KEYSTONE
Bolsonaro si augura che i criminali «muoiano come scarafaggi».
BRASILE
07.08.2019 - 08:300
Aggiornamento : 09:33

Bolsonaro vuole l'impunità per chi spara ai criminali

Il presidente brasiliano si augura che i malviventi «muoiano nelle strade come scarafaggi»

BRASILIA - Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro sta spingendo per un giro di vite contro la criminalità.

Nel corso di un'intervista il 64enne ha detto di augurarsi che i criminali «muoiano nelle strade come scarafaggi» come conseguenza del progetto di legge che sta spingendo e che prevede l'impunità per chi spara ai delinquenti. Lo scudo legale - il cosiddetto “excludente de ilicitude”, norma del codice penale verdeoro che rende consentiti alcuni atti solitamente illegali - verrebbe applicato sia agli uomini delle forze dell'ordine che ai privati cittadini.

Lo scopo è di fornire una «copertura legale» ai poliziotti che si trovano costretti a ricorrere alle armi da fuoco durante il servizio. Lo stesso vale per i «cittadini eccezionali» che ricorrono alla forza per proteggere le proprietà e se stessi. Il presidente è convinto che l'impunità porterà a un drastico calo della violenza. Bolsonaro è convinto che la polizia brasiliana stia combattendo una lotta «impari» con la criminalità organizzata e che gli agenti che usano le armi dovrebbero essere decorati e non portati in tribunale. 

Si tratta di esternazioni che hanno fatto scalpore, perfino per un personaggio che esprime opinioni di estrema destra come Bolsonaro. I sostenitori del presidente hanno applaudito ma l'opposizione è rimasta inorridita. «Sono commenti disgustosi» ha dichiarato al Guardian Ariel de Castro Alves, legale e attivista per i diritti umani. Si teme che l'immunità possa dare il via a una vera carneficina.

Alves ritiene che il risultato finale sarà esattamente l'opposto di quello auspicato da Bolsonaro: i malviventi non saranno scoraggiati e anzi ci potrebbe essere un'impennata della violenza commessa dalla polizia, specialmente nei confronti delle fasce più deboli della società come poveri, giovani e persone di colore.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-19 08:11:20 | 91.208.130.85