Immobili
Veicoli
«In Ticino c'è... tutto il mondo!»

CANTONE«In Ticino c'è... tutto il mondo!»

08.06.20 - 14:24
Ticino Turismo lancia una campagna Oltralpe accostando le più belle località nostrane a quelle internazionali.
TIcinoTurismo
CANTONE
08.06.20 - 14:24
«In Ticino c'è... tutto il mondo!»
Ticino Turismo lancia una campagna Oltralpe accostando le più belle località nostrane a quelle internazionali.
Il direttore Angelo Trotta: «Vogliamo posizionare il nostro cantone come meta esotica e mediterranea». L'obiettivo? Un rilancio del settore.

BELLINZONA - Distese di vigneti come nella Napa Valley, scorci di natura selvaggia che richiamano alla mente le Hawaii, cascate spettacolari come se ne vedono in Messico. E ancora: paesaggi mozzafiato che ricordano l’Australia, le Bermuda, la Scozia, Rio de Janeiro, l’Oman. Tutto questo è il Ticino. Un territorio straordinario che racchiude in sé il mondo intero. È proprio questo il messaggio lanciato Oltralpe da Ticino Turismo in collaborazione con le quattro Organizzazioni turistiche regionali (OTR) attraverso la campagna “Exotik ist so nah - Die Welt im Tessin entdecken”.  «Con la riapertura, in questi giorni, di tutta l’infrastruttura turistica (impianti di risalita, navigazione, campeggi), è iniziato il vero e proprio rilancio della nostra destinazione - precisa Angelo Trotta, direttore di Ticino Turismo -. In un contesto di forte competizione interna vogliamo posizionare il nostro cantone come meta esotica e mediterranea con un obiettivo molto concreto: generare prenotazioni».

Un video e immagini di forte impatto saranno veicolati attraverso l’impiego combinato di vari strumenti di comunicazione (spot televisivi, cartellonistica, campagne social media), sia tradizionali che digitali. Come nella seconda fase della campagna iniziata lo scorso maggio (ripristino), anche in questa terza fase (rilancio) sono previsti pacchetti soggiorno con offerte speciali con partner alberghieri. A quali potenziali visitatori si rivolge la campagna? «Ci rivolgiamo alla nostra clientela fidelizzata - prosegue Angelo Trotta -. Al contempo, però, intendiamo raggiungere nuovi potenziali visitatori sia in Svizzera interna che in Romandia». Parallelamente alla campagna condotta da Ticino Turismo in collaborazione con le quattro OTR, nelle ultime settimane a livello cantonale sono nati molti progetti di rilancio portati avanti da privati e partner sul territorio.

COMMENTI
 
Tato50 2 anni fa su tio
@ SARA MATTINELLI. Ti mancano tasti nella tastiera ;-))
Duca72 2 anni fa su tio
Centauro Le inevitabili code delle 5 di pomeriggio sono quelle che rendono ricco il nostro cantone.
centauro 2 anni fa su tio
Ah non lo metto in dubbio, ma è pur sempre un disagio per il turista che si trova casualmente in quella situazione e ciò vale per qualsiasi luogo.
centauro 2 anni fa su tio
Fino ad ora ho dato una descrizione più che positiva avendo un'ottima conoscenza del territorio vissuta in tutte le stagioni sotto molti aspetti ma la nota dolente, come altri descrivono, sono purtroppo i prezzi che limitano parecchio la cerchia di clienti potenziali dove anche il cambio sfavorevole dà il colpo di grazia. Non dimentichiamo che i turisti non sono polli da spennare ma ambasciatori di una esperienza vissuta nel loro tempo libero.
Mattiatr 2 anni fa su tio
Faccio inoltre notare che i target sono sempre gli stessi, famiglie, sportivi e vecchi. In primo luogo inserirli tutti in un'unica pubblicità è un errore talmente banale che nemmeno un dodicenne lo farebbe. Con Facebook è possibile inserire il target di riferimento per fargli arrivare le pubblicità che gli interessano. Quindi dovrebbero fare spot mirati con campagne puntuali. Invece sprecano budget a caso. Inoltre manca totalmente l'offerta per i giovani, sia che vengano dalla Svizzera tedesca che dal Ticino. Mia madre che nei ''90 girava per locarno lo conferma, in 30 anni i locali sul territorio sono totalmente scomparsi o sono diventati dei ritrovi per il caffé serale. Poi la gente si lamenta che i ragazzi vanno in giro a fare cavolate perché non hanno nulla da fare la sera.
Mattiatr 2 anni fa su tio
Per qualche motivo mi è arrivata la mail di notifica del commento ma qua non appare.¶ Sono convinto che i fatti recenti non siano unica colpa degli scalmanati della nuova generazione. Mi spiego, se uno fa una baggianata è giustissimo che si assumi le proprie colpe. Trovo però che la prevenzione non si limiti ai volantini ma che consista nel creare un clima che limita la possibilità di eventi spiacevoli. La mente se libera da occupazione inizia a creare pensieri, a volte positivi, a volte negativi. Il ché è sacrosanto, la creatività ha fatto nascere idee quali Apple, ... , fatto rimane che al sabato sera durante e dopo un aperitivo il concetto si esprime a ritroso (sono ubriaco, vicino a una palma, ... chissà cosa posso fare). Trovo quindi che ricreare un ambiente che tenga occupata la mente il sabato sera sia una buona idea. Per non parlare poi del fatto che unendo tanta gente in pochi posti è più facile che parti una rissa (vedi Viale qualche giorno fa, uno dei forse tre ritrovi rimasti nel Bellinzonese). Tutta la politica pro due eventi all'anno e contro ritrovi ha portato a un decadimento sociale. In Ticino dopo i carnevali non c'è letteralmente nulla da fare dai fino a giugno, per poi riavere un'ulteriore pausa da inizio settembre a capodanno. Il ché per i ragazzi può essere frustrante.
centauro 2 anni fa su tio
Certo, anche tu hai ragione, pure io negli anni '90 frequentavo i locali in giro per il Ticino e ti confermo che c'era sempre qualcosa da fare, divertimenti, discoteche e sempre tanta gente in giro, a noi bastava una birretta ed eravamo responsabili per ogni cosa anche nella guida quando si rientrava a casa. Ora vedo troppi giovani che forse scoraggiati per la mancanza di ritrovi si annoiano con tutte le sostanze che ormai circolano ovunque e sprecano il loro tempo senza responsabilità.
centauro 2 anni fa su tio
Entro in merito al tema discusso, vero che le foto riprese da un drone possono dare un effetto più attraente rispetto al livello suolo e magari anche la tecnologia digitale permette qualche ritocco, però non dimentichiamo che la geografia del Ticino, tipica delle regioni prealpine, possiede un patrimonio paesaggistico ricco di particolarità, le vallate scoscese che poi si addolciscono, le rocce granitiche da una parte e calcaree dall'altra, i fiumi che serpeggiano tra le gole, i numerosi punti panoramici dalle alte montagne, i laghi coi loro pittoreschi paesini, le ville di una certa epoca e ce ne sarebbe ancora da dire. A mio giudizio le bellezze naturali non mancano, il patrimonio culturale c'è da vedere, ovvio che trovarsi nel mendrisiotto alle 5 del pomeriggio immersi nel traffico sminuisce il tutto ma il mondo è fatto così, cose belle e cose da evitare se si può. Puntare solo su un'immagine proiettata al Mediterraneo non è corretto, in parte ci vuole è vero ma certe vallate impervie ricordano paesaggi nordici ed è bene tenere conto di questo aspetto.
fromrussiawith<3 2 anni fa su tio
Il Ticino ha un grande potenziale, sarebbe ancora meglio se si allontanasse dalla cultura Svizzera, nota per la sicurezza, una certa noiosità, e mancanza di socialità. Poi alla fine se le nostre città sono in mano a bigotti che portano avanti la tranquillità a scapito della follia, trasgressione, del piacere dei sensi... allora di regioni come il ticino ve ne sono a bizzeffe, per la metà del prezzo
Axel12 2 anni fa su tio
Immagini molto suggestive, però è chiaro, con la giusta angolazione e la lavorazione delle foto in post-produzione, qualsiasi luogo può apparire un posto esotico, già il Canton Uri aveva fatto qualcosa del genere con le isolette artificiali davanti a Flüelen che, fotografate dall'alto e immerse nelle acque turchesi del lago dei Quattro Cantoni, ricordavano isole caraibiche ;-)
Duca72 2 anni fa su tio
E vogliamo parlare della famosa calda accoglienza che abbiamo noi ticinesi per gli Svizzeri Tedeschi o gli Italiani ??
miba 2 anni fa su tio
Mi sa tanto che Angelo Trotta ha visto solo tanti bei filmati in YouTube.........
francox 2 anni fa su tio
Un collega d'oltre Gottardo mi ha detto che per venire da noi, tanto vale attaccarsi al tubo di scappamento della sua auto e risparmia il v viaggio. Inoltre adesso è nota la correlazione tra mortalità (anche) per virus e le polveri fini. Oggi si cerca la vacanza sana e fino a quando la mappa dell'inquinamento si accenderà di viola, il Ticino sarà sempre meno attrattivo. Parola di berner.
francox 2 anni fa su tio
v viaggio perchè balbetta :-)
lecchino 2 anni fa su tio
"tutto il mondo" lo trovi soprattutto sulle strade e nelle colonne perenni..... questo è il vero Ticino!
Equalizer 2 anni fa su tio
Belle le foto, per far sembrare il Ticino un posto dell'altro mondo, peccato che quando ti siedi ad un tavolino di un ristorante non c'è nessun sorriso tailandese, o quando arrivi in fondo alla passeggiata della Val Colla nessun Hi Mate, how are you? Ma solo la dura realtà dei musi lunghi (nuova etnia?) ed i prezzi del trasporto su Marte di ciò che stai per consumare.
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO