Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
POLLEGIO
8 ore
Due auto si scontrano lateralmente
L'incidente è avvenuto questa sera attorno alle 18:00
FOTO
LOCARNESE
9 ore
Camionista nei guai per tutta una serie di infrazioni
Danni e utenti della strada in pericolo nel Locarnese. Ma poi è intervenuto un pedone, togliendo la chiave di avviamento
FOTO
SAN BERNARDINO (GR)
12 ore
Un'auto pericolosa sull'A13
Ha causato più danni e creato situazioni di pericolo. La polizia è riuscita a fermarla nella galleria del San Bernardino
CHIASSO
13 ore
Muore sul bus da Chiasso: ma non si sa chi è
Un 75enne di identità sconosciuta è deceduto ieri a causa di un malore. Le autorità italiane cercano in Ticino
FOTO
CANTONE
15 ore
«Quel fumo nero che usciva dal portale del San Gottardo»
Ha avuto luogo oggi a mezzogiorno il ricordo delle undici persone che morirono nella galleria il 24 ottobre 2001
LOCARNO
17 ore
Il 20enne che ha sparato resta in carcere
Convalidato l'arresto del giovane dopo i fatti di via Vallemaggia
FOTO
CHIASSO
18 ore
«Un fans club a Chiasso? Non me l'aspettavo proprio»
Miglior giovane all'ultima Vuelta, Gino Mäder è "tornato" nel Mendrisiotto accolto da un fans club nato un po' per caso.
CANTONE
1 gior
Sigarette elettroniche a scuola?
Maddalena Ermotti-Lepori (PPD) ha inoltrato un'interpellanza per capire se esista una strategia nelle scuole
LOCARNO
1 gior
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
1 gior
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
CANTONE
1 gior
Norman Gobbi a colloquio con gli ufficiali e sottoufficiali professionisti
Si è discusso di Esercito, dell'operazione Odescalchi e del ruolo dei media in caso di catastrofi
MENDRISIO
1 gior
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CANTONE
02.04.2021 - 12:190
Aggiornamento : 12:50

L'Mps contro la Garzoni: «Prezzi folli. Il lupo perde il pelo...»

Il caso dei subappalti a matrioska per la realizzazione per Campus Supsi/Usi finisce in un'interpellanza

LUGANO - “Il lupo perde il pelo ma non il vizio!”. Scrive il Movimento per il socialismo in un’interpellanza con cui chiede al Consiglio di Stato di esprimersi sul «grave caso di illegalità» emerso al cantiere del Campus Supsi/Usi di Viganello, inaugurato la scorsa settimana. L’atto parlamentare, intitolato “Impresa di costruzioni Garzoni SA e appalti truccati”, parte da una vicenda di quindici anni fa per concentrarsi poi su fatti più recenti, le irregolarità avvenute nel 2017 sul cantiere, di cui si è riferito ieri in cronaca. 

Un tuffo nel passato - Nel rispolverare vecchi scheletri l’Mps ricorda che «nel 2006 l’impresa di costruzione Garzoni fu oggetto di un procedimento penale a seguito di un appalto truccato con la Cassa pensione della città di Lugano». Anche a seguito della denuncia pubblica promossa dallo stesso Mps il presidente del CdA dell’impresa «dovette uscire dal consiglio di amministrazione di Bancastato. CdA in cui era stato proposto dall’allora consigliera di stato PLRT Marina Masoni».

Il subappalto del subappalto - L’interpellanza dell’Mps si concentra quindi sul mancato rispetto della Legge sulle commesse pubbliche, segnalata due anni e mezzo fa dal sindacato Unia all’Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche. E ripercorre la vicenda dei subappalti a “matrioska” nella posa dell’acciaio, nell’ambito di un appalto di 17,2 milioni di franchi per lavori edili che si era aggiudicato la Garzoni SA. Punta il dito quindi sul «manifesto non rispetto del bando», con il subappaltatore di primo grado, quello legale, che ha subappaltato a un’altra ditta la posa concreta dell’acciaio d’armatura.

Dumping e fallimento - L'Mps evidenzia anche un’altra problematica, «intimamente legata al subappalto del subappalto»: «Infatti i prezzi della posa ottenuti dalla ditta Garzoni SA con il primo appaltatore sono di 30 centesimo al chilo, ampiamento sottocosto». Con questi «prezzi folli», scrive l’Mps, «il guadagno del secondo subappaltatore non poteva avvenire che tramite il dumping salariale, il mancato rispetto dei disposti contrattuali e legali, per concludersi nel fallimento pianificato». In definitiva, conclude, l’interpellanza, «un’operazione indegna» finita con una perdita per le varie istituzioni pubbliche di 680mila franchi. Da parte sua la Garzoni, ricordiamo, ha replicato di avere «operato nel pieno rispetto delle leggi. Siamo completamente estranei e non abbiamo nulla a che vedere con il fallimento della Pleschina (la ditta subappaltatrice di secondo grado, ndr)».

Le domande dell'interpellanza al Consiglio di Stato: 

1) Come valuta, in generale, questa grave vicenda nella sua qualità di massima autorità nel campo dell’applicazione della LCPubb?

2) Come giudica la gestione da parte del committente, ossia Consorzio USI / SUPSI per il Campus di Lugano-Viganello, soprattutto alla luce delle segnalazioni tempestive inoltrate dal sindacato Unia?

3) Trova ammissibile che a due anni e mezzo dalla segnalazione dei fatti, l’Ufficio di vigilanza delle commesse pubbliche non abbia ancora emesso una decisione?

4) Con questa lentezza come pensa il Consiglio di Stato che si possa combattere il dumping salariale e la concorrenza sleale? Non si tratta, infatti, di un caso complicato…

5) Quali misure urgenti adotterà il Consiglio di Stato affinché sui cantieri pubblici di sua competenza non avvengano questi gravi abusi, in particolare forme di dumping?

6) Nel caso concreto, come pensa di agire immediatamente affinché l’Ufficio di vigilanza delle commesse pubbliche emetta il più rapidamente possibile una decisione sul caso in questione?

7) Se il problema dell’Ufficio di vigilanza fosse una situazione di sovraccarico a causa di una dotazione di personale insufficiente, cosa intende fare il Consiglio di Stato per reagire concretamene in tempi rapidi?

8) Come valuta il fatto che l’Ufficio di vigilanza non voglia nemmeno dichiarare pubblicamente se un’inchiesta sia stata aperta o meno?

9) Questa triste vicenda ripropone con forza la problematica dei fallimenti a catena, pilotati, a scopo di lucro. Alla luce di questo ennesimo caso, il Governo non considera che sia giunto il momento di un cambiamento radicale di politica, abbandonando le misure adottate finora che si sono rivelate di fatto inefficaci?

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 04:20:45 | 91.208.130.89