Deposit
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
Italia
1 ora
Le mafie stanno sfruttando l'emergenza Covid per arricchirsi
L'Antimafia lancia un appello ai governi: «Bisogna far fronte comune e trattare questa emergenza come quella sanitaria»
STATI UNITI
1 ora
Un muro di automobili per fermare i migranti
L'idea è arrivata dal Governatore dello Stato, Greg Abbott
LOMBARDIA
1 ora
Un Re africano in visita a Milano
È quanto avvenuto ieri con l'arrivo di Re David Tchiffy, presidente dell'Associazione Unione dei Regni d’Africa
GERMANIA
3 ore
Se non sei vaccinato e finisci in quarantena, il datore non deve pagarti
In Germania sarà così dal 1 novembre, conferma il Governo. Il motivo è che «esiste un vaccino che funziona»
STATI UNITI
3 ore
«Il 70% del mondo vaccinato, per questo doniamo 1 miliardo di dosi»
La promessa degli Stati Uniti, ai margini dell'assemblea dell'Onu
AFGHANISTAN
4 ore
I talebani: «Fateci parlare alle Nazioni Unite»
Suhail Shaheen avrà il ruolo di esporre il punto di vista talebano nello scenario internazionale
Francia
4 ore
A tutto gas esilarante sugli Champs-Élysées, investe cinque persone
Il sindaco dell'VIII arrondissement chiede di rivedere il codice della strada con divieto di consumo del gas alla guida
FOTO
SPAGNA
5 ore
La colata alta 12 metri inghiotte tutto: «Vediamo le case sparire davanti ai nostri occhi»
In diversi comuni di la Palma è una corsa contro il tempo per salvare il salvabile dalle abitazioni, ormai condannate
LE FOTO
AUSTRALIA
6 ore
A Melbourne trema la terra, e anche la società
Giornata calda a Melbourne: prima, una scossa di terremoto di magnitudo 5.8, poi, le proteste in piazza
NUOVA ZELANDA
15.09.2021 - 13:200

Il partito Maori propone di cambiare il nome alla Nuova Zelanda

Attraverso una petizione chiedono anche di dare maggiore importanza alla lingua te reo Māori

AUCKLAND - Presto la Nuova Zelanda potrebbe chiamarsi Aotearoa. O almeno è quello che si augura il partito Maori, che ha lanciato una petizione per cambiare i nomi dei luoghi (città, paesi e montagne...) in lingua te reo Māori. 

«È ormai tempo che il te reo Māori venga riportato nella sua legittima posizione come prima lingua ufficiale di questo paese. Siamo un paese polinesiano, siamo Aotearoa» si legge nella dichiarazione della petizione, riportata dalla Cnn. In particolare i parlamentari chiedono che il processo linguistico del "ritorno alle origini" venga terminato entro il 2026. 

Stando ai dati contenuti nella dichiarazione, la padronanza della lingua te reo Māori è scesa dal 90% nel 1910 al 26% nel 1950. In particolare viene incolpata la Corona «che è riuscita a spogliarci con successo della nostra lingua». E spetta dunque sempre alla Corona «ripristinare lo status della nostra lingua». 

Ma la petizione si spinge anche oltre, chiedendo che la lingua sia accessibile in tv, in radio, sui cartelli stradali, sulle cartine, nelle pubblicità e presente anche nel sistema educativo. 

In poche ore la petizione ha già raggiunto le 25'000 firme. 

La primo ministro neozelandese non si è ancora sbilanciata sulla questione. Lo ha fatto invece l'oppositore David Seymour: «Le persone sono già libere di usare i nomi dei luoghi Maori. Quello che il partito Maori sta dicendo è che vorrebbe vietare alle persone di chiamare il nostro paese Nuova Zelanda». 

Già negli ultimi decenni si è comunque assistito ad un cambiamento dei toponimi di alcune isole, come per l'Isola di Pasqua che è tornata ad essere chiamata Rapa Nui (in lingua rapanui, sempre polinesiana come il te reo), per Tuvalu (in precedenza Isole Ellice), Kiribati (Gilbert's Islands) e Vanatu (Nuove Ebridi). 

Curiosità - Taumatawhakatangihangakoauauotamateaturipukakapikimaungahoronukupokaiwhenuakitanatahu è il nome in te reo Māori di una collina della nuova Zelanda. Lunga 85 lettere, significa "la collina su cui Tamatea, il capo di grande statura fisica e fama, ha suonato sul suo flauto un lamento in memoria di suo fratello". Gli abitanti della zona, per comodità, lo abbreviano in Taumata. 

Imago
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 17:52:07 | 91.208.130.89