Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
5 ore
Escursionisti che mettono i bastoni fra le ruote dei bikers
Ostacoli e trappole piazzati sui Monti di Claro: la convivenza fra i vari fruitori dei sentieri non è sempre semplice.
CHIASSO/LUGANO
7 ore
Anche in treno si viaggia un po' stretti
Pendolari stipati su un convoglio dimezzato. Le Ffs: «Può capitare, ma esistono diverse alternative»
CANTONE
8 ore
Dal Parlamento un aiuto concreto per chi è in difficoltà
Il Gran Consiglio ha approvato il messaggio relativo alla prestazione ponte Covid
CANTONE
9 ore
Mascherine, è iniziata la guerra dei prezzi
A gennaio, la domanda di FFP2 è aumentata notevolmente. Ma non in Ticino
CANTONE
9 ore
Sì alla tredicesima anche per gli apprendisti cantonali e parastatali
Il Gran Consiglio ha approvato una mozione presentata da Fabio Badasci a sostegno dei giovani in formazione.
LUGANO
10 ore
Cade dalla scalinata, finisce in ospedale
L'incidente si è verificato sulla strada che transita sul Ponte del diavolo.
CANTONE
10 ore
Via libera al credito quadro per la manutenzione degli immobili dello Stato
Il Gran Consiglio ha approvato l'investimento di cento milioni di franchi per il periodo che va dal 2020-2027.
BELLINZONA
13 ore
Florian Homm non si è presentato al suo processo
Il finanziere tedesco è accusato di truffa, appropriazione indebita e altri reati.
CANTONE
13 ore
«Pandemia e digitalizzazione svuoteranno le città?»
Organizzato da Ticino for Finance, l'evento si terrà il prossimo martedì 2 febbraio.
CANTONE
13 ore
«Il congedo parentale presenta delle criticità legali»
Le due settimane non convincono l'UDC.
CANTONE
14 ore
Delitto di Muralto: 30enne a processo per assassinio
È stato rinviato a giudizio il cittadino germanico che era stato fermato a seguito dei fatti del 9 aprile 2019
LOSONE
15 ore
A Losone più 35 per cento di decessi
Il Covid ha inciso sulla demografia del comune del Locarnese. Ecco come
CANTONE
26.11.2020 - 06:170
Aggiornamento : 12:08

«Solo il 5.7% dei soccorritori ha contratto la malattia»

Il direttore sanitario della Croce Verde luganese ci ha indicato i protocolli per garantire la sicurezza degli operatori

E rispondendo alle preoccupazioni di un soccorritore ha precisato: «Le mascherine FFP2 e il camice idrorepellente vengono usati solo quando sono interessate le vie aeree del paziente».

BELLINZONA - La seconda ondata della pandemia di coronavirus ha colpito in maniera veloce e violenta il nostro cantone. E i soccorritori a bordo delle ambulanze sono nuovamente chiamati a un lavoro estenuante per la presa a carico dei malati di Covid-19. 

«Perché solo con la chirurgica?» - Una presa a carico che però, secondo il protocollo e le regole ticinesi, i paramedici devono affrontare con la protezione di una semplice mascherina chirurgica. Almeno fin quando non bisogna agire sulle vie aeree del paziente. Un dettaglio, questo, che preoccupa L.* che da anni affronta questo importante compito in un servizio di ambulanze ticinese. «Vorrei capire perché - si sfoga il soccorritore - devo svolgere il mio lavoro sulle ambulanze in presenza di pazienti Covid-19 con una semplice mascherina chirurgica e un camice non idrorepellente». 

Le differenze con il resto del mondo - Misure di protezione, queste, che il soccorritore ritiene insufficienti soprattutto se confrontate con quelle adottate nella Svizzera interna e nei Paesi vicini. «Quando accendo la televisione e vedo le immagini dei nostri colleghi nel mondo, i quali durante gli interventi a casa di un positivo sono bardati dalla testa ai piedi con delle tute protettive idrorepellenti, mi domando perché qui in Ticino si usino queste protezioni minime». 

Situazioni ad alto rischio - Il paramedico si è spesso trovato ad affrontare situazioni a rischio in cui una persona positiva si è rifiutata di tenere la mascherina oppure se l'è sfilata durante il viaggio per l’ospedale. «E nell’abitacolo dell’ambulanza siamo a una distanza molto ravvicinata con il paziente e la mascherina chirurgica non basta per proteggerci. Alcuni colleghi si sono infatti ammalati».  

Misure standard dell'Ufsp - Le risposte alle sue preoccupazioni arrivano però direttamente dalle parole del direttore sanitario della Croce Verde di Lugano Alessandro Motti, che ci spiega i protocolli di sicurezza in vigore in Ticino. «Sulle ambulanze le direttive sono identiche a quelle di ogni istituzione extra o intraospedaliera e sono state emanate dall'Ufsp seguendo le raccomandazioni di Swissnoso, ovvero il gruppo di specialisti svizzeri in ambito infettivologico».

«Rispettiamo le direttive nazionali» - Di base i soccorritori - precisa Motti - indossano la mascherina chirurgica, gli occhiali e una tuta non idrorepellente. «E questa protezione è sufficiente nella maggior parte degli interventi. Se invece vengono trattate le vie aeree i soccorritori hanno a disposizione le FFP2 e il camice idrorepellente. Nessuna ricetta casalinga o volontà di mandare il personale allo sbaraglio quindi, ma solo il rispetto delle direttive nazionali».

Condizioni conosciute - In questa seconda ondata, poi, i pazienti chiamano l'ambulanza dopo aver già fatto il tampone e sapendo quindi se sono positivi o meno. «I paramedici - aggiunge Motti - hanno inoltre una maggior tranquillità nell'intervento perché lo stato di salute dei pazienti non è così grave come durante la prima ondata, periodo dal quale abbiamo imparato molto».

Sensibilità cambiata - A cambiare è pure la sensibilità delle persone. «Se nella prima ondata dovevamo dotare noi i pazienti e i parenti di mascherina - rammenta il direttore sanitario della Croce Verde di Lugano - oggi le persone sono già attrezzate e protette. Esempi come quelli citati di pazienti che rifiutano o si tolgono la mascherina sono delle eccezioni. In queste situazioni il soccorritore può benissimo alzare il suo livello di protezione indossando i dispositivi che ha a disposizione in ambulanza».

Sierologici sotto la media ticinese - E anche per quanto riguarda i possibili contagi avvenuti durante il lavoro, Motti frena: «A settembre abbiamo fatto un sierologico a tutti i duecento dipendenti dei servizi ambulanza e i positivi sono risultati il 5.7%. Una percentuale meno alta rispetto a quella della popolazione ticinese. La maggior parte dei sanitari, secondo quanto abbiamo potuto appurare, non si sarebbe poi contagiata sul posto di lavoro». 

 * Nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-27 01:57:31 | 91.208.130.89