Reuters / Tipress
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
GERMANIA
5 ore
«Le terapie intensive sono a livelli record»
«È necessaria un'azione urgente per contenere una terza ondata di coronavirus» suggeriscono gli esperti
STATI UNITI
6 ore
Coronavirus, negli USA un'ondata in 33 Stati
Si tratta d'intensi focolai regionali. In alcune realtà, come il Michigan, la situazione è grave
ITALIA
7 ore
In Italia 17'000 contagi e 380 vittime
Nella vicina penisola i numeri restano alti. La situazione richiede ancora «attenzione e prudenza»
ISRAELE
7 ore
Israele festeggia l'indipendenza, anche dal Covid
Nel paese con la campagna vaccinale modello per il mondo intero, la popolazione ha affollato spiagge e parchi
FRANCIA
7 ore
Un uomo si è dato fuoco nel metrò di Parigi
È successo alla stazione Pigalle della linea 2
STATI UNITI
8 ore
Censiti i T. rex: sono stati circa 2,5 miliardi
Erano circa 20'000 gli esemplari a vivere simultaneamente, e sono resistiti per 127'000 generazioni
ITALIA
9 ore
Quattro studenti (e una prof.) che non sono contenti di essere tornati in classe
In Lombardia le lezioni sono ricominciate ma in molti avrebbero preferito restare a casa. Ci spiegano il perché
REGNO UNITO
9 ore
Quasi 110mila reclami per la copertura mediatica della morte di Filippo
L'azienda si difende: «Le decisioni prese riflettono il ruolo che la Bbc gioca come emittente nazionale»
MONDO
10 ore
Ciambelle, uova e frullatori: così si incentiva la vaccinazione nel mondo
Alcune città si sono dimostrate molto creative. Non sono mancate le collaborazione con gli sponsor.
GIAPPONE
06.04.2021 - 22:000
Aggiornamento : 07.04.2021 - 10:22

Non chiamatela "variante giapponese"

La mutazione riscontrata in alcuni casi a Tokyo è comune a quella presente nelle varianti sudafricana e brasiliana.

L'infettivologo Christian Garzoni: «Questa mutazione (E484K) si può presentare in tante varianti. Non ha senso lanciare inutili allarmismi».

TOKYO - La variante cosiddetta "giapponese" del coronavirus, di cui si sta facendo un gran parlare nelle ultime ore, non è di fatto una variante. A innescare gli allarmismi è stata la notizia - data dai media nipponici e riportata quindi da Reuters - secondo cui i medici del Tokyo Medical and Dental University Hospital hanno registrato in 10 pazienti su un totale di 14 ricoverati perché positivi al nuovo coronavirus nel mese di marzo la mutazione E484K del virus.

Una mutazione già conosciuta
Ma mettiamo un po' di ordine. In primis, la presenza di una singola mutazione non determina da sola una variante. Inoltre, la mutazione E484K non si presenta a noi per la prima volta ora, ma è stata rilevata anche in due delle varianti più note del coronavirus, ovvero quella "sudafricana" e quella cosiddetta "brasiliana", identificata per la prima volta proprio in Giappone all'inizio dell'anno. E da ultimo, ma non per importanza, le autorità giapponesi non hanno accertato alcun nesso tra l'aumento dei casi di queste ultime settimane e l'eventuale presenza di una nuova variante. Al contrario, la responsabilità della ripresa della curva sarebbe legata alla circolazione delle varianti più note, come sta accadendo anche in altre parti del mondo.

Perché la E484K preoccupa?
La E484K è di fatto una «micro-mutazione del virus, ovvero è cambiato un unico amminoacido. Questa mutazione però può avere un ruolo biologico importante» ci spiega Christian Garzoni, infettivologo e Direttore sanitario della Clinica Moncucco. La E484K risulta «problematica» in quanto «per neutralizzare il virus occorrono livelli più elevati di anticorpi e il sistema immunitario può risultare quindi meno efficace. E così, chi ha già avuto il Covid potrebbe essere contagiato di nuovo perché i suoi anticorpi potrebbero essere insufficienti».

«Nessun allarmismo»
Queste sue caratteristiche la rendono sicuramente meritevole di attenzioni e di essere monitorata, ma la sola presenza della E484K non è sinonimo di una nuova variante. Anzi, «questa mutazione si può presentare in tante varianti. Non ha senso lanciare inutili allarmismi», prosegue Garzoni.

Anche in Svizzera, oltre ai pochi casi già identificati di varianti "esotiche", sono segnalate altre 165 infezioni in cui è stata riscontrata la presenza di questa mutazione (associata alla S:N501Y) e che sono in attesa di ulteriori accertamenti per essere classificate dall'Ufficio federale della sanità pubblica. Allo stato attuale sembra quindi prematuro parlare di una nuova variante e lanciare allarmi. Cosa che infatti, in Giappone, nessuno si è ancora premurato a fare.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ro 1 sett fa su tio
Non si riesce più a credere a nessuno. Le varianti si stanno moltiplicando, i vaccini sono al palo, la loro efficacia è indubbio, si sente parlare di nuovo dell’immunità di gregge o pecoroni, si litiga per accaparrarsi i vaccini, i brevetti sono sacri ed intoccabili, tutti dicono tutto è il contrario di tutto, scienziati compresi, nei governi ci sono partiti che per attirare nuovi elettori protestano per perctutto ma .... guarda caso non dicono come si dovrebbe procedere, la probabile contro indicazione trombosi di un vaccino sembra essere un non nulla et cetera, e alla fine la gente inizia a perdere la pazienza come è comprensibile. Che succede ? Che la politica abbia dimostrato di non essere in grado di gestire la pandemia su questo non ci piove. In poche parole siamo di fronte al fallimento dei politici del 21 secolo. Ne avremo bisogno di fortuna per uscirne da questa ..... (fate un po’ voi).
F/A-19 1 sett fa su tio
@Ro Uno in più che ha capito che hanno inventato il sistema perfetto per gestire il mondo, far chiudere chi si vuole, regolarizzare le attività, calmierare il mercato, forse eliminare la concorrenza Asiatica, eccetera eccetera....
pillola rossa 1 sett fa su tio
La E484K risulta «problematica» in quanto «per neutralizzare il virus occorrono livelli più elevati di anticorpi e il sistema immunitario può risultare quindi meno efficace. E così, chi ha già avuto il Covid potrebbe essere contagiato di nuovo perché i suoi anticorpi potrebbero essere insufficienti». Non ha senso lanciare inutili allarmismi, prosegue Garzoni. Grazie vaccino (scimmietto)
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-16 04:04:14 | 91.208.130.85