Keystone
L'ipotesi del virus sintetico è già stata smentita (immagine generica)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
29 min
Parte lo studio per il primo farmaco anti-Covid
La cura a base di anticorpi è stata sviluppata da Eli Lilly e AbCellera. La fase uno dovrà valutarne la sicurezza
VIDEO
STATI UNITI
48 min
«Papà ha cambiato il mondo»
Le immagini della piccola Gigi Floyd, la figlia dell'uomo ucciso a Minneapolis, sono diventate virali in rete
REGNO UNITO / CINA
1 ora
Johnson promette passaporti ai cittadini di Hong Kong
Sfidando la Cina, il premier britannico intende facilitare il rilascio di visti per gli abitanti dell'ex colonia.
VIENNA
1 ora
La casa natale di Hitler sarà «neutralizzata»
I lavori, del costo di 5 milioni di euro, vogliono annullare l'attrazione che l'edificio esercita sui nostalgici nazisti
MONDO
2 ore
L'OMS avverte: l'uso inappropriato di antibiotici rafforza la resistenza dei batteri
Secondo gli ultimi dati, le infezioni batteriche resistenti ai farmici sono a livelli inquietanti
SVEZIA
2 ore
L'esperto svedese ci ripensa
Secondo l'epidemiologo, la strada migliore potrebbe trovarsi in una via di mezzo tra la chiusura e l'apertura totale
IRAN
3 ore
«L'uccisione di Floyd mostra la vera natura degli Usa»
Lo ha dichiarato la Guida suprema iraniana Ali Khamenei
ITALIA
3 ore
Anziana uccisa nel Varesotto
La 93enne è stata trovata con ferite al capo. In ospedale la figlia
ITALIA
4 ore
Fingeva di essere il diavolo e abusava degli adepti di una setta
Il 23enne dovrà rispondere di 13 episodi di violenza sessuale
ITALIA
5 ore
Registrazione obbligatoria per chi entra in Sardegna
Il Governatore Christian Solinas vuole tenere sotto controllo chiunque arriva in territorio sardo
FRANCIA
5 ore
Renault annuncia prestito da 5 miliardi garantiti dallo Stato
Il governo aveva chiesto garanzie sulla tutela dei siti francesi e dei posti di lavoro
FRANCIA
6 ore
Anche Parigi s'infiamma: proteste e scontri con la polizia
La capitale francese, come gli USA, è stata ieri sera luogo di scontri e manifestazioni
COLOMBIA
7 ore
Spionaggio: indagato l'ex Presidente
Alvaro Uribe avrebbe intercettato le conversazioni di giornalisti, politici, avvocati e attivisti
ITALIA
7 ore
Via i confini regionali, l'Italia riparte e «rassicura il mondo»
I contagi però sono tornati a salire. In un giorno sono quasi raddoppiati.
STATI UNITI
9 ore
Sostegno psicologico per la 17enne che ha ripreso l'arresto di George Floyd
La giovane e la sua famiglia hanno dovuto cambiare casa: l'attenzione su di loro era diventata insostenibile
STATI UNITI
14 ore
Sconfigge il coronavirus, ma la fattura è salatissima: 840'000 dollari
Due settimane in cure intense sono risultate in un conto shock per un americano di Denver
ITALIA
25.03.2020 - 22:260
Aggiornamento : 22:46

«Virus creato nei laboratori cinesi»: ma non si tratta del nuovo coronavirus

Un servizio di TG Leonardo del 2015 imperversa sui social. Smentito, però, ogni collegamento con l'attuale epidemia.

ROMA - Nella vicina Italia divampa la polemica in merito a un servizio di TG Leonardo andato in onda il 16 novembre 2015 su Rai 3 che parla di un esperimento nei laboratori cinesi sulla creazione di un "supervirus". Tuttavia, il nuovo coronavirus non ha nessun collegamento con l'esperimento e la teoria è stata presto spazzata via dalle parole degli esperti del mondo scientifico.

Il servizio di oltre quattro anni fa, che a suo tempo è stato ripreso da una pubblicazione della rivista Nature, riguarda un esperimento effettuato da scienziati cinesi innestando una proteina presa da topi e pipistrelli sul virus della Sars. Tuttavia, un articolo pubblicato tre giorni fa proprio sulla stessa rivista scientifica ha chiarito che il virus di cui parla il servizio, creato in laboratorio, non ha alcuna relazione con il SARS-CoV-2 che provoca la malattia Covid-19 ed è di origine naturale. La stessa presa di posizione è poi stata condivisa da numerosi scienziati.

Nello studio apparso recentemente su Nature viene spiegato che «il virus SARS-CoV-2 è nato in natura e non in laboratorio attraverso la manipolazione di coronavirus simili a quello della Sars. Alla luce delle caratteristiche genetiche del virus SARS-CoV-2 - scrivono - non crediamo che sia plausibile qualsiasi scenario che riconduca la sua nascita al laboratorio».

Intanto, però, l'onda lunga è partita e anche in politica scoppia la bagarre, con le opposizioni - in particolare Matteo Salvini (Lega) e Giorgia Meloni (Fratelli d'Italia) - che attaccano e chiedono al Governo di fare chiarezza. «Non ho visto il servizio, ma ho referenze che non è così», si limita a rispondere il premier italiano Giuseppe Conte lasciando la Camera dopo le comunicazioni al Parlamento.

Il servizio - «Scienziati cinesi creano un supervirus polmonare da pipistrelli e topi. Serve solo per motivi di studio ma sono tante le proteste», racconta il servizio, che si conclude con una domanda: «Vale la pena rischiare?».

«È un esperimento, certo, ma preoccupa tanti scienziati», esordisce il presentatore nel filmato. «Un gruppo di ricercatori cinesi innesta una proteina presa dai pipistrelli sul virus della Sars, la polmonite acuta, ricavato da topi. E ne esce un supervirus che potrebbe colpire l'uomo» continua. «Un gruppo di studiosi cinesi è riuscito a sviluppare una chimera, un organismo modificato innestando la proteina superficiale di un coronavirus trovato nei pipistrelli della specie piuttosto comune, detta "naso a ferro di cavallo", su un virus che provoca la Sars, la polmonite acuta, anche se in forma non mortale nei topi si sospettava che la proteina potesse rendere l'ibrido adatto a colpire l'uomo, e l'esperimento lo ha confermato», si spiega nel video.

«È proprio questa molecola, detta SHCO14 - prosegue il servizio - che permette al coronavirus di attaccarsi alle nostre cellule respiratorie, scatenando la sindrome. Secondo i ricercatori inoltre l'organismo, quello originale, e a maggior ragione quello ingegnerizzato, può contagiare l'uomo direttamente dai pipistrelli, senza passare da una specie intermedia come il topo».

Il nuovo coronavirus non viene da un laboratorio - «L'ultima scemenza è la derivazione del coronavirus da un esperimento di laboratorio. Tranquilli, è naturale al 100%, purtroppo», spiega il noto virologo italiano Roberto Burioni sui suoi profili social replicando alla preoccupazioni emerse sul tema.

L'ultimo, ricorda Burioni, è quello uscito lo scorso 17 marzo su Nature Medicine «nel quale c'è scritto che le analisi eseguite mostrano chiaramente che il virus non è costruito in laboratorio. Basta con le fake».

«Lo studio cinese non c'entra nulla con la situazione che stiamo vivendo oggi», scrive sui social il giornalista torinese Battista Gardoncini, all'epoca curatore di "Leonardo". «Che il Covid derivi da una zoonosi - afferma - è stato chiaro fin dal primo momento, e importanti studi genetici lo stanno dimostrando».

Fake news - Quella che il nuovo coronavirus sia un prodotto sintetico è una delle prime fake emerse insieme all'epidemia, ma non ha mai avuto nessuna prova scientifica, anzi. A generare la bufala è stata, lo scorso gennaio, un'intervista di un ex ufficiale israeliano al Washington Times, un sito di destra già noto per aver rilanciato altre teorie cospirazioniste, come quella che l'ex presidente americano Obama fosse musulmano.

Pochi giorni dopo, lo stesso autore, Danny Shoam, ha smentito parzialmente, dicendo di non avere prove. A rafforzare le ipotesi complottiste c'era poi il fatto che a Wuhan esiste l'unico laboratorio di alta sicurezza della Cina, che però ha avuto l'ok a operare solo nel 2018, tre anni dopo lo studio citato dal servizio di Tg3 Leonardo.

In realtà tutte le ricerche condotte sul Sars-CoV-2 finora non hanno trovato prove di una presunta origine "sintetica". Gli esperti hanno in particolare confrontato il gene per una proteina chiave nel processo infettivo, una proteina dell'involucro esterno del virus (chiamata "spike", da punta o spina) che gli serve per attaccarsi, entrare e infettare le cellule umane. Questa e altre «caratteristiche del virus, la sequenza genetica di RBD e la spina dorsale del virus - hanno concluso gli autori dello Scripps Research Institute di La Jolla - ci portano a scartare l'ipotesi della manipolazione di laboratorio come possibile origine del SARS-CoV-2».

Al coro degli scienziati intervenuti per spegnere le preoccupazioni si è unito Walter Ricciardi, rappresentate dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), sottolineando come l'ipotesi sia destituita di ogni fondamento. Con lui la virologa Ilaria Capua, che conferma come l'origine del virus sia assolutamente naturale, proveniente da «un serbatoio selvatico».
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-03 15:00:41 | 91.208.130.87