Cerca e trova immobili

MENDRISIOPFAS nel lago Ceresio: «L'acqua è potabile?»

28.11.23 - 14:14
Queste sostanze possono avere ripercussioni sulla salute. Due consiglieri comunali interrogano il Municipio
deposit
PFAS nel lago Ceresio: «L'acqua è potabile?»
Queste sostanze possono avere ripercussioni sulla salute. Due consiglieri comunali interrogano il Municipio

MENDRISIO - In futuro, i cittadini di Mendrisio usufruiranno di acqua prelevata dal lago Ceresio per mezzo dell’Acquedotto Regionale del Mendrisiotto (ARM). Secondo le autorità, la costruzione di una nuova stazione di captazione e potabilizzazione a lago, garantirà un approvvigionamento idrico sicuro.

Di recente, tuttavia, sono emerse criticità riguardo alla presenza nel lago di sostanze PFAS, una famiglia di sostanze chimiche difficilmente degradabili che l’industria produce e impiega da decenni. «A causa della loro persistenza - fanno notare Antonia Bremer e Tiziano Fontana della Lista civica per Mendrisio -, queste sostanze si possono accumulare nell’ambiente, nelle derrate alimentari, negli animali e nell’essere umano e possono avere effetti negativi sulla salute quali danni al fegato, malattie della tiroide, problemi di fertilità e cancro».

La rete di canalizzazioni del Consorzio depurazione acqua Mendrisio e dintorni (CDAM) si estende per 66 km e raccoglie le acque di scarico evacuate in buona parte a sistema misto (acque luride + acque meteoriche) per poi rilasciarle nel lago Ceresio dal quale l’acquedotto a lago preleverà l’acqua di cui noi usufruiremo e che andremo anche a bere.

Fatte queste premesse vengono poste all'Esecutivo le seguenti domande:

1) Il Municipio è a conoscenza del problema?

2) Come vengono trattate le acque reflue che vengono prima immesse nel fiume Laveggio e che vanno a finire nel lago?

3) Quali garanzie possono essere date sulla potabilità dell’acqua di lago riguardo alle sostanze PFAS, ai residui di medicinali e sostanze chimiche in generale?

4) Il Municipio può garantire che non vi siano pericoli per la salute pubblica per mezzo dell’acqua prelevata dal lago Ceresio?

5) Buona parte delle industrie della Città si trovano sulla piana di San Martino sotto la quale esiste una grande falda acquifera dalla quale attualmente viene prelevata l’acqua. Quanti e quali controlli vengono effettuati annualmente affinché non si producano pericoli per la falda e quindi per l’approvvigionamento idrico della popolazione?

6) Le PFAS sono utilizzate in numerose applicazioni tra le quali le schiume antincendio.

7) Da dati UFAM del 2021 si è potuto notare che in prossimità dei siti di esercitazione dei pompieri esse siano presenti in misura rilevante. A Mendrisio, e da parte del nostro Corpo pompieri, come vengono smaltite le sostanze PFAS e in generale tutte le sostanze pericolose?

COMMENTI
 

John Wayne 3 mesi fa su tio
Perché i politici non fanno un'analisi indipendente invece di continuare a fare interrogazioni solo per farsi vedere? Anche nel mio comune, se ricordate il gridare al lupo al lupo ci sono i PFAS, c'è arsenico, che questo c'è quello! Io vado avanti a bere acqua del rubinetto con il SodaClub, perché scommetto che se andassimo ad analizzare acqua in bottiglia ne vedremo delle belle, visto che oltre allo stoccaggio ed il viaggio, questa viene esposta vicino alle vetrate dei nergozi o dove batte il sole direttamente, ma nessuno è mai morto. Nemmeno perché nell'acqua ci sono tracce di arsenico che è naturale al 100% non immesso artificialmente.
NOTIZIE PIÙ LETTE