«La smettano di dire che chiedo sussidi, l'ho sempre fatto per la valle»
Ti-Press (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANOBBIO
3 ore
“Tutti in gioco” è sempre più in partita tra divertimento e Vip
 «È una grande gioia» spiega l'ideatrice Simona Gennari «vedere i progressi di tutti gli allievi»
LUGANO
4 ore
Festa nel parco, scatta l'interrogazione
Chiesti lumi al Municipio sulla questione degli spazi aggregativi per i giovani a Lugano
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
Il comitato contro il “Matrimonio per tutti” bloccato da Facebook
Il social: «Istiga all'odio». Chiesta al tribunale la revoca del blocco
CANTONE
5 ore
«Vogliamo che Agno diventi lo scalo dei furbi?»
Giancarlo Seitz sulla sicurezza dello scalo luganese: «Da due anni non c'è più nemmeno la Polizia cantonale».
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
L'estate sta finendo... è arrivata la prima neve
In Ticino il limite delle nevicate è sceso a 2'200 metri. A Goms, in Vallese, qualche fiocco è arrivato a 1'300 metri
LUGANO
8 ore
«Hanno lanciato sassi, per questo gli agenti hanno sparato»
Il Comandante della polizia di Lugano: «Tutta l'operazione si è svolta nel rispetto delle norme di proporzionalità».
MENDRISIO
9 ore
Una frana ferma il treno del Monte Generoso
L'esercizio è sospeso da domani fino a nuovo avviso
CANTONE
9 ore
Semine e Locarno, nessun arbitro per tre settimane
La Commissione arbitrale della FTC ha deciso che non invierà fischietti fino al 10 ottobre.
CANTONE
10 ore
Altre quattro classi in quarantena
Saranno costrette a casa due sezioni della scuola elementare di Locarno-Saleggi, una di Ascona e una di Agno.
FOTO
LOCARNO
13 ore
Tutto il Fevi in piedi per la “sua” Loredana
Un fortissimo e caloroso abbraccio ha stretto il pubblico locarnese alla cantante.
MASSAGNO
15 ore
Nuovo direttore per l'Azienda elettrica di Massagno
Si tratta di Rolf Endriss, che prenderà il posto di Paolo Rossi.
BOSCO GURIN
15.04.2021 - 20:300
Aggiornamento : 16.04.2021 - 00:05

«La smettano di dire che chiedo sussidi, l'ho sempre fatto per la valle»

Giovanni Frapolli furioso su Piazza Ticino. L'imprenditore chiuderà davvero gli impianti sciistici?

Patriziato nel mirino: «Quando ho aperto la slittovia, l'unica preoccupazione era incassare mille franchi all'anno. E la zipline l'hanno definita "rottame". O accettiamo chi investe, o basta. Lo sci ticinese? Futuro incerto».

BOSCO GURIN - Molla tutto. O forse no. Giovanni Frapolli, proprietario degli impianti sciistici di Bosco Gurin, ospite di Piazza Ticino, la piazza virtuale di Tio/20Minuti, attende i suoi detrattori al varco. Dopo l'annuncio di volere "abbandonare la nave", l'imprenditore bellinzonese lascia aperta la porticina della speranza. Cruciale, probabilmente, sarà l'assemblea patriziale in programma venerdì sera. 

La sua era una provocazione per fare reagire enti e associazioni?
«Io resto in attesa che la gente "vera" di Bosco Gurin dia un segnale. Così come il Dipartimento delle finanze e dell'economia e la Sezione degli enti locali. Bisogna capire veramente cosa vogliamo fare delle zone periferiche».

Dunque, se ne va o resta?
«Dopo il mio annuncio, mi hanno chiamato in diversi, chiedendomi di rimanere. Mi sento sulle spalle una grande pressione. Io volevo cambiare la mentalità: basta investire solo sull'inverno, puntiamo sulle quattro stagioni. Se cambiano gli interlocutori e gli atteggiamenti, io ci sono e rimango. Dentro di me non vorrei mai che gli impianti di Bosco chiudessero. Diventerebbe un paese quasi disabitato».

Spesso l'hanno accusata di essere "quello che chiede sussidi". Che effetto le fa? 
«Le leggi permettono di ottenere una percentuale sul finanziamento di progetti nelle zone periferiche. Sarebbe da incosciente non richiederli. La smettano con questa storia. I sussidi li devo chiedere. Sì, è un dovere. E servono per rilanciare una valle. Io personalmente i sussidi non li vedo mai. Finiscono ad esempio per pagare la manutenzione degli impianti».

Dunque?
«Il fatto è che io ci metto la faccia. Se qualcuno vuole prendere il mio posto, lo può fare. Metta 20 milioni di franchi sul tavolo. Ho 65 anni e ho la mia ditta di elicotteri, a queste condizioni a Bosco non continuo».

Apriamo una parentesi più generale. Lo sci ticinese ha un futuro?
«È molto incerto. Il clima meteorologico non ci aiuta. Questo sport è diventato costoso. E in Ticino, in generale, si è perso tempo nel fare discussioni inutili al posto di cercare di diventare una destinazione di punta».

Dove si è sbagliato?
«Occorreva investire non solo sugli impianti, bensì creare pacchetti turistici, attirare investitori, fare programmi anche per l'estate. Io a Bosco ci ho provato, ad esempio con la slittovia. Quelli del Patriziato hanno cominciato a dirmi che se la volevo fare dovevo pagare mille franchi all'anno. Al posto di essere contenti che qualcuno investe sul territorio... La chiamavano "pezzo arrugginito"».

Quali altre resistenze ha incontrato concretamente?
«Ad esempio: "se vuoi lanciare la mountain bike, poi rovini la strada e devi pagare i danni", "se vuoi l'acqua del Patriziato la devi pagare". Non parliamo poi della zipline. L'hanno definita "rottame", volevano garanzie in caso di futuro smantellamento. Il Patriziato non ti mette il tappeto rosso. Se vuoi fare qualcosa, devi sempre metterti in ginocchio».

Cosa si aspetta dall'assemblea patriziale?
«Il tema è: vogliamo ancora che a Bosco Gurin gli impianti esistano? Con tutti i progetti che sto portando avanti? Mi riferisco ad esempio al collegamento con la Val Formazza, all'ampliamento dell'albergo Walser. Il concetto legato al famoso masterplan rischia di crollare».   

Lei ce l'ha col masterplan...
«Ma certo. Si fanno studi costosi. Ma se mancano gli imprenditori, il masterplan è un fallimento. O accettiamo chi viene a investire, o chiudiamo gli incarti. Anche il Dipartimento deve prendersi determinate responsabilità».

GUARDA L'INTERVISTA VIDEO COMPLETA
  

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 02:53:39 | 91.208.130.86