Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Ticinesi pazzi per la sella: «Ne vendiamo tre tonnellate al mese»
La sella di capriolo è uno dei piatti maggiormente in voga in questo periodo dell’anno. E i numeri lo confermano.
TENERO
3 ore
In spiaggia anche in inverno
Ripartire da una disavventura? Capita al bagno pubblico, colpito pesantemente dal maltempo lo scorso luglio.
BELLINZONA
5 ore
Settimana bianca: «Decide il Municipio, non i direttori»
Il Municipio precisa di non aver ancora preso alcuna decisione: «Valutiamo decine di misure sul Preventivo 2022».
LUGANO
6 ore
Tassisti aggrediti dal branco
Un pestaggio è avvenuto sabato notte in Via Pretorio: due persone sono rimaste lievemente ferite.
CADEMARIO
6 ore
Anche Cademario vuole aggregarsi
Il Municipio ha scritto una lettera a Bellinzona per comunicare il proprio desiderio di aderire al progetto.
MENDRISIO
7 ore
Colpo di scena: Ligornetto riapre al traffico in transito
La misura non potrà essere attuata, fintanto che il TF non si sarà espresso sull'effetto sospensivo richiesto da Stabio
CANTONE
8 ore
Altri milioni per combattere il Covid-19
Luce verde al contributo straordinario di 3.5 milioni per il mantenimento in prontezza del dispositivo ospedaliero.
LOCARNO
8 ore
Un nuovo futuro per il Grand Hotel Locarno
L'edificio costruito fra il 1874 e il 1876 diverrà una moderna struttura alberghiera.
VERZASCA
8 ore
Prima di svuotare la diga, via tutti i limiti di pesca
L'esercizio della pesca è possibile da subito senza un numero massimo di catture né misure minime.
LOCARNO
9 ore
Un negozio Lidl a Locarno
La filiale apre i battenti domani in via Vallemaggia
CANTONE
9 ore
«La sussidiarietà per spendere “meno e meglio”»
Il gruppo UDC in Parlamento ha depositato un'iniziativa elaborata per modificare la legge sui sussidi cantonali
CANTONE
10 ore
Oltre quaranta milioni per il turismo
Sono i crediti quadro richiesti dal Consiglio di Stato a sostegno del settore per il quadriennio 2022-2025
LUGANO
10 ore
«I contrari non hanno capito un tubo»
Il Municipio di Lugano dice la sua nella campagna sul Polo Sportivo. Sparando a zero sugli oppositori
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
In Ticino ci sono 9’827 aziende fantasma
A livello nazionale, quasi il 30% di tutte le aziende iscritte nel registro di commercio risultano essere inattive
CANTONE
12 ore
In Ticino altri 20 contagi
Aumentano leggermente i nuovi positivi. Il bollettino del medico cantonale
LUGANO
12 ore
I test anche alla Clinica Moncucco
È stata riattivata una check-line che consente l'esecuzione di test-Covid senza appuntamento
LUGANO
12 ore
Trent'anni contro gli abusi sui minori
La missione della fondazione è la protezione dei bambini da qualsiasi forma di violenza.
ASCONA / BRISSAGO
13 ore
Frana in zona Moscia, al via tre mesi di lavori
Verranno posate delle nuove reti di protezione. Sono però da prevedere disagi alla circolazione stradale.
LUGANO
14 ore
Aeroplanini attorno al carcere
Gli appassionati di modellismo aereo entrano in "rotta di collisione" con la Stampa. È già successo un incidente
CONFINE
15 ore
Da Amsterdam a Milano con 5 kg di fumo
Un 57enne è stato fermato al valico di Brogeda grazie al fiuto del cane "Anima".
CANTONE
16 ore
«Duecento invitati, come un matrimonio etero»
A un mese dal referendum, in Ticino le coppie gay si preparano a un'estate di matrimoni. Ma servirà pazienza
CANTONE
1 gior
Pareggio dei conti entro il 2025, vince (di poco) la destra
Un Gran Consiglio spaccato in due ha approvato di misura l'iniziativa di Sergio Morisoli.
CANTONE
13.10.2020 - 16:030
Aggiornamento : 22:42

Fornire i dati al bar? «Sproporzionato e senza base legale»

L'esperto Marco Garbani evidenzia quelle che sono, a suo dire, le lacune e le incoerenze della normativa

«È un lavoro immane per l'esercente. Davvero non ci sarebbero modalità più semplici? Per esempio imporre la mascherina quando si è in piedi (come nei negozi e negli uffici dello Stato)?».

Fornire i dati al bar: sei d'accordo?

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

LUGANO - La ripresa dei dati di un avventore che «deve fornire a terzi e quarti il numero telefonico (e l’indirizzo) solo per bere una cioccolata» è lecita? Al quesito, che sta facendo nascere anche qualche battibecco nei bar e nei ristoranti, risponde oggi, sulla propria pagina facebook Gastrodiritto, l’avvocato Marco Garbani. Un parere personale, certo, ma assai qualificato visto che arriva dal responsabile dell’Ufficio giuridico di GastroTicino.

Manca la base legale - Il primo ostacolo sollevato da Garbani riguarda una lacuna evidente: «Se eccettuiamo la notifica degli ospiti che pernottano, il Ticino - scrive l’esperto - non possiede una base legale valida che possa imporre a privati la ripresa di dati personali, rispettivamente ai cittadini di doverli fornire». Il fatto non è secondario visto che un’analoga ripresa dei dati era stata richiesta subito dopo il lockdown dall’Ufficio federale di sanità pubblica, ma proprio la mancanza di tale base legale obbligò il Consiglio federale a fare marcia indietro. Garbani cita le dichiarazioni fatte in quell’occasione, il 19 maggio scorso, dall’Incaricato federale per la protezione dei dati, secondo cui «l’obbligo diretto o indiretto di fornire ed elaborare dati di queste persone rappresenta un’ingerenza della sfera privata e della loro autodeterminazione in materia di informazione, il che è in contrasto con il principio della proporzionalità».

I Cantoni sapevano - Secondo il parere pubblicato da Gastrodiritto neppure la presunta situazione straordinaria può essere fatta valere. «Nell’attuale stato pandemico non ci troviamo di fronte ad un fattore imprevedibile: ancora il 12 ottobre 2020 l’onorevole Berset ha confermato che i Cantoni sapevano già dal mese di maggio della possibile seconda ondata ed hanno avuto tutto il tempo per preparare le varie modalità di contact tracing». Eppure, da maggio, «il Consiglio di Stato non ha suggerito modifiche o nuove basi legali al Gran Consiglio».

Normativa sproporzionata - Ma, e questo è il punto chiave secondo Garbani, se anche ci fosse «una base legale che imponga la ripresa e la consegna di dati personali, la normativa cozzerebbe contro il principio della proporzionalità». Si tratta, argomenta l’avvocato, di «un lavoro immane per l’esercente: organizzare la ripresa e la tenuta dei dati, suddividerli per giorno ed orari, disinfettare penne, spiegarlo ai clienti e al personale, eccetera. Il tutto ha pure un costo: chi lo paga? Un balzello giustificato sulla scorta di un settore che nell’arco dell’anno non naviga nell’oro?». Secondo Garbani, la risposta è no: «Davvero non ci sarebbero modalità più semplici? Per esempio imporre la mascherina quando si è in piedi (come nei negozi e negli uffici dello Stato)? Proprio la possibilità di altre modalità meno onerose denotano che il provvedimento è sproporzionato». 

Più logica la mascherina - Anche lo scopo che si vuole raggiungere, secondo Garbani, non appare comprensibile. «Negli esercizi pubblici già esiste il tanto decantato distanziamento dei tavoli. Quindi, per coerenza, tra tavoli non ci si infetta quando ci si siede». Più logico, aggiunge, «sarebbe stato l’obbligo della mascherina mentre ci si sposta all’interno del locale (come, appunto, nei negozi). Ma non solo. La ripresa dei dati pare essere contraddittoria e non avere un senso pratico. Se X risulta infetto e dichiara di essere stato al ristorante R che succede? Si prendono tutti i dati del ristorante R e si mettono automaticamente in quarantena tutte le persone che erano presenti, sebbene avessero le distanze sociali tra i tavoli?». 

Disparità con i mezzi pubblici - Infine, conclude Garbani, la faccenda traballa anche sotto il profilo della parità di trattamento: «Le infrazioni che oggi avvengono nei mezzi pubblici sono note e si finge di non vederle. Abbiamo casi concreti di Lugano (pensilina Botta) e Locarno (Stazione) dove la polizia era presente ma non voleva vedere gente accatastata nei bus, in parte senza mascherina. Più volte se ne è parlato pure nei giornali».

 

Massimo Suter di Gastroticino: «Fa specie che la mascherina sia ritenuta sufficiente sui bus affollati»
Al parere, personale, dell’avvocato Garbani, si aggiunge parecchia perplessità sul sistema della raccolta dati anche da parte dei vertici di GastroTicino: «Così come proposto risulta alquanto complicato per una larga fetta di ristoratori, specialmente nei bar dove c’è la toccata e fuga del cliente. Senza dimenticare una certa reticenza da parte dell’avventore stesso» dice il presidente Massimo Suter. «Fa un po’ specie - continua - che la mascherina sia ritenuta sufficiente sui mezzi pubblici dove i viaggiatori sono ammassati. Ci vedo una certa incoerenza di applicazione di determinate regole. Il nostro non vuole però essere un rifiuto al garantire la sicurezza del cliente, ma piuttosto uno stimolo per cercare delle soluzioni pratiche, applicabili». E la mascherina obbligatoria per spostarsi al tavolo distanziato, e quindi sicuro, pare essere la soluzione più gradita agli esercenti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lucadue 1 anno fa su tio
L'alternativa? Un biglietti da visita fatlocco!
Ste56 1 anno fa su tio
Io mi chiedo quale sia il problema di chi non vuole lasciare il proprio nome all'esercente. Facciamo di tutto per lasciare le nostre tracce nel web alla mercè di qualunque malfattore e poi non lasciamo il nome nel bar sottocasa? Un po' di responsabilità individuale a pretezione della collettività non guasterebbe. Pensi che questi dati verranno utilizzati chissà a quale scopo? Certo, come sappiamo l'esercente non ha altro da fare che vendere i nostri dati alle multinazionali o a qualche servizio segreto.
Veveve 1 anno fa su tio
I dati li lascio anche però trovo la cosa un po’ assurda. Ieri sono stata più di un’ora seduta a bere il caffè e chiacchierare al tavolino di un bar dove vado abitualmente e ho dovuto lasciare i dati. Il tavolino più vicino al nostro sarà stato a minimo 2,5 m perché locale e’ grande. Nessuno in tutto il tempo si è avvicinato al nostro tavolino. Ora se per caso risultasse qualcuno di positivo dovrei farmi la quarantena per quale motivo visto che le distanze erano ampiamente mantenute(oltretutto c’era anche pochissima gente visto che il centro commerciale e’ praticamente vuoto da quando sono entrate in vigore le museruole!) A cosa servono allora le distanze?
don lurio 1 anno fa su tio
Cosa centra la base Legale ne va di mezzo la nostra salute. L'avvocato non fa altro che ingoiarsi di denari . Trattasi di una disposizione da emanata dell'autorità. Se l'avvocato Garbani e Gastroticino si assumo le spese mediche e cassa malati OK.
marco17 1 anno fa su tio
A me non preoccupa lasciare il numero di telefono al bar (il mio è anche nell'elenco elettronico). Mi disturba il fatto che per questo motivo potrei ritrovarmi in quarantena per niente a causa della demenziale pretesa di tracciare i contagi.
Boh! 1 anno fa su tio
....a Caslano non c’è un MC....
marco17 1 anno fa su tio
Sproporzionato ma soprattutto inefficace e inutile, come la demenziale volontà di "tracciare" tutti i contagi e mettere in quarantena centinaia di persone perché magari una potrebbe essere contagiata e una su cento di quelle contagiate potrebbe avere conseguenze gravi. Siamo all'isteria collettiva, che rischia di portare acqua al mulino dei "negazionisti" adepti della teoria del complotto e che scendono in piazza per chiedere la soppressione di qualsiasi misura antipandemica.
seo56 1 anno fa su tio
Concordo e da parte mia mi rifiuto categoricamente. Piuttosto non entro..
Nmemo 1 anno fa su tio
Questi esercenti non si rendono conto che la misura di emergenza alternativa sarebbe la chiusura?
Don Quijote 1 anno fa su tio
Nei paesi latini quando l'autorità alza la voce si china il capo, sono i più lamentosi e anche i più melodrammatici.
Patric 74 1 anno fa su tio
Lo paga il cliente... aspettando 15 min per un caffè 🤣
Corri 1 anno fa su tio
Dare i dati personali nel ristorante o bar, non ha senso perché ci posso stare 5min come 1 ora, lontano di 1 o 2 metri da un'altra persona, allorché se viaggio da Chiasso a Zurigo non devo comunicare i dati. Una vera follia. Non sanno più cosa inventare. Ci stanno trattando come delle pecore.
Heinz 1 anno fa su tio
Che commedie... che disordine....
MrBlack 1 anno fa su tio
Sono d’accordo che la misura è sproporzionata e molti non andranno al bar o ristorante per il timore di finire in quarantena. Poi quello che dice della mancanza di rispetto delle regole alle fermate. Lo invito a vedere come si comportano i camerieri che portano la mascherina un po’ su, un po’ giù. Ha ragione...la polizia dovrebbe fare più controlli e multare sistematicamente chi non rispetta le regole, inclusi collaboratori nella ristorazione.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 22:27:25 | 91.208.130.86