Depositphotos - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Un weekend sui diritti dei bambini per i 120 monitori
Ha avuto luogo l’annuale corso per i monitori maggiorenni attivi nei progetti della Fondazione IdéeSport
CANTONE
1 ora
«Il minimo che si poteva sperare, il massimo che si poteva proporre»
Il PS è fermamente deciso a sostenere l'introduzione del salario minimo sociale. Gli emendamenti proposti dalla destra? «Vogliono salvarsi la faccia di fronte al proprio elettorato»
CALANCA (GR)
3 ore
Henrik Bang è il nuovo direttore del Parco Val Calanca
Il suo compito sarà quello di condurre i lavori della fase di istituzione del parco naturale regionale
CHIASSO
4 ore
A Chiasso c'è «un gruppo armato che terrorizza la città»
Nei pressi della stazione sono stati affissi dei volantini parecchio pungenti contro la Polizia
FOTO
LUGANO
4 ore
Passaggio di comando nei pompieri di Lugano
Federico Sala ha preso questa mattina ufficialmente il posto di Mauro Gianninazzi
MENDRISIO
5 ore
Rossi e Verdi presentano L'Alternativa
«I tempi sono maturi per compiere un passo verso una nuova alleanza»
CANTONE
5 ore
L'idea di giustizia di Dick Marty in un libro
Verrà presentato martedì al Lac e raccoglie alcune delle più importanti indagini che Dick Marty ha seguito nel corso della sua carriera
FOTO
BELLINZONA
6 ore
Greina è tornata in libertà
La coturnice era stata trovata intontita, sottopeso e scoordinata nei movimenti. Ma la SPAB l'ha rimessa in sesto
CANTONE
7 ore
Salario minimo, sono 24 gli emendamenti dell’Mps
Proposto un salario orario lordo tra 24 e 24.50 franchi, perché «3'200 franchi non consentono una vita dignitosa»
CANTONE/SVIZZERA
8 ore
La solidarietà colpisce ancora
In due giorni Telethon ha raccolto 2,1 milioni di franchi
CHIASSO
22 ore
Un corteo contro le frontiere che uccidono
Dal Palapenz fino alla dogana, diversi giovani hanno voluto dire basta a un modello di società «sempre più spietato, disumano e schiavista»
CANTONE
22 ore
Rosso di sera... bel tempo si avvera
Le prossime giornate saranno contraddistinte da cieli generalmente sereni. In montagna ci sarà qualche nuvola in più e non mancherà il vento
CANTONE
1 gior
Per le Comunali nasce "TIResidenti. Il Movimento"
L'obiettivo del fondatore Stefano Introzzi è risolvere all'interno delle istituzioni i problemi «con soluzioni concrete e senza la propaganda che accomuna gli altri partiti politici»
MENDRISIO
1 gior
Processioni storiche, la prossima è la settimana decisiva
In Colombia verranno valutate le candidature per entrare a far parte del Patrimonio immateriale dell'Unesco. Due quelle che provengono dalla Svizzera
LUGANO
1 gior
«Lo stabile ARL passi in mani pubbliche»
A chiederlo è l'Associazione cittadini per il territorio di Viganello: «È un luogo storico, da proteggere»
POSCHIAVO (GR)
1 gior
Rubò orologi, fermato quattro mesi dopo
Il 35enne romeno è stato fermato dalle Guardie di confine a Castasegna
FOTO
MESOCCO (GR)
1 gior
In galleria uno scontro frontale
A causa del violento impatto, un'auto con targhe ticinesi si è rovesciata sul tetto
FOTO
RIVIERA
1 gior
Va a fuoco una ruota dell'auto
Le fiamme sono state spente dai poliziotti con un estintore
MESOCCO (GR)
1 gior
Incidente in galleria, disagi sull'A13
Il tunnel è stato chiuso in entrambe le direzioni. Gli automobilisti sono invitati a seguire la deviazione
LUGANO
1 gior
C’è un nuovo Movimento in città
Due ex Ppd alla base: Domenico Barletta presidente, Giovanni Albertini vice
FOTO E VIDEO
ACQUAROSSA
1 gior
Schianto a Motto, lo salva il guardrail
Ha rischiato tantissimo l'automobilista protagonista dell'incidente avvenuto in Valle di Blenio: se la protezione avesse ceduto, il suo veicolo sarebbe precipitato nel fiume Brenno
FOTO E VIDEO
TESSERETE
1 gior
Esce di casa e precipita in un burrone, ferito un anziano
L'uomo è stato recuperato dell'Unità di Intervento Tecnico dei pompieri di Lugano
CANTONE
1 gior
«Altri soldi per il Pardo? Solo risparmiando in altri settori culturali»
La Lega dei Ticinesi pone le proprie condizioni per appoggiare la richiesta di aumento del contributo cantonale decisa dal Consiglio di Stato
CANTONE
01.12.2019 - 20:030
Aggiornamento : 02.12.2019 - 10:19

I videogiochi entrano nella scuola elementare

Progetto educativo in corso in una sede del Luganese. «Vogliamo sviluppare una relazione positiva e ridurre il conflitto interfamiliare, ma anche rendere il bambino autosufficiente»

LUGANO - Minecraft, Brawl Stars, Fortnite, Fifa, Pes, GTA. Chi ha a che fare con bambini e adolescenti (ma anche con fratelli e fidanzati) ha sicuramente già sentito questi nomi. Il videogioco resta un magico passatempo che appassiona grandi e piccini, ma nasconde anche dei pericoli che spaventano soprattutto i genitori. E se un ragazzino avesse la possibilità di parlarne liberamente a scuola?

Lo scopo è educare - È esattamente quello che accade in una scuola elementare del Luganese, in cui è in corso dall’inizio dell’anno scolastico un progetto educativo. Con l’evoluzione tecnologica molti restano indietro e capita di sovente che, in particolare gli adulti, finiscano per demonizzare il mondo videoludico. Nasce da qui l’idea del progetto che punta a «instaurare una cultura del videogioco educativa».

Il videogioco non è il male - A livello pratico, quindi, degli adulti vanno a scuola a parlare con i bambini di videogiochi. «Porti in un contesto scolastico una materia di cui sono esperti. C’è molto interesse e vogliono raccontare tutto quello che sanno», spiega il giovane psicologo momò Gabriele Barone, fondatore dell’azienda Horizon Psytech che si occupa di media education e sensibilizzazione al digitale. «Noi non siamo lì per spaventare i bambini e dirgli “non giocate mai più”. Vogliamo fargli capire che il videogioco è un hobby come ce ne sono tanti altri. Va utilizzato in determinati momenti, con le giuste modalità». Il videogioco non è il male e pretendere di allontanarli da quel mondo è un’utopia. «Vogliamo sviluppare una relazione positiva. Sia per ridurre il conflitto interfamiliare, sia per rendere il bambino autosufficiente nel suo utilizzo».

Il fenomeno Fortnite - Tendenzialmente Fortnite è il nome più frequente tra i bambini anche alle elementari, nonostante sia a partire dai 12 anni. Attorno al suo nome ruotano notizie negative, anche sui media, che influenzano i genitori. «In Fortnite la violenza è attenuata dal fatto che è un cartone. Ma è comunque uno sparatutto e la famiglia teme gli acquisti in app». Il videogioco è stato studiato con dei meccanismi che spingono a giocare sempre di più. «Una volta sono stato chiamato in una scuola in Italia per un intervento, perché c’erano dei bambini che giocavano a Fortnite che facevano pressione sociale su chi non ci giocava, una sorta di bullismo - spiega Barone -. Questi sono un po’ i casi limite. Perché in realtà il videogioco è uno strumento che ha tantissime potenzialità positive, solo che queste cose fanno più notizia. E purtroppo ci si fa un’immagine negativa».

Perché parlarne a scuola - Il progetto d’istituto è stato accolto con entusiasmo dalla maggioranza. «Quando abbiamo iniziato abbiamo avuto qualche resistenza da parte di alcuni genitori. “Non voglio che mio figlio veda certi contenuti”, dicevano. Ma il punto è che li conoscono già. Oggi è impensabile che un bambino non veda mai un videogioco. Proprio per questo occorre parlarne, per capire cosa va bene e cosa no e per quale motivo». Horizon Psytech è stata contattata «perché le maestre si sono rese conto che i bambini hanno sempre più interesse verso i videogiochi e non sapevano bene come gestirlo». Al termine dell’anno scolastico gli allievi avranno anche creato tutti insieme un videogioco semplice, «consci che è anche uno strumento positivo e può contenere elementi educativi». E sono già due le scuole interessate per l’anno prossimo, una elementare e una media.

Commenti
 
Christian XeviaN Meneghini 5 gior fa su fb
Bellissima iniziativa!
sedelin 6 gior fa su tio
Scrivere un tema? Non lo sanno fare. Fare un disegno o una pittura? Neppure. Conoscere i luoghi o le montagne circostanti... neppure quello. Sembra che per queste attività non ci sia tempo, ma per la realtrealtà virtuale sì: avremo bambocci incapaci di distinguere la realtà dal modo virtuale. E non è cosa da poco, è cosa di cui preoccuparsi parecchio:-(((
Zico 6 gior fa su tio
@sedelin è una scuola sinistra...
OCP 6 gior fa su tio
@sedelin Ciao sedelin... visti i post in passato non avrei mai pensato di essere d'accordo con te... c'è sempre una prima volta! ;-)
miba 6 gior fa su tio
Sì, ma probabilmente sanno almeno ancora scrivere una lettera decente e le tabelline fino al 10... Sai, se non studi ben difficilmente apprendi, questo è poco ma sicuro :)
OCP 6 gior fa su tio
@miba Non sapranno fare un caxxo ma giocheranno benissimo a Minecraft e amenicoli vari... avranno un futuro grazie alla "squola" di oggi :-P
KilBill65 6 gior fa su tio
Ma noooo, con tutto quello che in una scuola ha da fare adesso, anche i videogiochi?..... Insegnate loro altre cose belle.....Come l'arte, la musica classica, la lettura, poesie ecc. Queste sono le cose da imparare, servira' loro nella vita…...
Dioneus 6 gior fa su tio
@KilBill65 I videogiochi sono una forma artistica.
sedelin 6 gior fa su tio
@Dioneus Che cosa fa di artistico l’allievo?
Dioneus 6 gior fa su tio
I videogiochi hanno un giro d'affari superiore al cinema. Nolti vg permettono di conoscere la storia, le organizzazioni sociali o, come Minecraft, forniscono molte informazioni e insegnano aspetti come le pianificazioni. Ma ci sono vg che pongono anche interrogativi e riflessioni profonde, come Life is Strange. Molti commentatori qui mi sa che sono fermi all'era di Pac-Man ;)
Alessandro Milani 6 gior fa su fb
Dategli carta e penna e insegnateli ancora a scrivere le lettere che già sono rincoglioniti di tecnologia
Katia Rodrigues 6 gior fa su fb
Alessandro Milani penso che allora lei non ha scritto abbastanza nella sua vita 😊 allora spenga il suo smartphone oppure il suo PC e torni a scriverci delle lettere di risposta all'articolo con carta e calamaio 😉
OCP 6 gior fa su tio
Videogiochi? La scuola si sta preparando a sfornare dei deficienti... prepariamoci al peggio.
skorpio 6 gior fa su tio
Assurdo!! Sono già rinc**** adesso... poi ma scherziamo? Cari maestri, fate i maestri e basta.
Calotta Polare 6 gior fa su tio
@skorpio Sono totalmente d'accordo con te. Ma bisognerebbe anche che i genitori facessero i genitori.
limortaccituoi 6 gior fa su tio
@skorpio Anche i blogger dovrebbero fare i blogger e i pedagogisti i pedagogisti. È un mondo che va così...
miba 6 gior fa su tio
Studiare, che altrimenti tra non molto siamo un paese di asini...
Tiziano Regazzoni 6 gior fa su fb
Certo....indipendentissimi.....i genitori iniziano con la baby sitter virtuale, poi si passa alla play station, e infine finalmente ora anche a scuola......adulti troppo impegnati......!
Adriano Tato 6 gior fa su fb
Tiziano Regazzoni Leggete gli articoli ed eviterete commenti inutili: “ A livello pratico, quindi, degli adulti vanno a scuola a parlare con i bambini di videogiochi. «Porti in un contesto scolastico una materia di cui sono esperti.”
Tiziano Regazzoni 6 gior fa su fb
Adriano Tato non è un contenuto inutile......hai ragione, sottolineando che gli adulti vanno a scuola per.......ma perché a scuola ???? Non siamo in grado di farlo a casa ????? Guarda se ti ricordi i commenti che giravano ai tempi in merito alla educazione sessuale.....e il modo con il quale è stato insegnata...! piuttosto ritengo più utile dei corsi di autodifesa, come comportarsi in caso di aggressioni , il sostegno reciproco, contro il bullismo ecc....., ma materie che si possano fare in gruppo, non singolarmente.....! la scuola è molto cambiata in questi anni.......! staremo a vedere.
Adriano Tato 6 gior fa su fb
Tiziano Regazzoni Beh, difficile insegnare quel che non si conosce... mi ricordo quando a metà anni 90 parlavo dei miei giochi e passioni sul 386 ai miei genitori e non capivano molto, vedo adesso gli adolescenti parlare di Fortnite, COD, Apex ai miei coetanei e poco ci azzeccano. Qui si parla di adulti (non i genitori) che vanno a fare lezione utilizzando un contesto (ovvero i giochi) innovativo, insomma un nuovo approccio. È un test, magari fallirà, ma perché non tentare un approccio innovativo piuttosto che continuare con le bacchettate sulle nocche?
Tiziano Regazzoni 6 gior fa su fb
Adriano Tato nessuna bacchettata sulle nocche. Abbiamo vissuto la generazione Commodore, i primi pc, e i genitori mostravano il giusto interesse, ma vedevano e sapevano che ciò era il futuro. Ma c'erano anche delle regole e noi le rispettavamo. Adesso è anarchia totale. Io voglio, io ottengo, io gioco quanto voglio......e i genitori.....assenti. E il consumismo non risparmia nessuno. Quanti bambini vedo strillare perché i genitori non acquistano loro il gioco del momento. Sono d'accordo sul test d eseguire. Ma rimango sempre della opinione che certi test si eseguono a casa, con giuste regole....!
Cinzia Chezzi 6 gior fa su fb
Adriano Tato sono d'accordo. Dove vivo io per esempio sono venuti nelle scuole dei Game Designer, orientatori professionali, per parlare di questo lavoro con i ragazzi delle medie. Insomma é inutile negarlo, studiare e lavorare con la tecnologia é il loro futuro. Per quanto mi riguarda, vedo mia figlia di soli 8 anni, informatissima di Fortnite, Minecraft e YouTube, ma al tempo stessa tagliata fuori perche' non ha cellulare ne console per giocare. A scuola si danno gli appuntamenti e gli orari per giocare online insieme e lei niente. Non le nego l'accesso alla tecnologia, sarebbe comunque sbagliato, ma ho timore che diventi una droga. Ho sentito tanti genitori dire di figli che giocano alla PlayStation giorno e notte, che dormono solo qualche ora...e sti genitori come si discolpano? Penso che puo' servire parlare di tutto cio' a scuola.
Teresa Crameri 6 gior fa su fb
siamo seri?
Dioneus 6 gior fa su tio
Ottimo progetto era ora
Cristina Botta 6 gior fa su fb
I conflitti interfamiliari ci sono perchè i genitori si incazzano quando vengono disturbati dai bambini mentre giocano 😂
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 17:22:52 | 91.208.130.85