Ti-Press
CANTONE
15.09.2021 - 14:370

Primo bilancio positivo per i Bikecoin

Ottimo avvio per il progetto pilota che incentiva all'utilizzo della bicicletta sul tragitto casa-lavoro.

Nei primi mesi di sperimentazione la partecipazione si è infatti quadruplicata e da Lugano si è espansa in tutto il cantone. Gli organizzatori: «Da poche decine di utenti siamo passati a 250».

LUGANO - Dopo un periodo iniziale con il freno tirato, complici le incertezze sempre legate alla pandemia, il ricorso ancora importante al telelavoro, una meteo poco clemente e le vacanze estive, “Bikecoin”, il progetto pilota che incentiva all'utilizzo della bici sul tragitto casa-lavoro, ha finalmente ingranato una marcia superiore.

Quadruplicata la partecipazione - Il progetto ha provocato una sorta di competitività tra i dipendenti delle aziende che hanno deciso di aderire alla sperimentazione. E ne ha coinvolte altre. Partita con cinque aziende (Amministrazione della Città di Lugano, AIL, RSI, Croce Verde Lugano, Lemanik Invest SA), la sperimentazione ha infatti visto crescere progressivamente le adesioni nel corso dell’estate. Subito si sono aggiunte Kellerhals Carrard SA, Farmacia Victoria Lac SA e la TPL, mentre nel corso del mese di agosto l’Ospedale Beata Vergine, l’Ospedale Regionale di Lugano e l’Ospedale San Giovanni hanno dato il via a una sfida interna all’EOC. A settembre il progetto ha poi raggiunto tutto il cantone coinvolgendo anche l’Amministrazione della Città di Locarno, l’AET), la Fondazione Casa San Rocco di Morbio Inferiore e da questa settimana l’Amministrazione del Comune di Losone, l'IBSA, la SUPSI e l'USI.

Numeri in crescita - «Se a giugno si contavano poche decine di utenti che tracciavano quotidianamente ca. 250 chilometri, gli utenti attivi a inizio settembre sono diventati quasi 250 e tracciano 1200 chilometri al giorno», sottolineano i responsabili del progetto Mobalt (mobilità alternativa), precisando che in totale sono stati tracciati quasi 30'000 chilometri che hanno fruttato quasi 350'000 Bikecoins. «Tralasciando le cifre, gli effetti del programma si vedono soprattutto con l’aumento della frequenza e delle distanze degli spostamenti in bicicletta nonché una sana competizione all’interno delle aziende, che sembrerebbe essere lo stimolo principale all’adesione dei collaboratori. L'ottimo riscontro e le nuove adesioni aziendali - concludono da Mobalt - ci fanno ben sperare per la prossima stagione primaverile, quando molte aziende pensano di rilanciare le proprie attività di mobilità aziendale alternativa». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 19:13:43 | 91.208.130.85