Città Lugano
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
33 min
Wicht più prosciolto che condannato
Si è chiusa (per ora) con un decreto di abbandono e una piccola multa l'inchiesta sull'ex Udc
FOTO
BELLINZONA
42 min
La ristrutturazione del Liceo non piace agli studenti
La petizione lanciata dal Comitato studentesco ha raccolto ben 548 firme.
CANTONE
56 min
Aperto il bando per disegnare la locandina del Pardo 2022
Designer, grafici, artisti (e aspiranti tali) avranno fino al 6 gennaio per inviare le opere. In palio 5'000 franchi
CANTONE
1 ora
Milioni di aiuti per gli impianti di risalita
Approvato quasi all'unanimità il credito di 5,6 milioni per Airolo, Bosco Gurin, Campo Blenio, Carì e Nara.
FOTO
MESOCCO (GR)
1 ora
Le gallerie sull'A13 ora sono più sicure
Ultimati oggi i lavori per le uscite di sicurezza delle gallerie Brusei e il cunicolo di sicurezza per il tunnel Land
CANTONE
2 ore
Certificato a chi si testa in azienda, non c'è urgenza
Il Gran Consiglio ha bocciato la richiesta avanzata la scorsa settimana dal Gruppo UDC.
STABIO
4 ore
Andiamo a pulire i boschi di Stabio
Il Comune propone un pomeriggio dedicato alla lotta contro il littering
MENDRISIO
4 ore
Ligornetto: «Una vignetta per i momò»
Per il gruppo Lega-Udc-Udf i residenti di Mendrisio devono essere esentati dal blocco del traffico
BELLINZONA
4 ore
«Non toccate le settimane bianche»
A Bellinzona l'Unità della sinistra chiede al Municipio di fare dietrofront sull'abolizione della proposta fuori sede
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
Boom dei camping TCS, anche in Ticino
Nonostante il tempo poco favorevole e il Coronavirus l'affluenza è aumentata del 30% rispetto al 2020.
CANTONE
6 ore
Coronavirus in Ticino: 18 positivi e ricoverati stabili
Nelle strutture ospedaliere rimangono 7 le persone affette dalla malattia.
BREGGIA
6 ore
A Breggia si posa l'asfalto
Lavori previsti dal 25 ottobre al 19 novembre a Morbio Superiore
BELLINZONA
8 ore
Li richiami e il loro numero "non esiste"
Telefonate che arrivano da normalissimi 079, 078 o 076. Boom di recapiti "fantasma". Cosa c'è dietro?
CONFINE
9 ore
Intercettati oltre 256mila euro non dichiarati
È il bilancio delle ultime settimane stilato dalla Guardia di Finanza che opera a Ponte Chiasso.
LUGANO
25.03.2021 - 16:200

La Città si rifà i cartelli

In arrivo una nuova segnaletica culturale e turistica.

L'intento è quello di aggiornare l'offerta turistica e mettere nel giusto risalto i beni storici e culturali cittadini.

Nel corso della primavera verrà posata a Lugano una nuova segnaletica storica e direzionale a beneficio di cittadini e turisti.

Con questa rete di cartelli la Città intende aggiornare la propria offerta turistica e mettere nel giusto risalto i suoi beni storici e culturali.

La prima parte del progetto, che entra ora nella fase operativa, toccherà i quartieri che a partire dal Centro si sviluppano a raggiera nelle sue adiacenze. Seguirà l’estensione graduale della rete su tutto il territorio comunale, da Gandria a Brè, da Carona fino alla Val Colla.

La nuova rete segnaletica è frutto di un lavoro che ha coinvolto gli Spazi urbani, la Cultura e la Comunicazione, con la partecipazione di molti altri servizi dell’amministrazione comunale e cantonale e di Lugano Region. Si inserisce, infatti, nel più vasto progetto di corporate identity che sta interessando l’amministrazione cittadina.

Via ai vecchi cartelli - Verranno eliminati molti dei cartelli divenuti obsoleti, risultato di sovrapposizioni decennali e di iniziative non coordinate, sia pubbliche che private, in favore di un’unica serie di totem verticali caratterizzati da scritte bianche stampate su sfondo scuro. La comunicazione sarà in italiano e in inglese. I cartelli di segnaletica direzionale forniranno le indicazioni dei principali punti di interesse (cultura, sport, infrastrutture, parcheggi e così via) mentre quelli dedicati ai monumenti ne racconteranno brevemente la storia.

La prima tappa prevede il posizionamento di 29 cartelli direzionali e 54 cartelli storici nei quartieri Centro, Loreto, Besso, Molino Nuovo, Viganello, Cassarate e Castagnola.

Segnaletica storica

Le prime testimonianze urbanistiche dell’antico borgo di Lugano risalgono a prima dell’anno Mille, nella zona della collina di San Lorenzo che si distende tra la Cattedrale e l’attuale Piazza Cioccaro. Da quel primo piccolo nucleo di case, il borgo si sviluppò dapprima verso sud, nella contrada di Nassa (XI-XII sec.), poi verso est nella nuova contrada chiamata appunto “Canova” (XIII-XIV sec.). Soltanto sul finire dell’epoca medievale le costruzioni giunsero a coprire un’area simile all’attuale centro storico, quando vennero aggiunti o ampliati alcuni importanti edifici monumentali come la Collegiata (poi Cattedrale) di San Lorenzo, la Chiesa degli Angeli e il Castello Sforzesco, demolito pochi anni dopo la sua edificazione. Tra Sei e Settecento una nuova spinta, testimoniata tra l’altro dai tre palazzi fatti costruire dalla famiglia Riva, contribuì a cambiare l’immagine della città, che con l’Ottocento si allargò oltre gli antichi perimetri e toccò a sud-ovest la zona del lungolago verso Paradiso, e a est i comuni di Viganello, Cassarate e Castagnola.

Nonostante i cambiamenti anche importanti che hanno interessato il territorio comunale nel corso degli ultimi due secoli, molte vestigia del passato sono ancora visibili oggi a chi le sappia osservare con attenzione. La nuova segnaletica cittadina intende favorire questo esercizio di memoria, per accrescere la consapevolezza storica degli abitanti di Lugano e dei numerosi turisti che giungono nella regione.

La selezione dei monumenti ai quali si è voluto dedicare un cartello informativo è stata operata partendo dagli inventari dei beni tutelati a livello cantonale e locale. Non ci si è voluto però limitare a quelli, per poter raccontare anche la storia di edifici che pur non avendo caratteristiche artistiche o architettoniche riconosciute hanno giocato un ruolo importante nello sviluppo della realtà cittadina: dai luoghi di culto (non solo cattolici) alle infrastrutture sportive e balneari, passando per le dimore storiche o le testimonianze della cultura industriale. Il colore sobrio, l’assenza di immagini e la forma verticale dei cartelli (30 cm di larghezza per 160 di altezza) avranno un impatto visivo minimo, al fine di tutelare il più possibile l’immagine dell’edificio retrostante. Anche la posizione è stata selezionata con cura, nel rispetto dei luoghi e delle loro specificità architettoniche e simboliche.

La cinquantina di cartelli che interesserà nelle prossime settimane i quartieri del centro storico verrà integrata nel corso dei prossimi anni da decine di altre destinazioni negli altri quartieri, applicando su ampia scala i medesimi criteri seguiti nella prima fase del progetto.

Offerta digitale

Gli edifici compresi nella rete segnaletica sono stati catalogati nel nuovo database digitale dell’Ufficio Patrimonio della Città di Lugano, le cui schede sono accessibili attraverso il sito www.archiviostoricolugano.ch (tipologia “Architettura”). Oltre alla geolocalizzazione degli oggetti, le schede contengono una breve descrizione storica, un apparato iconografico con fotografie e vedute d’epoca, documenti archivistici e una bibliografia scientifica sul tema. In collaborazione la Franklin University di Sorengo è stata attivata una collaborazione didattica intesa alla promozione turistica del patrimonio storico e culturale luganese in chiave digitale tramite gli studenti dell’ultimo anno del corso di Global Strategic Management (docenti Suleiman, Miniero, MacKenzie).

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 17:03:47 | 91.208.130.89