Immobili
Veicoli

MENDRISIOLa villa abbandonata per colpa di rublo e guerra

29.03.22 - 06:00
Si trova in Viale Villa Foresta e il cantiere è finito anni fa. A oggi risulta ancora abbandonata. Ecco perché
Tio
MENDRISIO
29.03.22 - 06:00
La villa abbandonata per colpa di rublo e guerra
Si trova in Viale Villa Foresta e il cantiere è finito anni fa. A oggi risulta ancora abbandonata. Ecco perché

MENDRISIO - Per alcuni è lì da sempre, per altri è un luogo pieno di misteri. La licenza edilizia è stata concessa nel 2007, il grosso del cantiere è ufficialmente finito dal 2017, ma, dopo cinque anni, la villa in mattone che si trova in Viale Villa Foresta a Mendrisio risulta ancora disabitata. Chi ci passa davanti non può non guardarla. La villa non passa inosservata.

Ha una superficie di circa 1'150 metri quadrati - se si considera anche la dependance. Non manca di comodità e di spazi per il tempo libero. Ci sono infatti un campo da tennis, una palestra, una spa e una piscina. C'è un parcheggio, in cima alla casa, munito di piattaforma rotante.

I proprietari sono due coniugi russi che cercavano un investimento da fare in Svizzera. Lui lavora nell'ambito dei cereali, delle farine e del pane. Lei lo assiste nella sua attività. I due hanno avuto insieme cinque figli, e tutti sono nati su suolo svizzero. La donna ha la doppia nazionalità. Tutta la famiglia al momento vive a Mosca. Negli anni è girata la diceria secondo cui la casa appartenesse in realtà al capo del Cremlino Vladimir Putin, ma così non è.

La villa non è mai stata destinata a ospitare la famiglia a breve termine. Al contrario, i due coniugi, che oggi sono 50enni, la considerano come un luogo in cui potrebbero passare la propria vecchiaia o dove riunire l'intera famiglia in alcune occasioni.

Ma anche se avessero desiderato di andare a vivere a Mendrisio, la sorte è stata con loro finora beffarda. Come spiegato da Luca Giovanni, responsabile della SA Sviluppo Casa di Chiasso e che a oggi si occupa della gestione della casa e dei suoi proprietari, «prima c'è stato il crollo del rublo, che ha portato a dei ritardi nei pagamenti dei lavori, poi una delle ditte che si occupava della costruzione è fallita e le altre hanno fatto diversi errori». Errori che hanno causato delle infiltrazioni d'acqua e che sono stati risolti solo nel 2020. «È arrivato il Covid e ora anche la guerra. Quest'anno avremmo voluto fare l'abitabilità, ma di nuovo il rublo sta crollando».

Non solo la villa, ma anche la vita del proprietario ha attraversato momenti difficili in passato. La sua prima moglie era la figlia dell'ex Capo del Dipartimento di Gestione della Proprietà Presidenziale della Federazione Russa, Pavel Pavlovich Borodin, da cui ha divorziato alla fine degli anni Novanta. All'inizio del ventennio Borodin avrebbe raggirato lo stesso Cremlino attraverso una banca di Ginevra e distribuito i circa 30 milioni richiesti ad amici e colleghi funzionari. Anche il nome del proprietario della villa di Mendrisio era arrivato agli onori della cronaca quando il caso esplose nel 2000, ma riuscì a dimostrare di non averne tratto alcun beneficio.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO