dell'Esa, al lavoro dal 2019, saranno presto aiutati da una nuova generazione di dispositivi più potenti e sensibili.

In prima fila c'è il telescopio spaziale James Webb, frutto della collaborazione internazionale tra Nasa, Esa e Agenzia Spaziale Canadese (Csa), lanciato a fine 2011. Nel 2027, inoltre, è prevista la messa in orbita del telescopio Nancy Grace Roman della Nasa, che manderà in pensione Hubble, mentre nel 2029 dovrebbe partire la missione Ariel dell'Esa, il cui obiettivo è studiare l'atmosfera dei mondi alieni.

NOTIZIE PIÙ LETTE