Keystone/Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
FAIDO
4 ore
«Tanta rabbia, da sola non ce l'avrei fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
9 ore
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
FOTO
CANTONE
10 ore
Inaugurato il nuovo stabile dell'Istituto di ricerca in biomedicina
Il centro è pensato come «una nuova casa comune per la ricerca in biomedicina».
CANTONE
11 ore
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
AVEGNO-GORDEVIO
17 ore
Doppia meraviglia nei cieli sopra ad Avegno
Il fenomeno è stato provocato da una doppia riflessione della luce solare dentro le gocce di pioggia.
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
17 ore
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
18 ore
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
1 gior
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
1 gior
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
1 gior
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
LOCARNO
1 gior
La Stranociada 2022 si sposta in Piazza Grande
Il carnevale di Locarno rinuncia alla tradizionale festa del venerdì in Città Vecchia.
CANTONE
1 gior
Eoc, terza dose ai dipendenti over 50
L'Ente ospedaliero apre il richiamo vaccinale per i collaboratori a contatto con i pazienti
AIROLO
1 gior
Camion in avaria, chiuso il Gottardo
Code segnalate a entrambi i portali
LUGANO
18.06.2020 - 06:000

La compagnia aerea rossoblù: «Il Ticino non può dipendere solo dal treno»

Il progetto di riportare i voli di linea ad Agno avanza contro il vento della politica che spinge verso i privati

Il co-founder di AirTicino Massimo Frassi: «L'aeroporto dovrebbe continuare sotto la regia pubblica e pensare agli indotti che esso genera per la regione. Una compagnia aerea è un ottimo investimento se gestori e management sono figure all'altezza»

LUGANO - Il vento della politica spinge l’aeroporto verso mani private. Loro invece vanno controvento ma, forse perché sono del mestiere, sanno che questa è la condizione migliore per spiccare il volo. Vale anche per le idee? Il progetto di creare una compagnia aerea ticinese per rilanciare l’attività di linea dallo scalo di Agno verrà presto illustrato al pubblico nei dettagli. Ma già oggi Massimo Frassi, co-founder di AirTicino accetta di svelare cosa distingue il loro progetto dagli insuccessi del passato più o meno recente. Loro, perché con lui - tra management e fondatori - ci sono anche Diego Zanoni, Candido Oliveira ed Enzo Mossino.

Quattro moschettieri contro i Richelieu della politica? Perché dare fiducia a voi e non ad altri privati?
«Siamo quattro persone che hanno una conoscenza specifica della materia, ma anche ben indirizzata - esordisce Massimo Frassi -. Il nostro background è una preparazione pluriennale nell’aviazione e nel settore dei trasporti che ci permette di sapere come deve e dovrà essere strutturata una compagnia aerea ed un aeroporto».

D’accordo, ma perché la scelta di affidare lo scalo a dei privati è, secondo voi, sbagliata?
«L’aeroporto di Agno non ha oggi le qualità per essere attrattivo per un privato; è privo di tutti gli esercizi e attività commerciali atti a generare un profitto diretto e non vi è volume di traffico sufficiente per essere sostenibile se i costi non saranno assunti comunque dalla comunità cittadina; lo diventerà tra qualche anno e potremo ridiscutere in seguito la partnership coi privati, non oggi».

Cosa replicate a chi sostiene che il nostro cantone può prescindere da un aeroporto e che il treno sarà il nostro aereo?
«Il nostro cantone si trova in una posizione strategica per il trasporto, è il cuore d’Europa, non può dipendere solo dal treno e avere uno scalo che ha le tutte le caratteristiche per accogliere e connettere direttamente le città internazionali è attrattivo per chiunque abbia necessità di spostarsi, in e out, per turismo o per affari in modo veloce, sicuro e possiamo dire anche economico».

Non serve ricordarvi i flop passati connessi alle compagnie aeree. Perché voi dovreste far meglio?
«Nel corso degli anni, ad Agno, si sono inanellati una serie di errori riassumibili in due punti essenziali. Si è sottovalutato un comparto complesso e strategico dell'aviazione in costante mutamento e condotto la gestione di uno scalo in modo dirigistico quando sono i vettori che decidono le sorti di un aeroporto. Lo scalo dovrebbe avanzare sotto regia pubblica e pensare agli indotti che esso genera per la regione, e ai suoi principali ricavi dati dalle opportunità che la compagnia aerea “regionale” crea con la movimentazione dei passeggeri, e vi assicuro che sono molteplici».

Dietro di voi, quattro esperti, uno immagina ci siano investitori, capitali… Mettere in piedi una compagnia richiede soldi, molti soldi. Avete già persone pronte a darvi fiducia o è un progetto da costruire?
«Nell’ambiente c’è un detto secondo cui se sei miliardario e vuoi diventare milionario il modo migliore è farsi una compagnia aerea. Battute a parte, una compagnia aerea è un ottimo investimento se gestori e management sono figure all’altezza e le connessioni ben strutturate».

Le scottature del passato fanno però ritrarre la mano a chi deve metterci milioni… Perché di milioni si parla?
«Vero che lo scalo ha bisogno di interventi, si deve intervenire su ciò che è realmente prioritario ed evitare spese inutili siccome già fatte in passato, ricordiamo che questo terminal ha movimentato oltre 300 mila passeggeri all’anno e una compagnia aerea non richiede particolari investimenti milionari. Una compagnia aerea ben strutturata è in grado di generare profitto e diventare auto-sostenibile nell’arco di breve tempo. Il nostro concept è strutturato su 5 anni includendo anche gli interventi prioritari sullo scalo. Ma occorre operare in coesione tra i vari attori coinvolti. Alludo in particolare al turismo e al mondo economico».

La sfida maggiore sembra essere quella di creare coesione in Ticino tra i vari protagonisti...
«In questi giorni ci siamo indignati perché Ginevra suggerisce agli svizzero-tedeschi di far vacanza da loro e non nel nostro Cantone. Si continua a polemizzare invece di pensare a come essere più bravi e attrattivi. Immagiamo piuttosto questo 2020 come un anno zero per tornare a rilanciare il made in Switzerland nel mondo».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 03:45:43 | 91.208.130.89