Immobili
Veicoli
Deposit
La puntata è andata in onda giovedì (immagine generica)
ULTIME NOTIZIE Ticino
ARBEDO-CASTIONE
44 sec
Il Motel Castione affonda schiacciato dall'Iva
Negli scorsi giorni la società ha depositato i bilanci, oggi lo stop intimato dal Cantone
CANTONE
40 min
Cardiocentro nell'EOC: «È stato un primo anno positivo»
L'integrazione è pienamente riuscita e da quest'anno la cardiologia dell'Ente sarà gestita totalmente dal Cardiocentro.
CANTONE
46 min
Ecco i prossimi radar, molti nel Luganese
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 24 al 30 gennaio
CANTONE
2 ore
Mancata riscossione dell'IVA: «Non devono essere i conducenti a risarcirla»
L'invio di un complemento di fattura dopo circa cinque anni ha fatto storcere il naso a molti.
FOTO
LUGANO
5 ore
«Ringrazio tutto il personale sanitario»
Il presidente della Confederazione ha parlato con i medici e gli infermieri in prima linea nella lotta al Covid-19.
CANTONE
5 ore
«Bene gli applausi agli infermieri, ma diamogli anche 6'000 franchi»
L'MPS ha presentato una serie di emendamenti al Preventivo 2022 focalizzati su sanità, dumping e disoccupazione
LOCARNO
6 ore
Kursaal firma con un nuovo gestore. «Ma noi siamo ancora interessati»
Il Gruppo ACE, che attualmente gestisce la casa da gioco, non nasconde il proprio stupore: «Non sapevamo nulla»
CANTONE
7 ore
Rinnovato il CCL dell'Autolinea Mendrisiense
Si tratta di un contratto collettivo «solido e garante di buone condizioni di lavoro», sottolineano i sindacati.
CANTONE
7 ore
In lieve aumento i ricoveri (+5) e tre nuove vittime
I nuovi positivi al Covid registrati nelle ultime 24 ore sono 1421.
CADENAZZO
8 ore
Due mesi di cantiere sulla strada del Monte Ceneri
Il risanamento della pavimentazione della strada cantonale si svolgerà tra il 31 gennaio e fine marzo.
CANTONE
12 ore
«Io prete che ho detto di no a quella donna»
Don Pierangelo Regazzi, ex arciprete di Bellinzona, vuota il sacco: «Il celibato obbligatorio non ha più senso».
CANTONE
12 ore
Figlio in ospedale? C'è chi ti porta da mangiare gratis
Questo lo scopo dell'associazione che, ora, cerca volontari nel Bellinzonese: «Abbiamo delle famiglie da aiutare»
CANTONE
11.12.2020 - 11:590
Aggiornamento : 15:52

Associazioni LGBT+ ticinesi contro Rete Uno: «Siamo profondamente delusi»

«Dissenso» per una puntata di Modem sull'omogenitorialità: la sensibilità cattolica sarebbe stata sovrarappresentata.

«Per parlare di questioni civili di uno Stato laico riguardanti una legge laica sono stati invitati ben due teologi. Noi nemmeno interpellati», lamentano Imbarco Immediato e Federazione Famiglie Arcobaleno.

BELLINZONA / LUGANO - Non è andato giù all'associazione LGBT+ della Svizzera italiana "Imbarco Immediato" e alla Federazione Famiglie Arcobaleno il modo in cui la trasmissione radiofonica della RSI "Modem" ha trattato il tema del matrimonio per tutti e della omogenitorialità a pochi giorni dall'approvazione, da parte del Parlamento, del progetto di legge definitivo in materia. Le due organizzazioni esprimono in particolare «totale dissenso» e «profonda delusione» per un'emissione del servizio pubblico che avrebbe visto sovrarappresentata la voce del mondo cattolico e completamente inascoltata quella delle persone LGBT+.

«Abbiamo assistito inermi a uno scandaloso tre contro uno in un programma d'informazione che dovrebbe essere laico ed equo», scrivono le due associazioni in una presa di posizione inviata alla redazione del programma di Rete Uno, ai responsabili dell'informazione di RSI e al conduttore della trasmissione. Un reclamo ufficiale partirà anche alla volta della CORSI.

Della partita, nella puntata di circa 40 minuti, erano una sostenitrice del progetto di legge (la consigliera nazionale Greta Gysin - Verdi), un contrario all'apertura alla fecondazione assistita per le coppie lesbiche decisa dal Parlamento (il consigliere nazionale Marco Romano - PPD) e due teologi cattolici: il professore emerito di etica dell'Università di Ginevra Alberto Bondolfi e il professore di teologia morale della Facoltà di Teologia di Lugano don André-Marie Jerumanis. «Ci chiediamo se la RSI (e lo chiederemo ufficialmente anche alla CORSI) ritenga corretto l’approccio utilizzato da Modem questa mattina (giovedì, ndr) in diretta, cioè interpellare una maggioranza (la chiesa) per discutere di tematiche che riguardano una specifica minoranza (la comunità LGBT+)», scrivono Imbarco Immediato e Federazione Famiglie Arcobaleno. «A parlare di discriminazione per le persone omosessuali sono state persone che non hanno mai provato sulla loro pelle lo stigma invisibile dell’omosessualità», aggiungono. 

A contrariare le due organizzazioni è quindi che gli oppositori alla legge fossero a loro avviso sovrarappresentati e che, per parlare di «questioni civili di uno Stato laico riguardanti una legge laica», siano stati invitati «ben due teologi». «Si è affrontato un tema delicato come i diritti dei bambini senza il parere di un esperto in materia (un pedagogo, uno psicologo o un esperto di teoria evolutiva) lasciando spazio ai pareri personali piuttosto che, ancora, a dati oggettivi», accusano le due associazioni LGBT+, che avrebbero inoltre gradito essere interpellate al fine di poter apportare anche il loro contributo. A loro avviso, non sarebbero insomma stati rispettati i principi di pluralità e oggettività sanciti dalla Legge federale sulla radiotelevisione (LRTV).

È stato altresì giudicato «fuorviante» che si sia parlato di temi come la gestazione per altri (comunemente definita "utero in affitto"): «Concetti e fenomeni che nulla hanno a vedere con il matrimonio per tutti», come ha avuto modo di sottolineare in onda anche la consigliere nazionale Gysin, «e che hanno causato una marcata confusione negli ascoltatori». La loro trattazione, ha sostenuto però durante il programma il consigliere nazionale Romano, era invece importante per i timori degli oppositori che la richiesta di accesso a tecniche simili sia presto avanzata.

Nel presentare la puntata, il conduttore Roberto Porta aveva spiegato che era sua intenzione discutere della «rivoluzione antropologica» rappresentata dal matrimonio per tutti «con uno sguardo in particolare alla genitorialità omosessuale»: «Un argomento di cui tanto ha discusso il Parlamento», aveva sottolineato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 anno fa su tio
Progressismo CL
Nikko 1 anno fa su tio
Guarda che nell’articolo non si parla di elezioni o di partiti politici dove i candidati vengono eletti in base alla percentuale dei voti. Semplicemente in quella trasmissione non è stato invitato nemmeno un rappresentante delle persone LGBT per esprimere la propria opinione. Mi sembra che si stia sfiorando la censura!...
Nikko 1 anno fa su tio
Mi spiace contraddire ma in Svizzera I CRISTIANI NON SONO LA STRAGRANDE MAGGIORANZA! Controllare i dati recenti per favore! LaRegione, 31 gennaio 2020: cattolici 36,5% - riformati 24,4% - atei 25% - musulmani 5,2% - ebrei 0,3% - altri 7,2% - senza risposta 1,4%. Totale dei cristiani ca. 61%, maggioranza sì, ma non stragrande...
Nikko 1 anno fa su tio
Condivido pienamente il totale dissenso delle due associazioni. Al di là del tema in oggetto, una trasmissione imparziale avrebbe dovuto avere un’equa rappresentanza delle varie opinioni. Che ci sia lo zampino di Comunione e Liberazione? A pensar male si fa peccato ma di solito ci si azzecca...
Galium 1 anno fa su tio
Queste associazioni hanno completamente ragione
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 18:01:49 | 91.208.130.87