Immobili
Veicoli

CANTONEPazienti oncologici col coronavirus monitorati a distanza

30.11.20 - 15:10
Si tratta di un progetto pilota dello IOSI, premiato al congresso della Società svizzera di ricerca sul cancro
Archivio Tipress
Pazienti oncologici col coronavirus monitorati a distanza
Si tratta di un progetto pilota dello IOSI, premiato al congresso della Società svizzera di ricerca sul cancro

BELLINZONA - Per i pazienti oncologici, un'infezione da Covid-19 rappresenta un serio rischio. Ecco allora che l'Istituto oncologico della Svizzera italiana (IOSI) intende monitorare a domicilio i parametri vitali dei pazienti col coronavirus: in questo modo possono essere seguiti in permanenza dagli specialisti, senza doversi recare in ospedale.

Si tratta di un progetto pionieristico premiato in occasione del congresso annuale della Società svizzera di ricerca sul cancro. E prevede l'applicazione sul paziente di una sorta di cerotto altamente tecnologico collegato a una rete di piccoli apparecchi portatili in grado di misurare sette parametri vitali direttamente al domicilio del paziente. I sette parametri presi in conto sono la frequenza respiratoria, la frequenza cardiaca, la temperatura, una derivazione dell'elettrocardiogramma, la postura, il numero di passi e il rilevamento di un'eventuale caduta.

La pandemia in corso ha spinto diversi ricercatori a innovare, cercando nuovi approcci per migliorare l’assistenza medica e creando nuove vie per fornire servizi sanitari a distanza. All’origine di questo progetto figurano tre collaboratori dello IOSI: il capoclinica Ricardo Pereira Mestre, il viceprimario Luciano Wannesson e il coordinatore infermieristico degli ambulatori Massimiliano Zanon.

Selezionato tra diversi progetti svizzeri proposti con l’intento di migliorare la qualità delle cure dei pazienti affetti da tumori o malattie ematologiche, il premio permetterà di finanziare il progetto pilota presto a disposizione dei pazienti ticinesi. Il premio rappresenta inoltre un importante riconoscimento per gli sforzi del gruppo di ricercatori dello IOSI nell’ambito della ricerca clinica contro il Covid-19.

NOTIZIE PIÙ LETTE