Ticino Turismo – foto Andrea Padlina
I laghi della Val Piora
+6
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
1 ora
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
1 ora
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CONFINE
1 ora
Menaggio, ritrovata viva in una conduttura di cemento una donna dispersa
Si era allontanata da casa, ma poi non era più rientrata
CANTONE
3 ore
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
4 ore
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
CANTONE
5 ore
Clean-up-day a Faido con la madrina Christa Rigozzi
Non sono mancate le polemiche: il movimento eXtinction Rebellion Ticino ha manifestato contro l'organizzatore McDonald's
MANNO
7 ore
Inaugurata la nuova ala del Centro Diurno Terapeutico
Maggior sostegno sarà dato anche ai famigliari degli ospiti, grazie ad una maggiore flessibilità oraria
FOTO
CANTONE
7 ore
Consegnati i diplomi del Centro Studi Villa Negroni
Nel 2020 l’attività del CSVN ha incluso 21 certificazioni, 135 corsi e 63 convegni.
LUGANO
10 ore
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
17.10.2019 - 06:040
Aggiornamento : 09:47

Ecco i luoghi nostrani più “instagrammabili”

Ticino Turismo si lancia a capofitto sui social. Il neo direttore Angelo Trotta: «Gli abitanti del posto sono i nostri migliori ambasciatori». Lo specialista: «Bene. Ma occhio ai pericoli»

BELLINZONA – I castelli di Bellinzona. Il Cancello del Parco Ciani, a Lugano. Il Monte Brè. I portici di Morcote. Lavertezzo e il ponte romano. E poi ancora, la cascata della Piumogna, i laghi della val Piora, il Monte Generoso, la località di Foroglio (Bavona), la Madonna del Sasso… Sono i luoghi nostrani più “instagrammabili”. E Ticino Turismo si sta sempre più lanciando a capofitto nella sfida social. Lo conferma il neo direttore Angelo Trotta. «Negli ultimi anni, si è creata una vera e propria comunità, di cui fanno parte turisti ma anche tanti ticinesi, che pubblicano i loro scatti con l’hastag “ticinomoments”. Sono proprio gli “autoctoni” a conoscere meglio le perle nascoste. I ticinesi sono i nostri migliori ambasciatori».

Trecento milioni di immagini al giorno – Un processo inevitabile, secondo Claudio Visentin, docente di storia del turismo all’Università della Svizzera italiana. «Ticino Turismo deve presidiare il mondo dei social. In particolare quello di Instagram, media che continua a crescere soprattutto tra gli under 35. In pochi anni potrebbe raggiungere i due miliardi di utenti, poco meno di quelli attivi ora su Facebook. Il viaggio diventa sempre più visuale. Ogni giorno più di trecento milioni di immagini vengono caricate proprio su Instagram».

Il rischio di non godersi nulla – Visentin, tuttavia, invita chi viaggia alla prudenza. «Instagram comporta anche qualche rischio rispetto alla qualità dell’esperienza del viaggio. Fotografiamo troppo, invece di guardare. E consideriamo sempre più i luoghi come degli scenari per i nostri selfie. Spesso l’obiettivo della condivisione è attirare l’attenzione dei nostri follower, come se avessimo costantemente bisogno della loro approvazione».

Un’attività a 360 gradi – Ticino Turismo ha spostato da tempo l’attenzione sui social. Invitando, negli ultimi due anni, anche vari influencer. «L’attività sui social network – evidenzia Trotta – non rappresenta un ambito a sé stante. Ma fa parte di una strategia di marketing digitale più ampia. Si parla di “cross marketing”. Ci interessa molto anche Twitter. Pur essendo considerato “di nicchia” è quello che ci permette di interagire meglio con i giornalisti. Molti esponenti dei media lo utilizzano per trovare e raccontare storie».

Morti per un selfie – La febbre da post contagerà sempre più le vacanze dei millennials. In Ticino come all’estero. Con il surreale sempre in agguato. «Per scattare una foto vincente ed essere cool – fa notare Visentin – si può anche mettere a rischio la propria vita, sporgendosi troppo su un baratro o avvicinando animali pericolosi. Dal 2011 al 2017, secondo il “Journal of Family Medicine and Primary Care”, si contano oltre 250 morti per selficidio su scala internazionale, con una rapidissima progressione: 3 nel 2011, 93 nel 2017. Nello stesso periodo, per fare un confronto, nel mondo solo 36 persone sono state uccise dai temutissimi squali. Valutate voi…». 

Inviateci le foto del vostro luogo più "instagrammabile" del Ticino tramite Whatsapp allo 076 337 35 00. 

Ticino Turismo – Foto Alexandre Zveiger
Guarda tutte le 10 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
Vedere quella foto mi è venuto il "magone" avendo passato lassù i più bei giorni della mia vita. Non parlo di anni ma decenni ;-((
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 21:04:23 | 91.208.130.87