Immobili
Veicoli

CANTONE«Siamo pronti a vaccinare tutto il personale con la dose di richiamo»

19.11.21 - 16:05
Sant’Anna e Ars Medica attendono il “booster”
Tipress
«Siamo pronti a vaccinare tutto il personale con la dose di richiamo»
Sant’Anna e Ars Medica attendono il “booster”
Dal 29 novembre nelle due strutture sarà introdotto l’obbligo del tampone per i pazienti degenti

SORENGO - «Siamo pronti a vaccinare con la dose di richiamo tutto il nostro personale sanitario, ma da Bellinzona - è il messaggio che filtra dalle Cliniche Sant’Anna e Ars Medica - non hanno ancora detto quando sarà disponibile». Sono tanti i segnali che giungono a proposito di una certa difficoltà nel soddisfare l’alta richiesta di “booster”, l’ulteriore dose di vaccino che per il momento è a disposizione soltanto delle persone con più di 65 anni. 

«Siamo pronti» - Un segnale di questo disorientamento arriva dalle cliniche Ars Medica e Sant’Anna dove non aspettano che il via libera dal Dipartimento della sanità e socialità per avere, «quanto prima», ci precisano da Sorengo, questa dose di richiamo che il Cantone (ma soprattutto Berna) oggi non raccomanda, ma domani chissà… 

Tampone obbligatorio per i degenti - In attesa di novità da Bellinzona, le cliniche di Swiss Medical Network si sono attivate per aumentare da subito le misure di protezione nelle due strutture a favore di pazienti e collaboratori. Dal 29 novembre scatterà infatti l’obbligo del tampone per tutti i pazienti degenti.

L’atteso sblocco - Di sicuro l’attesa della dose di richiamo sta crescendo tra chi lavora al fronte, a diretto contatto ogni giorno con i pazienti. Da qui anche la comprensibile impazienza che non va letta come una critica diretta al DSS che dipende in primo luogo dalle decisioni di Berna. In tal senso, secondo nostre informazioni, proprio dal Cantone è in corso la comunicazione a ospedali, cliniche e case anziani di prepararsi a vaccinare il personale dalla prima settimana di dicembre. Un preavviso per essere pronti al momento delle nuove raccomandazioni ufficiali da Berna. Che però ancora non ci sono.

 

NOTIZIE PIÙ LETTE