ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
6 min
Autunno, tempo di furti in casa. 5 consigli per evitare il peggio
A partire da settembre si presenta il fenomeno dei "furti al crepuscolo" nelle abitazioni. Attenzione ai ladri
CANTONE
1 ora
Coronavirus in Ticino: altri 295 casi, 16 nuovi ricoveri e un decesso
Aumentano i pazienti in terapia intensiva, che ora sono 7, di cui 4 intubati
CANTONE
2 ore
Allievi alla scoperta delle professioni: tutto annullato
Niente da fare per la Giornata Nuovo Futuro. L'aumento dei casi di Covid-19 impone prudenza
CANTONE
3 ore
Gli annunci di lavoro hanno toccato il fondo
Ci sono segnali di ripresa per i lavoratori interinali, secondo la nuova CEO di Adecco Monica Dell'Anna
LUGANO
3 ore
Disabili alle prese con la scherma
Corsi di scherma paralimpica all’Istituto Elvetico. Inaugurata la nuova rampa d'accesso per la palestra
BELLINZONA
4 ore
Cantone spennato dal Covid: il "lockdown 2" non lo reggeremmo
Un altro confinamento non sarebbe sostenibile. I calcoli di Nicola Novaresi, direttore della Divisione delle risorse.
LOCARNO
5 ore
Un cliente «senza limiti» irritato con Salt
Un 43enne locarnese è tra gli abbonati più "scomodi" per l'operatore telefonico. «Non fa un uso normale del telefono»
CANTONE/SVIZZERA
5 ore
«L'alcol mi portava alla rovina. Poi ho saputo chiedere aiuto»
«Ho iniziato a bere a 13 anni»: Luana e Reto raccontano il loro percorso di recupero dall'alcolismo.
CANTONE / GERMANIA
13 ore
La Svizzera sulla “lista nera” tedesca: «Fosse capitato a luglio...»
C'è delusione ma non preoccupazione da parte del presidente di HotellerieSuisse Ticino per la misura della Germania
VEZIA
13 ore
Niente castagnata per il PLR di Vezia
Saltato l'evento di domenica, nonostante fosse stato previsto con una formula take away
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
15 ore
Incidente sull'A2, un ferito
Si lamentano disagi al traffico, con la chiusura di una corsia
CANTONE
18 ore
«Le gite scolastiche non sono causa di contagio»
Il Governo risponde a un'interrogazione di Massimiliano Robbiani.
CANTONE
18 ore
Arresto per traffico di cocaina
Sono stati fermati ieri una 34enne dominicana e un 30enne svizzero
CANTONE
18 ore
"Securini" nel limbo, Gobbi: «Tutto è nelle mani delle Questure»
Il consigliere di Stato invita le agenzie di sicurezza e investigative a fare pressione sulle autorità italiane
CANTONE
19 ore
Il rilancio del PLRT parte dalla bocciatura della congiunzione col PPD
Un sondaggio evidenzia la fedeltà della base, ma anche una certa difficoltà nel reclutare nuova linfa.
CANTONE
19 ore
Cocaina nel Bellinzonese, arrestato un 36enne
L'uomo, privo di statuto in Svizzera, avrebbe spacciato «un importante quantitativo» di droga.
CANTONE
30.05.2013 - 13:140
Aggiornamento : 24.11.2014 - 16:46

La difficile ricerca di un donatore per Noemi, bimba leucemica

"Su 2.200, solo uno all'anno arriva a donare". L’appello su Facebook: "C’è bisogno di un trapianto"

LUGANO - Si chiama Noemi, ha tre anni, ed è una bambina affetta da leucemia. Per lei, tramite Facebook e il gruppo "Non restiamo a guardare!", è stato lanciato un appello: "Per continuare a farla sorridere c'è bisogno di un trapianto di midollo osseo".

L'iniziativa, promossa da una ticinese, mira non solo a trovare un donatore compatibile con un malato che necessita di un trapianto, ma anche a promuovere delle serate informative "per conoscere, capire, far sparire il pregiudizio e la paura che c'è di fronte a una scelta che può salvare la vita a tante persone, spesso bambini".

Un'idea questa che ha coinvolto il Servizio Trasfusionale regionale della Svizzera italiana e che, pare, sta avendo un sorprendente successo, come ci spiega il responsabile della donazione di cellule staminali in Ticino, Paolo Tiraboschi.
"Inizialmente eravamo scettici di fronte all'idea di questa signora di parlare di un argomento così delicato su Facebook. Ma è proprio tramite il social network che siamo riusciti a realizzare delle serate informative per la raccolta di adesioni, serate che si sono rivelate un successo. Nelle due serate che abbiamo tenuto, a Lugano e a Locarno, si sono presentate davvero tante persone. Noi facciamo sempre fatica a reclutare nuovi donatori, mentre questa iniziativa ci ha portato 50 iscritti circa. Per noi è un numero notevole. Il prossimo appuntamento, ora, è previsto per giovedì 13 giugno".

Chi si è presentato alle serate?
"Partendo dal caso singolo, quello di Noemi, siamo riusciti a sensibilizzare molte più persone. Si sono presentate tante ragazze giovani, molte mamme o future mamme".

La vicenda è quella di Noemi, ma anche quella di tanti altri bambini e non solo...
"Esattamente. Una cosa importante, che ci teniamo a sottolineare, è che non ci si può iscrivere solo per Noemi. Le probabilità di essere compatibili sono veramente basse. Se si vuole diventare donatori è per mettersi a disposizione anche di altri pazienti nel mondo".

Come ci si iscrive, come si diventa donatori?
"Al momento in cui ci si iscrive noi effettuiamo un piccolo prelievo di sangue dal dito o un tampone all'interno della bocca. Il prelievo viene quindi mandato a Berna per la tipizzazione: vengono registrate le caratteristiche legate alla compatibilità. I dati ricavati vengono messi a disposizione di tutti i registri mondiali, e se c'è un paziente compatibile, in qualunque parte esso si trovi, in questo caso il donatore viene convocato".

Quali sono le probabilità di trovare il donatore giusto?
"Sono minime. Possono essere esaminati anche 100mila donatori prima che venga trovato quello giusto, e magari non si trova nemmeno. Per questo sono stati creati questi registri internazionali".

Mettersi a disposizione quindi, non comporta, inizialmente, un intervento invasivo
"Fino al momento in cui non si viene identificati come il giusto donatore no. Si verrà chiamati solo quando c'è un paziente che ha veramente bisogno. Su circa 2.200 iscritti in Ticino, solo uno all'anno arriva alla fine del percorso di donazione. È per questo che iscriversi per aiutare una singola persona non ha senso".

In cosa consiste la donazione?
"Se è confermata la compatibilità si effettua una prima visita medica all'ospedale universitario di Zurigo. Successivamente, una volta stabilita la data di trapianto, ci si dovrà recare nuovamente in ospedale per la donazione vera e propria. In questo caso le modalità sono due: o le cellule staminali si prelevano direttamente dalla cresta iliaca del bacino, oppure si fa un prelievo del sangue. Nel primo caso viene prelevato il midollo che, ci tengo a precisare, non è quello della colonna vertebrale, ma il midollo rosso delle ossa. Nel secondo caso le cellule staminali possono essere prelevate dal sangue circolante, quindi tramite una donazione di sangue normale con la differenza che, in questo caso, bisogna stimolare con dei fattori di crescita (che vengono iniettati i giorni precedenti) la produzione di cellule del sangue, altrimenti non ce ne sono abbastanza".

Non è una passeggiata insomma, ma un iter impegnativo
"È vero. La donazione richiede un impegno non solo fisico, ma anche mentale. Il paziente infatti, per poter ricevere il trapianto deve avere completamente inibito il suo midollo. Un'operazione questa che inizia pochi giorni prima della donazione. Questo vuol dire che se non riceve il trapianto non ha speranze. È quindi una enorme responsabilità per il donatore".

Concretamente, cosa possono curare queste cellule?
"Queste staminali sono cellule in crescita, ma diventeranno cellule del sangue, quindi globuli rossi, bianchi e piastrine. Si possono curare quindi quelle le malattie legate al sangue come leucemie, linfomi etc. Quello che ci tengo a sottolineare è che, al momento della chiamata, si salva veramente una vita"

Cosa deve fare quindi una persona che volesse diventare donatore, quali sono i requisiti che deve avere?
"Chi volesse donare può chiamare il Centro Trasfusionale di Lugano e dire che è interessato a registrarsi. Si fissa quindi un appuntamento per un colloquio. I requisiti sono semplici: il potenziale donatore deve avere tra i 18 e i 55 anni e rispettare standard che sono un po' quelli di una donazione normale di sangue. A tal proposito ci teniamo a precisare che, anche in questo caso, ci troviamo un po' in difficoltà. Mancano in Ticino anche i donatori di sangue. L'invito a fare del bene, quindi, è rivolto anche a loro".

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-23 11:20:19 | 91.208.130.89