Keystone
Un agente in azione a San Francisco
STATI UNITI
31.05.2020 - 09:450
Aggiornamento : 11:42

Le proteste reclamano un'altra vittima

Una persona è rimasta uccisa nei disordini a Indianapolis. Coprifuoco in 16 Stati.

INDIANAPOLIS - Le proteste che da cinque giorni imperversano negli Stati Uniti dopo l'uccisione da parte della polizia di un 46enne afroamericano disarmato a Minneapolis reclamano una nuova vittima. Una persona è morta, ieri sera, nei disordini avvenuti nel centro di Indianapolis. Almeno altre tre sono rimaste invece ferite da colpi d'arma da fuoco.

Lo ha dichiarato il capo della polizia di Indianapolis, Randal Taylor, in conferenza stampa. La polizia sta ancora indagando sull'accaduto. Anche un agente di polizia ha riportato lievi ferite. In precedenza, un 19enne era rimasto ucciso a Denver mentre un agente aveva perso la vita a Oakland, in California. 

Intanto le proteste continuano negli Stati Uniti: almeno 25 città in 16 Stati hanno imposto il coprifuoco, riporta la Cnn. La Guardia Nazionale è stata inoltre attivata in circa una decina di Stati e nel Distretto di Columbia.

Anche davanti alla Casa Bianca c'è stata una seconda serata di manifestazioni: centinaia di persone si sono radunate per protestare per la morte di George Floyd a Minneapolis.

Gli agenti hanno usato lo spray urticante per disperdere la folla, ma i dimostranti hanno resistito e alcuni di loro hanno rimosso le barricate e lanciato frammenti di asfalto. È stato dato alle fiamme anche un bidone della spazzatura. La Guardia nazionale ha preso posizione intorno alla Casa Bianca.

Stando a un calcolo dell'agenzia Ap, ha polizia ha arrestato finora quasi 1'400 persone in 17 città Usa da quando sono iniziate le proteste.

La polizia carica i manifestanti - A Minneapolis gli agenti in assetto antisommossa hanno fronteggiato per la prima volta i manifestanti che sfidavano il coprifuoco . Hanno lanciato lacrimogeni e granate stordenti per tenerli lontani dalla caserma di polizia numero 5. Lo riferiscono i media americani. Nei giorni scorsi i dimostranti avevano dato alle fiamme la caserma numero 3.

Stato d'emergenza a Los Angeles - Il governatore della California, Gavin Newsom, ha dichiarato lo stato d'emergenza nella contea di Los Angeles. Lo rende noto la Cnn. In precedenza, il coprifuoco era stato annunciato in diverse città della California, tra cui San Francisco dove la Guardia Nazionale era stata messa in allerta per rispondere ai disordini.

Poliziotto pugnalato al collo - Un agente a Jacksonville, in Florida, è stato «pugnalato o ferito al collo ed è attualmente in ospedale». Lo ha dichiarato lo sceriffo di Jacksonville Mike Williams, citato dalla Cnn. Williams ha riferito che altri agenti sono stati attaccati dai rivoltosi e colpiti con pietre e mattoni durante le proteste in città. Sono stati fatti molti arresti, ha detto, senza fornire un numero preciso.
 
 

 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-02 12:12:10 | 91.208.130.89