©Rendering Cruz y Ortiz - Giraudi Raidczuweit Architetti
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SVIZZERA
29 min
I ticinesi guidano l'auto peggio di chiunque altro
A sud delle Alpi avviene il 20% in più di incidenti rispetto alla media nazionale, secondo i dati raccolti da Axa.
CANTONE
29 min
«Dobbiamo aggiornare i vostri dati...», ma in verità vi rifilano un contratto
Torna l'inganno che prova a far sottoscrivere un abbonamento indesiderato fingendo di aggiornare la mappa della città.
RIVA SAN VITALE
6 ore
«Sono semplicemente allibito»
Lo sfogo del proprietario del veicolo affondato nel Ceresio. «Ragazzate? Non è un'attenuante»
CANTONE
10 ore
«I ticinesi diffidenti all'inizio, ma poi aperti agli stranieri»
Il Delegato all'integrazione Attilio Cometta passa il testimone e traccia un suo personale bilancio
CANTONE
11 ore
Un nuovo presidente per Pro Natura Ticino
Si tratta di Daniel Ponti, che sostituisce Claudio Valsangiacomo
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
12 ore
Le macerie dell'ex Macello davanti al Governo
Una cinquantina di persone hanno protestato davanti a Palazzo delle Orsoline durante la seduta di Gran Consiglio.
CANTONE
12 ore
Nicola Respini nuovo giudice del Tribunale d'appello
Il Gran Consiglio ha accolto con 60 voti la raccomandazione della Commissione giustizia e diritti.
LOSONE
14 ore
Il Tram ordina il divieto d'uso dell'ex Caserma
La sentenza è stata comunicata oggi. Soddisfatta la Lega, il sindaco Catarin: «Ne discuteremo domani in Municipio»
VIDEO
RIVA SAN VITALE
15 ore
Ecco il video del furgone rubato e poi affondato nel lago
Il filmato immortala l'ultimo atto della "bravata" compiuta da un gruppo di giovani
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
Chef premiati, c'è anche un ticinese
Si tratta di Lorenzo Albrici della Locanda Orico di Bellinzona
CANTONE 
16 ore
Una barriera in panne blocca l’inizio della seduta
Il malfunzionamento della sbarra ha impedito l’accesso al parcheggio riservato ai deputati
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
Dopo il temporale di ieri, ecco come proseguirà la settimana
L'ondata di caldo si è bruscamente interrotta grazie all'arrivo dei temporali.
LOCARNO
17 ore
Beach volley di alto livello in Largo Zorzi
Il Coop Beachtour farà tappa in riva al Verbano dal 24 al 27 giugno.
MENDRISIO
20 ore
Doppia cerimonia alla Supsi di Mendrisio
Sono stati consegnati i diplomi CAS (Certificate of Advanced Studies) di Tecnico comunale e in Cooperazione e sviluppo.
CANTONE
20 ore
Coronavirus: in Ticino 19 casi nel weekend
Tranquillità negli ospedali, che ospitano ancora 3 pazienti affetti dalla malattia.
CANTONE
22 ore
«Sono cose che non vorresti mai vedere»
Incidenti mortali, suicidi, omicidi. Il Care Team cantonale ha lavorato duro durante la pandemia
MENDRISIO
1 gior
«È un caso isolato, il disagio sociale non c'entra»
Il capo dicastero sicurezza pubblica Samuel Maffi commenta i fatti accaduti venerdì notte nel parco di Villa Argentina.
CANTONE
1 gior
«A noi giovani piace avere il destino nelle nostre mani»
Il movimento ticinese delle bocce è in fermento e la Federazione svizzera è alla ricerca di giovani leve
LUGANO
26.02.2021 - 12:020
Aggiornamento : 16:02

"Cittadini" contro il Polo: «Pronti a sostenere il referendum»

Secondo l'associazione il progetto del Polo sportivo e degli eventi è «colossale, complicatissimo e dal costo enorme»

La critica dei "Cittadini per il territorio del Luganese": «Si tratta di compiere il passo secondo la gamba. Le spese pubbliche ingenti devono essere approvati dal popolo, così come si è fatto, per esempio, a Lucerna per Swissporarena».

LUGANO - LUGANO - «Un progetto colossale, complicatissimo e dal costo enorme». Nuovo tackle contro il progetto di Polo sportivo e degli eventi allestito dal Municipio. Ad annunciare di essere pronti a sostenere il referendum qualora il Consiglio comunale dovesse approvare la proposta sono i Cittadini per il Territorio del Luganese.

Nove motivi per dire no - Un “no al contratto” articolato nei seguenti 9 punti:

1. I Cittadini per il territorio del Luganese criticano il contratto stabilito dalla Città con gli operatori immobiliari per realizzare a Cornaredo il Polo Sportivo e degli Eventi (PSE), un progetto colossale, complicatissimo, dal costo enorme di oltre 280 milioni di franchi, costi finanziari compresi. La proposta è stata redatta in camere chiuse senza la consultazione dei cittadini ed è presentata in un pacchetto unico, non scomponibile: prendere o condannare il FCL nei gironi inferiori. Si tratta di un ricatto inaccettabile che mortifica il processo democratico ed esclude ogni apporto volto alla ricerca di scelte migliori o più convenienti.

2. A Cornaredo la Città intende costruire, rinnovandoli, gli impianti sportivi (la nuova arena per il calcio, un palazzetto dello sport, campi di allenamento, pista di atletica). Al Maglio vuole realizzare un altro centro sportivo. Accanto a queste strutture sportive propone di realizzare due torri di 45 metri adibite a scopi commerciali, un Blocco per i servizi della Polizia comunale e quattro palazzine per abitazioni lungo via Trevano.

3. Per i Cittadini per il territorio del Luganese è determinante la scelta di uno sviluppo territoriale razionale, parsimonioso e commisurato ai bisogni. La pianificazione territoriale, nel suo mezzo secolo di esperienza, ha messo a punto e collaudato efficaci strumenti per pilotare lo sviluppo urbanistico. I principali strumenti sono il Piano di indirizzo (PD) e il Piano di utilizzazione (PR). Il primo si rivolge a un orizzonte lontano (30-40 anni) il secondo a un orizzonte ravvicinato (15 anni). Malauguratamente Lugano mescola i due livelli. Inserisce nei PR (che dovrebbero contenere solo i bisogni dei prossimi 15 anni) anche gli indirizzi a lungo termine. Così facendo si priva della possibilità di pilotare lo sviluppo secondo le priorità e le necessità accertate. Aggrava la situazione il fatto che la Città non dispone delle necessarie conoscenze sul grado di attuazione (cioè le riserve) delle zone edificabili esistenti, come richiede una formale prescrizione legale disattesa ormai da vent'anni.

4. La CRTL e la Città hanno scelto di indirizzare prioritariamente lo sviluppo dell’agglomerato nelle due aree periferiche del Pian Scairolo e di Cornaredo NQC, dove sono previsti sviluppi smisurati. Sono scelte che non condividiamo e che contestiamo vanamente da anni. Ma oggi le ragioni per dissentire sono ancora più forti, poiché è ormai apparso chiaro a tutti che il fragile centro città deperisce e non sopporta le forti concorrenze periferiche promosse dalle Autorità. Sosteniamo che la città non deve prioritariamente svilupparsi, nel prossimo periodo, a nord e a sud, ma concentrare il suo sviluppo nel Centro città, nel Piano del Cassarate e nell’area della stazione FFS. Si tratta di scelte strategiche che consentirebbero di ammodernare e ristrutturare il tessuto già edificato, con interventi innovatori su scala di comparto e non più di parcella. Le riserve nelle aree indicate sono grandi e potrebbero accogliere molti dei progetti che i PR prevedono invece nel Pian Scairolo e nel NQC.

5. In queste condizioni di eccessiva e diffusa offerta di zone insediative, di concorrenza interna al PR cittadino (ricordiamo che il PR del Pian Scairolo prevede un altro polo direzionale - denominato Porta Sud - di uguale densità delle due torri di Cornaredo), di marcata sovrabbondanza dell'offerta (lo sfitto supera il 3%) e di continua regressione demografica (2200 ab in meno negli ultimi 5 anni), non c'è da meravigliarsi che l'attrattività delle edificazioni per il terziario e la residenza previsti dal PSE a Cornaredo sia debolissima e non susciti l'interesse, anche a lungo termine, degli imprenditori privati.

6. Gli imprenditori non avrebbero sottoscritto l'accordo se la città non avesse garantito loro l'affitto degli spazi per uffici previsti nella torre est e nel blocco servizi. Per accontentare la loro richiesta la Città si è dunque dovuta impegnare a trasferire l'amministrazione e la polizia comunale in una delle torri e nel blocco servizi. Il centro città si svuota e agonizza, mentre il quartiere di Cornaredo, con infrastrutture di trasporto pubbliche e private insufficienti, si ingolfa. Inoltre, la Cassa pensioni della Città perde i canoni d'affitto della polizia in via Beltramina (1,4 mio. franchi annui).

7. Gli aspetti negativi dell’accordo a noi sembrano dunque prevalenti: a) il costo degli impianti sportivi (costi finanziari compresi) ammonta alla bella cifra di 282 milioni di franchi. Con previsioni di spesa così elevate riteniamo che sarebbe stato necessario presentare delle alternative entro cui scegliere. b) la scelta urbanistica di costruire oggi edifici per il terziario e per l'abitazione a Cornaredo per noi non è opportuna. Nel breve periodo sono prioritari il consolidamento e lo sviluppo delle zone centrali. c) l’affrettata proposta di spostare l’amministrazione comunale a Cornaredo è inopportuna, perché rovina il fragile equilibrio vitale dei quartieri centrali e perché porta gli impiegati in una zona priva di attività per il consumo e gli scambi. d) L’accordo danneggia la Cassa Pensione della città, anch’essa un importante operatore immobiliare, sottraendole un affittuario di peso (la polizia) e impedendole di investire in nuove costruzioni redditizie.

8. Tutta la discutibile operazione è legata e cementata dall’accordo con gli operatori immobiliari privati. È questo vincolo che contestiamo, perché impedisce di valutare ogni componente secondo criteri di opportunità e convenienza. Riconosciamo che la realizzazione degli impianti sportivi sia utile (secondo il progetto del Municipio oppure con soluzioni ragionevolmente ridotte) ma il resto andrebbe ripensato con calma e non sotto l’assillo del tempo e del ricatto.

9. La questione della gestione dello sviluppo territoriale è fondamentale. Si tratta di compiere il passo secondo la gamba, con determinazione e con precisi indirizzi. Se il Consiglio comunale non si oppone a questo progetto o non lo correggerà, sarà inevitabile sostenere una consultazione popolare. In diverse città svizzere i Piani Regolatori e le spese pubbliche ingenti devono essere approvati dal popolo, così come si è fatto, per esempio, a Lucerna per Swissporarena.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-22 06:29:10 | 91.208.130.85