Keystone
BOLIVIA
26.08.2019 - 10:360

Amazzonia: il presidente boliviano ringrazia il G7 e invita all'azione

Evo Morales ha invitato i leader del vertice a visitare la Bolivia per materializzare immediatamente gli impegni di cooperazione

LA PAZ - Il presidente boliviano Evo Morales ha ringraziato il G7 per l'interesse manifestato per la protezione dell'Amazzonia, in emergenza per incendi di vaste dimensioni, ed ha invitato i suoi leader a visitare la Bolivia per materializzare immediatamente impegni di cooperazione.

Durante una conferenza stampa ieri sera, riferisce l'agenzia di stampa boliviana Abi, Morales ha in particolare ringraziato il presidente francese Emmanuel Macron che gli ha inviato una proposta di costituire una alleanza per la salvaguardia dell'Amazzonia, suggerendo che su questo tema si organizzi un vertice il più presto possibile a livello dell'Onu.

Oltre che in vari punti della foresta amazzonica, incendi si sono sviluppati anche nella regione della Bolivia sudorientale conosciuta come Chiquitania, che La Paz affronta con migliaia di membri delle forze armate, della polizia e dei vigili del fuoco, e con elicotteri ed aerei, fra cui uno speciale "Global Supertanker" noleggiato negli Stati Uniti.

Riferendosi alle discussioni svoltesi nel G7, Morales ha detto fra l'altro: «Accogliamo con favore la posizione del G7 che ha annunciato la sua volontà di inviare aiuti urgenti ai Paesi colpiti dagli incendi in Amazzonia. Invitiamo il fratello presidente Emmanuel Macron e i suoi colleghi a visitare la Bolivia per rendere direttamente esecutivi gli impegni di cooperazione».

Dopo aver ricordato che gli Accordi di Parigi prevedono obblighi per i Paesi industrializzati nella difesa e conservazione dell'ambiente, il capo dello Stato boliviano ha concluso: «I membri del G7 devono comprendere che l'incendio in Amazzonia costituisce un appello urgente per passare dalla preoccupazione all'azione».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-03 21:39:15 | 91.208.130.87