MENDRISIO
19.10.2019 - 21:060

«La mia esperienza shock: ecco dove mi hanno curato»

Disavventura sanitaria per un giovane ticinese in Sicilia. Durante una vacanza, il ragazzo è stato vittima di una banale lussazione alla spalla. E poi…

MENDRISIO – Una banale lussazione alla spalla. Un dolore terribile. Fin qui niente di strano per un 28enne del Mendrisiotto in vacanza in Sicilia, nella zona di Agrigento. D’altra parte, quella spalla gli dava noia da tempo. È quello che segue a trasformare il suo soggiorno in un viaggio ai confini della sanità. Il nostro interlocutore sarà ricoverato in un ospedale locale, e confinato in un ambulatorio simile a un cementificio. «Tre ore d’attesa, con un dolore atroce, per una questione che solitamente si risolve in trenta secondi». 

Personale ridotto all’osso – Invece, no. Stando al 28enne nell’ospedale regna il panico per quella spalla fuori posto. Gli infermieri, pochi visto il personale ridotto all’osso, sono titubanti. Non sanno come trattare il caso. «Io ero lì a soffrire e ad aspettare. Senza possibilità di muovermi. A un certo punto, visto che stava passando tanto tempo, ho avuto bisogno del bagno. Mi sono dovuto alzare e arrangiare da solo. È stato tremendo, penso di non avere mai provato tanto dolore in vita mia». 

Ai confini della realtà – Come dimostrano le foto, lo sfortunato momò pare essere finito proprio in un luogo da incubo. «Mi guardavo intorno e mi sembrava di stare in un cantiere. Non in un posto in cui si curano le persone. Avevo l’ansia. Non c’è stato alcun supporto per me. Dicevano che doveva arrivare la persona giusta, che avrebbero dovuto caricarmi sul carrellino. Una marea di frasi senza senso. Finalmente a un certo punto è arrivato il medico, ma avevo ormai i nervi a fior di pelle. Anche la loro medicazione mi ha lasciato di stucco». 

Una macchia in una vacanza da sogno – Per il ticinese, una nota stonata in una vacanza da sogno. «La Sicilia è una terra splendida, accogliente, calorosa. Ero stato benissimo fino a quel momento. Ci lamentiamo della sanità svizzera. Ma quando vai all’estero e vedi certe cose, resti scandalizzato». 

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-19 05:02:16 | 91.208.130.87