Foto lettore
La picchettatura
+2
ULTIME NOTIZIE Ticino
MANNO/ LOCARNO
15 min
Ecco perché questi studenti non si vaccinano
Alla SUPSI è in corso una rivolta silenziosa. Una raccolta firme contro il Certificato Covid. Le voci dei protagonisti.
LUGANO
1 ora
Stragi, killer e vite blindate (e non): parla Michele Santoro
Il famoso giornalista italiano sarà ospite questa sera all'Endorfine Festival di Lugano. Lo abbiamo intervistato.
CANTONE
11 ore
Vaccinazione, future mamme preoccupate
L'Eoc è confrontato con i dubbi delle donne in dolce attesa. Il primario Papadia fa chiarezza
LUGANO
11 ore
Un centro tamponi nel parcheggio del Casinò
La casa da gioco offre la possibilità di effettuare un test a tutti i suoi clienti che non dispongono del certificato.
BELLINZONA
12 ore
Sfitto a Bellinzona, scatta l'interrogazione
A quanto ammontano le case vuote nella capitale? I Verdi lo chiedono al Municipio
AGNO
13 ore
Cento primavere per Bruna Bernasconi
È stata festeggiata oggi alla Casa Anziani Cigno Bianco, dove risiede la neocentenaria.
LUGANO
13 ore
Nuovo CdA alla guida delle AIL SA
La presidenza sarà assunta da Angelo Bernasconi. Vicepresidente Fabio Forrer, Lukas Bernasconi segretario.
CANTONE
14 ore
Le 24 misure del PS per trasformare il Ticino
Il progetto intende contribuire a costruire un Cantone «inclusivo, sostenibile e accogliente».
CANTONE
15 ore
Città Ticino si scopre "Sfittopoli": urge ricontare
La situazione dello sfitto nei centri appariva drammatica, invece è tragica
LUGANO
15 ore
Quale futuro per lungolago e centro cittadino?
Sono stati resi pubblici oggi i risultati dei Mandati di studio paralleli commissionati dal Municipio.
MAGLIASO
11.09.2020 - 18:430

«Dico no al tram nel giardino di casa»

Un gruppo di cittadini chiede di interrare un tratto della futura linea per evitare disagi ed espropri di terreno

Il Municipio difende l'interesse pubblico del progetto e parla di «ostruzionismo quando manca un minuto a mezzanotte». Il Dipartimento del territorio getta acqua sul fuoco: «I futuri convogli saranno iper-silenziosi»

MAGLIASO - Per il Municipio il loro è «mero ostruzionismo» di persone che «quando manca un minuto a mezzanotte» pretendono di sostituirsi ai progettisti del tram-treno. «Perché - si legge nella lettera di risposta firmata un mese fa dal vicesindaco Andrea Kundert - mettersi oggi di traverso (visto il contesto si potrebbe anche dire di “traversina”) significa solo continuare a convivere per i prossimi 20-25 anni con le ormai storiche colonne». La battuta tra parentesi è del Municipio.

Benzina sul fuoco - Considerazioni che hanno ulteriormente infiammato gli animi, già surriscaldati, di chi possiede una casa lungo la via che dalla stazione FLP di Magliaso affianca le rotaie in direzione di Caslano. Locomotiva del dissenso è Fehmi Ak, che mostra a Tio/20Minuti le fotografie scattate accanto a casa sua, ad inizio giugno, il giorno del picchettamento del tracciato. Il terreno, su cui si trova la cancellata e parte del giardino, gli verrà espropriato per consentire al binario raddoppiato di curvare verso la futura, più ampia, fermata di Magliaso. 

Una decina di proprietari - Con lui, uniti negli espropri parziali, ci sono una decina di altri proprietari che hanno firmato una petizione. Tra le duecento e rotte opposizioni iniziali al tram-treno ci sono anche le loro. Non chiedono di affossare il progetto, ma di interrare la linea in quel tratto che altrimenti - a causa del raddoppio del binario - lambirà le loro case. «Il progetto viene definito “rivoluzionario” ma in realtà - sostiene Ak - segue il tracciato del 1910, vecchio di un oltre secolo, quando passavano un’auto e un treno ogni due ore. Una vera “metropolitana”, per come la si intende oggi, dovrebbe avere dei passaggi sotto terra. Ciò che tecnicamente è fattibile e avrebbe anche il vantaggio di liberare terreno in superficie per altri scopi. Una pista ciclabile o una pedonale, ad esempio».

I passaggi a livello - Ma il gruppo di scontenti evidenzia anche quello che, a loro dire, è un altro tarlo del progetto: i passaggi a livello. «In pochi chilometri la linea ferroviaria ne conta oltre una decina, di cui tre su una strada cantonale trafficata. Con la frequenza di treni prevista saranno perennemente abbassati». L’elevato numero di treni che transiteranno accanto alle case, nel caso suo addirittura nel giardino, fa sbottare Ak: «Tra andata e ritorno, negli orari di punta, passerà un treno ogni due minuti e mezzo. Quando due anni fa il primo ingegnere è venuto a vedere sul posto ha esclamato: “Oh, ca...o, l’abbiamo fatto noi questo?”. Speravo in un cambiamento, invece le cose sono, se possibile, peggiorate».  

Gli interessi contrapposti - Nella lettera inviata ad Ak e firmatari il Municipio di Magliaso rimarca che l'interesse pubblico «è sicuramente preponderante» sugli interessi privati. Richieste di cambiamento, opposizioni e ricorsi a questo stadio significano per l'Esecutivo una cosa sola: «Affossare tutto con disastrose conseguenze a livello ambientalistico e di vivibilità». In ballo ci sono infatti 240 milioni di sussidi federali. Ma Ak ribatte: «Meglio allora avere un progetto nato vecchio di cinquant’anni?».

Il Dt: «Treni iper-silenziosi» - Questo lo stato del botta e risposta tra il gruppo di cittadini e il Municipio. Nel battibecco non entra il Dipartimento del territorio che però, da noi contattato, definisce estemporanea e poco comprensibile la richiesta. «Soprattutto perché i convogli futuri saranno iper-silenziosi. Il problema di Magliaso è semmai di traffico sulla strada cantonale» sottolinea Bellinzona.

Foto lettore
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-17 07:20:01 | 91.208.130.89