Depositphotos (stokkete)
Le persone che lavorano da casa durante la pandemia sono più vulnerabili a bullismo e molestie sessuali. Lo indica una ricerca condotta in Australia.
AUSTRALIA
15.07.2020 - 10:010
Aggiornamento : 10:36

Lo studio: chi lavora da casa è più vulnerabile a molestie e bullismo

È importante che i datori di lavoro rafforzino l'importanza del comportamento atteso dai dipendenti

SYDNEY - Le persone che lavorano da casa durante la pandemia sono più vulnerabili a bullismo e molestie sessuali. Lo indica una ricerca condotta in Australia da ricercatori legali, secondo cui le situazioni di telelavoro rendono più difficile per i datori di lavoro individuare le molestie sessuali.

Durante le comunicazioni online vi sono meno possibilità di un'osservazione incidentale di comportamenti inappropriati e d'intervento da parte di superiori o di persone presenti - scrive Adriana Orifici del dipartimento di diritto commerciale dell'Università Monash di Melbourne, sul sito dell'università. Questo significa che le molestie sessuali possono restare non rilevate più a lungo o possono intensificarsi prima di essere denunciate, perché lavorare da una postazione remota impedisce le comunicazioni informali fra dipendenti e dirigenti, aggiunge Orifici.

È importante che i datori di lavoro rafforzino l'importanza del comportamento atteso dai dipendenti, attraverso formazione professionale, canali di comunicazione e regole, per ridurre il rischio di comportamenti inappropriati. La ricerca mostra inoltre che le donne sono restie a presentare reclami a causa dell'alto costo di azioni legali.

«Le consulenze e le vertenze legali sono costose e non risultano in alcun guadagno. In realtà, una donna può vincere in tribunale e comunque finire in perdita, una volta saldata la parcella dell'avvocato», aggiunge la studiosa. «Il problema del lavoro a distanza è che le persone restano isolate dalle reti di supporto di colleghi e di confidenti in ufficio. E non c'è dubbio che i dipendenti sono a più alto rischio di molestie senza una rete di sostegno».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Libero pensatore 11 mesi fa su tio
Mah, mi pare una teoria piuttosto bizzarra. Innanzitutto una molestia perpetrata online, ancorché pessima e inaccettabile, credo sia meno pesante da subire rispetto ad una molestia che abbia anche implicazioni a livello fisico. Inoltre credo anche che molestie perpetrate tramite chat o telefonate sia facilmente dimostrabile: basta registrare o fare dei print screen. Molestie che avvengono verbalmente sono più difficilmente dimostrabili.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-18 11:58:05 | 91.208.130.85