Keystone
Dall'alto, da sinistra a destra, prima fila: Oriol Junqueras, Joaquim Forn, Raül Romeva, Jordi Turull, Josep Rull, Jordi Sànchez. Seconda fila: Carles Mundó, Carme Forcadell, Meritxell Borràs, Dolors Bassa, Santiago Vila e Jordi Cuixart.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore
L'associazione dei medici Usa ha chiesto il bando totale delle e-cig
Che cita 2'000 casi di malattie polmonari e 40 morti legate allo svapo: «Dobbiamo toglierle dalle mani dei ragazzi»
FOTO
GERMANIA
2 ore
È polemica per i cimeli di Hitler ed Eva Braun all'asta
Fra un cappello a cilindro del führer e la borsetta di sua moglie c'è chi la trova «una perversa mancanza di gusto»
STATI UNITI
3 ore
Pressioni sull'Ucraina? «Tutti sapevano»
L'ambasciatore Gordon Sondland ha ammesso di aver agito su ordine di Trump e intanto l'Fbi vuole sentire la talpa della telefonata
REGNO UNITO
3 ore
Donna cita in giudizio lo Stato, le ha nascosto la malattia ereditaria del padre
Era stato il genitore a chiedere il silenzio
STATI UNITI
4 ore
Pompeo sta pensando di dimettersi per correre al Senato
Lo suggeriscono alcune indiscrezioni arrivate al Time, a convincerlo della mossa le indagini per l'impeachment di Trump
REGNO UNITO
5 ore
Caso Epstein, si allunga la scia d'imbarazzo sul principe Andrea
Le prime frequentazioni del nobile con il miliardario risalirebbero all'inizio degli anni 90 e non al 1999
MONDO
5 ore
Infanzia negata: «Oltre 7 milioni di bambini detenuti»
Il rapporto è stato presentato dall'ONU: «Questi giovanissimi vivono in centri per profughi, in luoghi di custodia, in prigioni o altri luoghi di detenzione» e spesso sono vittime di abusi
UGANDA
5 ore
Bucati o a rischio rottura, ritirati un milione di preservativi
I contraccettivi, donati dall'organizzazione benefica Marie Stopes, erano stati realizzati in India. In Uganda circa il 6% degli adulti è sieropositivo e solo l'11% programma le gravidanze
THAILANDIA
6 ore
Il Papa in Thailandia: 425'500 persone vivono in schiavitù
Il numero totale di prostitute e prostituti al di sotto dei 18 anni di età sarebbe stimabile fra le 30'000 e le 35'000 unità
IRAN
6 ore
Fra chi protestava per la benzina arrestati anche degli stranieri
Che secondo Teheran hanno «legami con l'intelligence» e sono fra i responsabili dei feroci disordini di questi gioni
ITALIA
6 ore
Ponte di Genova: gru si inclina, tre operai contusi
Sono in corso accertamenti su quanto accaduto
CINA
6 ore
Alibaba punta ai 13 miliardi di Ipo
Il colosso cinese della vendita online punta alla più grande offerta del decennio sulla borsa di Hong Kong
ITALIA
8 ore
Il Ponte Morandi è «a rischio crollo», spunta un report del 2014
Il documento è stato ignorato per anni da Atlantia e Aspi e ora è finito nelle mani della Guardia di finanza
ITALIA
8 ore
Greggio rifiuta la cittadinanza onoraria di Biella: «Per rispetto a Liliana Segre»
Solo una settimana fa, il Comune a guida leghista aveva rigettato il riconoscimento alla sopravvissuta di Auschwitz. Greggio: «Anche mio padre in un campo di concentramento»
MALTA
9 ore
Caso Caruana Galizia: arrestato un uomo d'affari in fuga
Yorgen Fenech, uno dei principali imprenditori di Malta, cercava di uscire dalle acque territoriali del Paese insulare a bordo del suo yacht
SPAGNA
14.10.2019 - 10:040
Aggiornamento : 15:21

Catalogna: da 9 a 13 anni di carcere per i leader indipendentisti

Puigdemont: «Bisogna reagire come mai prima d'ora». La polizia si prepara. Manifestazioni previste anche in Svizzera. Sanchez: «Ora una nuova pagina»

MADRID - Pene dai 9 ai 13 anni di carcere sono state inflitte dalla Corte suprema spagnola a 12 leader indipendentisti catalani, fra cui l'ex vicepresidente della Generalitat, Oriol Junqueras, che sono stati riconosciuti colpevoli di sedizione e appropriazione indebita.

Lo scrivono i media spagnoli e internazionali, fra cui El País. Non sarebbe quindi stata provata la colpevolezza per il reato più grave di ribellione, per il quale l'accusa aveva chiesto 25 anni.

«100 anni di prigione in totale. Una barbarie. Ora più che mai dalla parte vostra e delle vostre famiglie. Bisogna reagire come mai prima d'ora. Per il futuro dei nostri figli e delle nostre figlie. Per la democrazia. Per l'Europa. Per la Catalogna», ha commentato via Twitter l'ex presidente della Generalitat, Carles Puigdemont. «Torneremo più forti, più convinti e fermi che mai», ha dichiarato sullo stesso social Oriol Junqueras. «Liberate i prigionieri politici catalani!», tuona la sezione svizzera dell'Assemblea Nacional catalana (ANC), organizzazione indipendentista guidata da Jordi Sànchez, che figura tra i condannati.

Gli indipendentisti hanno indetto proteste in tutta la Catalogna. La polizia, intanto, si schiera nei punti nevralgici di Barcellona e Girona per affrontare le contestazioni. Manifestazioni sono previste anche in Svizzera, a Ginevra alle 19 in rue du Mont-Blanc e a Zurigo alle 18.15 presso il Landesmuseum. 

La pena più alta è stata inferta all'ex vicepresidente della Generalitat, Oriol Junqueras, condannato a 13 anni per sedizione e concorso in malversazione. 12 anni di carcere agli ex consiglieri Jordi Turull, Raül Romeva e Dolors Bassa per gli stessi reati. 10 anni e 6 mesi di reclusione per sedizione a Joaquim Forn e Josep Rull e 11 anni e 6 mesi all'ex presidente del Parlamento catalano, Carme Forcadell.

I leader indipendentisti Jordi Sánchez (ANC) e Jordi Cuixart (Òmnium Cultural) ricevono invece una pena di 9 anni ciascuno. Un anno e otto mesi di interdizione speciale e dieci mesi di multa con aliquota giornaliera di 200 euro, infine, per gli ex consiglieri Santi Vila, Carles Mundó e Meritxell Borràs, processati in stato di libertà.

Sanchez: «Ora una nuova pagina» - Adesso «abbiamo bisogno di aprire un nuovo capitolo basato sulla coesistenza pacifica in Catalogna attraverso il dialogo nei limiti della legge e della Costituzione spagnola». Lo ha detto il premier spagnolo Pedro Sanchez in un intervento tv dopo la condanna degli indipendentisti catalani.

«Nessuno è al di sopra della legge - ha aggiunto - In Spagna non ci sono prigionieri politici ma piuttosto alcuni politici in prigione per aver violato leggi democratiche».

Il Barça contro le condanne: «La prigione non è la soluzione» - «La pena preventiva non ha aiutato a risolvere il conflitto, non lo farà la pena detentiva inflitta ora, perché la prigione non è la soluzione».

La squadra del Barcellona scende in campo contro le condanne inflitte dalla Corte suprema spagnola a 12 leader indipendentisti catalani. «La risoluzione del conflitto in Catalogna deve provenire esclusivamente dal dialogo politico - scrive la società blaugrana, schierata con la causa indipendentista».

Il club chiede ai leader politici di condurre un processo di negoziazione che dovrebbe consentire la liberazione di leader civili e politici condannati.

Keystone
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
magimi63 1 mese fa su tio
Sentenza vergognosa per un paese democratico. Concordo con tip75, nemmeno con i pedofili o con altri che commettono crimini indicibili la legge è tanto severa. Chiaramente una sentenza politica.
Zico 1 mese fa su tio
non mi ricordo bene bene chi sia il capo del governo spagnolo: sarà un franchista? o per caso un leghista, un udicino o ma mi sembrerebbe stranissimo un socialista aperto al mondo ed ai cambiamenti?
tip75 1 mese fa su tio
nemmeno con i pedofili son tanto duri...abbiamo perso di vista ogni filo di buon senso e la nostra democrazia non è niente altro che una dittatura con la maschera dell'europa e di quei 4 al potere che credono di essere dei supereroi
Mattiatr 1 mese fa su tio
@tip75 Il potere è in mano a quei 4 eletti dal popolo. Diciamo che a parere mio trattasi di ''oligarchia democratica'', detto in parole povere li scegli e poi te ne penti. Vedi Francia, Italia e come abbiamo potuto vedere anche la Spagna. In ogni caso superare i 9 anni mi pare esagerato, malgrado il tribunale possa aver considerato la faccenda come un tentato colpo di stato.
fromrussiawith<3 1 mese fa su tio
European dictatorship, l'autodeterminazione è un diritto umano, non per niente l'Europa è diventata simpatetica verso il modello socialista Cinese
volabas 1 mese fa su tio
Vige ancora la " democrazia" franchista, governo di pirla
MIM 1 mese fa su tio
La Spagna pagherà le conseguenze di questa sentenza, fortemente voluta dall'UE.
Bayron 1 mese fa su tio
Sentenza politica e intimidatoria! Vomitevole!!
Pongo 1 mese fa su tio
assurdo
sedelin 1 mese fa su tio
vergogna dal riverbero franchista :-(
Dioneus 1 mese fa su tio
@sedelin concordo
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 19:12:45 | 91.208.130.87