Non è un mondo per gente che può piangere, eppure...
Foto di Davide Giordano
ULTIME NOTIZIE Ticino
MEZZOVICO
11 sec
Due formaggi ticinesi tra i migliori al mondo
Dalla Valle di Blenio alla Leventina, il Ticino si è distinto anche quest'anno nel World Cheese Award
MENDRISIO
1 min
Incidente sull'A2: due feriti gravi
Un furgone ha tamponato un veicolo pesante che lo precedeva. Attualmente si circola su una sola corsia
CANTONE
36 min
«Il metrò Ticino è realtà, ma ci sono ancora problemi di puntualità»
Il Consiglio di Stato e la direzione FFS hanno fatto il punto sulla ferrovia nel nostro cantone. E sul suo futuro
CANTONE
38 min
Un premio tutto cuore
Se lo sono aggiudicati, a pari merito, la Sezione samaritani di Comano e la DOS-group SA.
MENDRISIO
47 min
Incidente sull'A2, traffico quasi bloccato
Il sinistro è avvenuto nei pressi del raccordo di Mendrisio, in direzione sud
CANTONE
1 ora
Primo caso di Omicron in Ticino
Il paziente era già stato posto in isolamento, e sono stati tracciati e sottoposti al test anche i contatti stretti
LUGANO
1 ora
Dodicimila franchi sottratti alla Fondazione
Sono i prelievi indebiti effettuati dal don Samuele Tamagni, come fa sapere il presidente della Fondazione Tamagni
CANTONE
1 ora
Molestie alla RSI, «nessuna violenza sessuale riscontrata»
Si sono concluse le indagini sulle trentanove segnalazioni giunte al Sindacato svizzero dei massmedia.
CHIASSO
1 ora
Nebiopoli non molla: «Rinunciare ora sarebbe prematuro»
Il comitato del carnevale chiassese ha deciso di continuare con la pianificazione dell'edizione 2022.
GORDOLA
1 ora
A tu per tu coi diciottenni di Gordola
Negli scorsi giorni i neomaggiorenni hanno incontrato le autorità comunali
CANTONE
24.11.2021 - 07:000
Aggiornamento : 10:16

Non è un mondo per gente che può piangere, eppure...

Lacrime liberatorie, dice una recente campagna. Lo psicoterapeuta Luigi Gianini: «Lasciarsi andare non è così facile».

«Questa è una società troppo competitiva e perfezionista – sostiene –. E così paradossalmente la spontaneità viene offuscata dalla realtà». E voi piangete? Il nostro video tra la gente.

BELLINZONA - Piangi, è liberatorio. È uno dei messaggi lanciati da una recente campagna della cassa malati Helsana, con cartelloni sparsi un po' ovunque. Il tema è affascinante. Perché va a sfiorare un atto di cui l'essere umano spesso si vergogna. Cosa significa piangere? E quali benefici porta il pianto? Tio/20Minuti lo ha chiesto a Luigi Gianini, psicologo, psicoterapeuta e sofrologo clinico.

Perché il pianto può essere una "medicina"?
«Perché ha un effetto catartico, scarica le emozioni, porta una sensazione di benessere in particolare nei casi in cui le emozioni sono state trattenute a lungo».

Il pianto è spesso associato alla tristezza...
Ma si può piangere anche di gioia. Per empatia. Perché un proprio caro ha ottenuto un bel traguardo.

Parliamoci chiaro: chi piange in pubblico non sempre è ben visto.
«È vero. E vale soprattutto per i maschi. Il pianto è una reazione che spesso è stata repressa perché associata a un fattore di debolezza. Siamo cresciuti con l'idea del dovere tenere duro, dell'essere forti e irremovibili. Anche a livello posturale. In altri Paesi c'è ancora maggiore rigidità, la variabile culturale è importante». 

Sembra però che si vada verso un cambiamento. O no?
«Da un certo punto di vista sì. Iniziamo ad accettare che gli esseri umani hanno dei limiti e provano delle emozioni. Il pianto è l'espressione di uno stato interno di tristezza, rabbia o felicità. Anche a livello scolastico si nota una maggiore attenzione all'educazione emotiva».

Molta gente non riesce proprio a piangere. Nemmeno in privato. Come lo spiega?
«L'ambiente in cui si nasce e si vive gioca un ruolo chiave. C'è chi non è abituato a lasciare andare le emozioni. Poi possono esserci anche fattori "clinici" soggettivi. Talvolta il fatto di non riuscire a scaricare queste emozioni in una condizione di lutto o di forte stress impedisce l'elaborazione di quanto vissuto». 

I social e il mondo dell'immagine hanno una responsabilità?
«L’utilizzo dei social implica il bisogno di esporsi con modalità implicanti una “falsa immagine di sé”. Proprio poiché l’esporsi con un  proprio universo emotivo reale e autentico potrebbe compromettere l'immagine che gli altri hanno di noi. Possiamo chiederci se queste forme comunicative agevolino o riducano, soprattutto nelle fasce più giovani, la possibilità di esprimere determinati stati emotivi».

Non piangere comporta la somatizzazione delle tensioni? 
«La letteratura ci riporta esempi in tal senso. L'autore Fritz Zorn, cresciuto in un contesto in cui non si poteva piangere, ci parlava di "lacrime rientrate". Di un pianto che, se non espresso, può trasformarsi in male fisico». 

La società è davvero pronta per una svolta emotiva?
«No. C'è ancora molto da fare. E ci sono parecchi ostacoli. C'è tanta competizione. E il concetto di competizione contrasta quello che può essere un processo di spontaneità emotiva. Siamo nell'era del perfezionismo. Come ci si può abbandonare liberamente al pianto con questa premessa? È paradossale, ma reale». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-09 15:52:09 | 91.208.130.89