Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
14 min
«Ecco perché la gente ruba le mascherine»
Panico da Coronavirus, il sociologo Sandro Cattacin critica le autorità: «Sbagliato fermare carnevali ed eventi».
CANTONE/ITALIA
56 min
L'odissea di una famiglia ticinese a Malpensa
Cancellato il volo per le Canarie, senza rimborso. «Faremo causa»
CANTONE
7 ore
Nuova notizia fake, si scherza con la salute di tutti
Sono stati diffusi alcuni nostri articoli volutamente modificati. Seguite solo i canali ufficiali
CANTONE
10 ore
Giuseppe Buffi, il ricordo a 20 anni dalla sua scomparsa
Il PLR invita a una commemorazione presso il Palazzo delle Orsoline a Bellinzona
FOTO E VIDEO
VACALLO
11 ore
Rapina a un distributore di benzina
È accaduto in via del Breggia. I tre malviventi si sono dati alla fuga
CANTONE
11 ore
Quindici aziende "lasciano a casa" per il virus
Telelavoro "coatto" per evitare contagi. La lista delle aziende si allunga. L'indagine Aiti
CANTONE
14 ore
Coronavirus: «Ci sono 15 casi sospetti»
Merlani: «Attendiamo i risultati dei test». Le scuole lunedì saranno aperte normalmente
FOTO E VIDEO
AROGNO
15 ore
Fiamme e fumo in Val Mara
Sul posto sono giunti i pompieri. La situazione è ora sotto controllo
CANTONE
15 ore
Scuola di polizia: assunti in 50
Iniziano lunedì i corsi per aspiranti gendarmi. Tra le nuove reclute 6 donne
LUGANO-MILANO
15 ore
Chi ha paura di andare a Milano?
Ecco come i nostri lettori si regolano con l'epidemia
CANTONE
15 ore
Carnevali annullati: «Soldi pubblici per compensare le perdite»
L'MPS chiede al Governo di allestire in tal senso un messaggio all'indirizzo del Gran Consiglio
CANTONE
16.11.2017 - 11:000
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:02

«Siate coraggiosi, rompete con i vecchi "modi di fare"»

L'Industry leader di Google Svizzera spiega perché le nostre aziende hanno bisogno di loro. E lancia AdWords Express, strumento che le aiuterà a incrementare i clienti

LUGANO - Un anno dopo la prima volta, era fine settembre 2016, Google è di nuovo in Ticino: per insegnare alle aziende "come si fa". Una giornata di formazione digitale rivolta alle piccole e medie imprese locali, affinché possano «promuovere la propria attività e far crescere il business mediante il marketing online».

Gregor Doser, Industry leader di Google Svizzera, in un anno qualcosa niente è cambiato? Perché tornare?

«L'interesse delle pmi ticinesi è alto, la necessità di acquisire know how in ambito digitale è urgente. Il 21 novembre, in occasione della "Giornata digitale" organizzata da DigitalSwitzerland, saremo presenti non solo all'auditorium Ubs a Manno, ma anche alla stazione di Lugano con attività nell'ambiito del coding e dei viaggi virtuali».

Per insegnarci che cosa?

«Parleremo di Youtube, di come si è sviluppato in Svizzera e perché, come usarlo e combinarlo con Search. Ci soffermeremo anche sui futuri trend mobile».

Perché abbiamo bisogno di Google?

«Oggi ogni business, piccolo o grande che sia, ha bisogno del digitale se vuole crescere. E Google vuole promuovere la crescita. Giusto nelle scorse ore abbiamo annunciato il lancio di AdWords Express, uno strumento che dovrebbe aiutare le piccole e medie imprese in Ticino a trovare nuovi clienti in modo più semplice, attraverso un sistema di pubblicità di prodotti e servizi su Google, dove la gente va a cercare ciò che desidera. Prima di procedere a un qualsiasi acquisto di prodotti o servizi, oltre la metà dei consumatori effettua una ricerca online e il 61% cerca informazioni sulle attività commerciali locali».

Le istituzioni latitano?

«Nessuna critica a politica o scuole. Meglio essere propositivi». 

È vero che il Ticino è una realtà più difficile di altre?

«Le aziende ticinesi sono aperte all'innovazione. Il consiglio che rivolgo loro è però quello di provare a rompere con i vecchi modi di fare business, di rischiare e fare cose nuove. Sarebbe bene investire di più sulle competenze digitali del personale. Molti imprenditori capiscono l'enorme potenziale del web solo quando cominciano a usarlo». 

A che cosa allude?

«L'attenzione di ogni azienda dovrebbe essere incentrata sull'esperienza del cliente. I consumatori svizzeri sono molto avanti in questo campo. Nel confronto globale, la Svizzera è leader nella penetrazione internet, che raggiunge il 91% delle famiglie svizzere, dato Ufficio federale di statistica. Significa che i consumatori svizzeri sono pronti per la digitalizzazione: una risorsa per le aziende, che così possono attrarre nuovi clienti, e per la gente, che può usufruire di un servizio migliore e davvero misurato sulle sue esigenze effettive, più facilmente comprensibili grazie al web. È vero, in molti settori il canale digitale non può sostituire completamente il contatto personale, ma può completarlo e offrire valore aggiunto». 

Investire costa: spesso questo è il freno. Sicuro che porti sempre qualcosa in cambio?

«Certe industrie, come quelle legate a viaggi e turismo, che hanno sperimentato la digitalizzazione prima di altre stanno raccogliendo ottimi frutti. Oggi la gente acquista voli, hotel o pacchetti vacanza su internet. Ma in tanti altri settori la gente vuole comprare online. La cosa importante è esserci: essere presenti con un sito, possibilmente ottimizzato per il consumo mobile. Per accogliere il cliente quando arriverà».

Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
Pepe Ticino 2 anni fa su fb
Google è il vecchio modo di fare. Meglio lasciare perdere prima che la censura che hanno iniziato a fare oltreoceano arrivi anche qua. Cercare "goolag" per vedere cosa intendo.
Stefano Casalinuovo 2 anni fa su fb
È il datore di lavoro più ambito in Svizzera e nel mondo, vedi un po' tu...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 07:14:38 | 91.208.130.87