Depositphotos - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
ASCONA
6 ore
«Così ho perso lentamente la mia amica»
Nelly Morini racconta il dramma dell'Alzheimer nel romanzo Clarianne, ispirato a una storia vera.
MESOCCO (GR)
12 ore
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
CANTONE
15 ore
Giornalisti sportivi riuniti in assemblea
Nel corso dell'appuntamento sono stati attribuiti i premi Giuseppe Albertini e al Merito Sportivo.
FOTO
LOCARNO
17 ore
Un Nicolao tutto blu è tornato in città
Dopo lo stop dello scorso anno, il Nicolao color blu ha potuto tornare in azione, portando regali ai più piccoli.
CANTONE / CONFINE
17 ore
Navigazione sul Lago Maggiore, una mozione per smuovere le acque
I consiglieri nazionali ticinesi chiedono al Consiglio federale di avviare i negoziati per una nuova convenzione.
CANTONE
17 ore
Quattro giorni consecutivi di nebbia: «Non capita tutti gli anni»
Facendo un bilancio del mese di novembre, MeteoSvizzera ha rilevato un'anomalia per quanto riguarda il sud delle Alpi.
FOTO
MELIDE
1 gior
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
CANTONE
1 gior
Un paio di cose da sapere quando si prenota la terza dose
Da «Ci si può prenotare anche se vaccinati da meno di 6 mesi?» a «Siamo sicuri che mi danno il farmaco giusto?».
FOTO
MELIDE
1 gior
I pompieri di Melide festeggiano Santa Barbara
La messa è stata officiata ieri sera da Don Ernesto Ratti presso la Caserma di Melide
CANTONE
1 gior
Qualche fiocco di neve in arrivo in serata?
Sarà in ogni caso una breve parentesi. Ma la neve, fino a basse quote, potrebbe tornare durante la settimana
Lugano
2 gior
Più Donne chiede delucidazioni sul caso dell'ex funzionario del Dss
Dopo che la loro interrogazione non ha avuto seguito dai vertici, tornano con un'interpellanza che contiene 15 domande
CANTONE
2 gior
I più scattanti con il "booster" agli over16
A questa cifra vanno aggiunte le persone che si sono rivolte alle farmacie e agli studi medici
FOTO
MENDRISIO
2 gior
I diciottenni di Mendrisio al cinema
Ha avuto luogo oggi il consueto incontro con le autorità cittadine
RIAZZINO
2 gior
Al Vanilla la musica resta spenta
Il Consiglio federale è andato incontro alle discoteche. Ma la struttura di Riazzino mantiene la propria decisione
VIDEO
BELLINZONA
2 gior
Un video (e una volpe curiosa) per l'accensione dell'albero di Bellinzona
Nella capitale il Natale è ufficialmente iniziato. Quest'anno con una presentazione dello scrittore Andrea Fazioli
BELLINZONA
2 gior
Il villaggio natalizio di Bellinzona solo per vaccinati e guariti
Per il mercato del sabato e i mercatini in programma varrà invece l'obbligo di mascherina
Ticino
2 gior
Ecco dove verranno posizionati i radar la prossima settimana
La polizia ricorda che «la velocità elevata permane una delle maggiori cause d'incidenti»
CANTONE
01.12.2019 - 20:030
Aggiornamento : 02.12.2019 - 10:19

I videogiochi entrano nella scuola elementare

Progetto educativo in corso in una sede del Luganese. «Vogliamo sviluppare una relazione positiva e ridurre il conflitto interfamiliare, ma anche rendere il bambino autosufficiente»

LUGANO - Minecraft, Brawl Stars, Fortnite, Fifa, Pes, GTA. Chi ha a che fare con bambini e adolescenti (ma anche con fratelli e fidanzati) ha sicuramente già sentito questi nomi. Il videogioco resta un magico passatempo che appassiona grandi e piccini, ma nasconde anche dei pericoli che spaventano soprattutto i genitori. E se un ragazzino avesse la possibilità di parlarne liberamente a scuola?

Lo scopo è educare - È esattamente quello che accade in una scuola elementare del Luganese, in cui è in corso dall’inizio dell’anno scolastico un progetto educativo. Con l’evoluzione tecnologica molti restano indietro e capita di sovente che, in particolare gli adulti, finiscano per demonizzare il mondo videoludico. Nasce da qui l’idea del progetto che punta a «instaurare una cultura del videogioco educativa».

Il videogioco non è il male - A livello pratico, quindi, degli adulti vanno a scuola a parlare con i bambini di videogiochi. «Porti in un contesto scolastico una materia di cui sono esperti. C’è molto interesse e vogliono raccontare tutto quello che sanno», spiega il giovane psicologo momò Gabriele Barone, fondatore dell’azienda Horizon Psytech che si occupa di media education e sensibilizzazione al digitale. «Noi non siamo lì per spaventare i bambini e dirgli “non giocate mai più”. Vogliamo fargli capire che il videogioco è un hobby come ce ne sono tanti altri. Va utilizzato in determinati momenti, con le giuste modalità». Il videogioco non è il male e pretendere di allontanarli da quel mondo è un’utopia. «Vogliamo sviluppare una relazione positiva. Sia per ridurre il conflitto interfamiliare, sia per rendere il bambino autosufficiente nel suo utilizzo».

Il fenomeno Fortnite - Tendenzialmente Fortnite è il nome più frequente tra i bambini anche alle elementari, nonostante sia a partire dai 12 anni. Attorno al suo nome ruotano notizie negative, anche sui media, che influenzano i genitori. «In Fortnite la violenza è attenuata dal fatto che è un cartone. Ma è comunque uno sparatutto e la famiglia teme gli acquisti in app». Il videogioco è stato studiato con dei meccanismi che spingono a giocare sempre di più. «Una volta sono stato chiamato in una scuola in Italia per un intervento, perché c’erano dei bambini che giocavano a Fortnite che facevano pressione sociale su chi non ci giocava, una sorta di bullismo - spiega Barone -. Questi sono un po’ i casi limite. Perché in realtà il videogioco è uno strumento che ha tantissime potenzialità positive, solo che queste cose fanno più notizia. E purtroppo ci si fa un’immagine negativa».

Perché parlarne a scuola - Il progetto d’istituto è stato accolto con entusiasmo dalla maggioranza. «Quando abbiamo iniziato abbiamo avuto qualche resistenza da parte di alcuni genitori. “Non voglio che mio figlio veda certi contenuti”, dicevano. Ma il punto è che li conoscono già. Oggi è impensabile che un bambino non veda mai un videogioco. Proprio per questo occorre parlarne, per capire cosa va bene e cosa no e per quale motivo». Horizon Psytech è stata contattata «perché le maestre si sono rese conto che i bambini hanno sempre più interesse verso i videogiochi e non sapevano bene come gestirlo». Al termine dell’anno scolastico gli allievi avranno anche creato tutti insieme un videogioco semplice, «consci che è anche uno strumento positivo e può contenere elementi educativi». E sono già due le scuole interessate per l’anno prossimo, una elementare e una media.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 2 anni fa su tio
Scrivere un tema? Non lo sanno fare. Fare un disegno o una pittura? Neppure. Conoscere i luoghi o le montagne circostanti... neppure quello. Sembra che per queste attività non ci sia tempo, ma per la realtrealtà virtuale sì: avremo bambocci incapaci di distinguere la realtà dal modo virtuale. E non è cosa da poco, è cosa di cui preoccuparsi parecchio:-(((
Zico 2 anni fa su tio
@sedelin è una scuola sinistra...
OCP 2 anni fa su tio
@sedelin Ciao sedelin... visti i post in passato non avrei mai pensato di essere d'accordo con te... c'è sempre una prima volta! ;-)
miba 2 anni fa su tio
Sì, ma probabilmente sanno almeno ancora scrivere una lettera decente e le tabelline fino al 10... Sai, se non studi ben difficilmente apprendi, questo è poco ma sicuro :)
KilBill65 2 anni fa su tio
Ma noooo, con tutto quello che in una scuola ha da fare adesso, anche i videogiochi?..... Insegnate loro altre cose belle.....Come l'arte, la musica classica, la lettura, poesie ecc. Queste sono le cose da imparare, servira' loro nella vita…...
Dioneus 2 anni fa su tio
@KilBill65 I videogiochi sono una forma artistica.
sedelin 2 anni fa su tio
@Dioneus Che cosa fa di artistico l’allievo?
Dioneus 2 anni fa su tio
I videogiochi hanno un giro d'affari superiore al cinema. Nolti vg permettono di conoscere la storia, le organizzazioni sociali o, come Minecraft, forniscono molte informazioni e insegnano aspetti come le pianificazioni. Ma ci sono vg che pongono anche interrogativi e riflessioni profonde, come Life is Strange. Molti commentatori qui mi sa che sono fermi all'era di Pac-Man ;)
skorpio 2 anni fa su tio
Assurdo!! Sono già rinc**** adesso... poi ma scherziamo? Cari maestri, fate i maestri e basta.
Calotta Polare 2 anni fa su tio
@skorpio Sono totalmente d'accordo con te. Ma bisognerebbe anche che i genitori facessero i genitori.
limortaccituoi 2 anni fa su tio
@skorpio Anche i blogger dovrebbero fare i blogger e i pedagogisti i pedagogisti. È un mondo che va così...
miba 2 anni fa su tio
Studiare, che altrimenti tra non molto siamo un paese di asini...
Dioneus 2 anni fa su tio
Ottimo progetto era ora
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-06 04:00:09 | 91.208.130.89