Keystone (archivio)
CANTONE
28.10.2021 - 19:440
Aggiornamento : 22:31

Nez Rouge torna in pista, ma per vaccinati, guariti e testati

«Faremo scontenti alcuni volontari e utenti, ma la sicurezza è fondamentale», così il presidente René Grossi.

La speranza della sezione ticinese è che gli automobilisti siano rispettosi e non facciano accorrere i volontari se non possono adempiere al requisito del certificato.

BELLINZONA - Qualche bicchierino di troppo e la macchina appresso? Niente panico, nel nostro cantone sta tornando Nez Rouge. Anche se con qualche clausola pandemica in più: sia volontari che utenti dovranno infatti disporre del certificato Covid e indossare la mascherina. 

Sicurezza al centro - «È chiaro che qualcuno avrà fatto e farà polemica», commenta il presidente di Nez Rouge Ticino René Grossi. «Faremo scontenti alcuni volontari e utenti, ma riteniamo fondamentale che la sicurezza venga garantita per entrambe le parti». E qualche critica in più, nel momento in cui il servizio prenderà il via, ci sarà sicuramente, prevede Grossi: «Perché il centralino che risponderà alle chiamate chiederà subito all’automobilista se ha il certificato».

Si confida nel rispetto degli utenti - Ma il rischio di fare giri a vuoto, dal momento in cui il vero controllo viene effettuato solo dal vivo, c’è: «Speriamo che l’equipaggio non venga chiamato per andare ad esempio fino a Bosco Gurin per scoprire che l’utente non è né vaccinato, né guarito né testato». 

Si parte a metà dicembre - Il servizio si svolgerà in versione light, con un numero più limitato di volontari, puntualizza il presidente. Il riscontro dei volontari è comunque stato positivo: «All’inizio ero un po’ scettico sul futuro, perché era da un anno e mezzo che avevamo interrotto l’attività. Sono invece rimasto positivamente stupito dalla risposta dei volontari, che si sono già iscritti in una trentina». Il servizio entrerà in funzione dalle 22 alle 2 del mattino il weekend del 17-18 dicembre e poi del 24-25 dicembre. Per la notte di capodanno sarà invece attivo dalle 24 alle 6 di mattina.

Chi sì, chi no - La sezione ticinese di Nez Rouge è una delle poche che ha deciso di tornare in attività a livello svizzero. E, arrivato il momento di confrontarsi tra le diverse antenne della Fondazione, si è creato un bel dibattito, conferma Grossi: «C’era chi diceva “non si tratta di una professione, quindi è inutile mettere a rischio i nostri volontari”». Ma, conclude Grossi, «noi abbiamo comunque deciso di farlo, per rimarcare la nostra presenza anche in vista dei futuri carnevali». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-07 07:33:41 | 91.208.130.86