TIO/20M/Giordano
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
LUGANO
48 min
Ecco i 132 neolaureati in economia all'USI
Durante la cerimonia di consegna dei diplomi tenutasi oggi pomeriggio, sono stati pure consegnati alcuni premi agli studenti con le migliori medie
ORSELINA
59 min
Qui si cura il cancro con l’omeopatia: sarà vero?
Serata speciale domani 13 novembre alla Clinica Santa Croce. Il direttore Dario Spinedi: «Dopo 23 anni, vi raccontiamo cosa abbiamo fatto»
CANTONE
1 ora
Incidente oltre la dogana, code e ritardi sull'A2
Forti disagi al traffico in direzione sud a partire da Mendrisio al valico di Chiasso-Brogeda
LUGANO
2 ore
Su terra ferma, ma si pattinerà su ghiaccio a Natale in Città
L’idea della pista sul lago è stata rinviata al 2020 per allestire la perizia idro-geologica. «Da un pool di sponsor 300mila franchi per un evento di qualità e sociale» rivela Stefano Artioli
MENDRISIO/LUGANO
3 ore
Malore sul treno: «Nessuno ha chiamato i soccorsi»
Le FFS fanno chiarezza sull'episodio di questa mattina. E assicurano: l'affollamento del TiLo era «una situazione del tutto eccezionale»
BRISSAGO
3 ore
Richiedente l'asilo ucciso da un agente, c'è il decreto d'abbandono
Il poliziotto colpì il 38enne ai fianchi con due colpi. Il cittadino srilankese però non si fermò, costringendolo a sparare un terzo colpo, questa volta diretto al torace
LUGANO
3 ore
Angelo Jelmini lascia: «Non mi ricandido»
Il municipale luganese ha dato oggi l'annuncio con un tweet
CANTONE
4 ore
In nome del turismo, in Ticino si pedala assieme
È stato firmato oggi un accordo fra le quattro organizzazioni turistiche regionali e TicinoSentieri per la creazione del Centro di competenza cantonale Mountain Bike
FOTO E VIDEO
CANTONE
5 ore
Due ticinesi sul podio dei formaggi migliori al mondo
Il "Carì 2019" dell'azienda agricola Piz Forca e il "Campo la Torba 2018" dell'azienda Dazio-Alpe Campo La Torba si sono aggiudicati i premi Super Gold e Gold al World Cheese Awards
CANTONE
5 ore
«160 nuovi posti per invalidi adulti entro il 2022»
Nella seduta del 6 novembre il Consiglio di Stato ha approvato la Pianificazione quadriennale delle strutture e dei servizi in questo ambito, finanziata dalla Legge sull'integrazione degli invalidi
LUGANO
6 ore
La tecnologia blockchain al Palazzo dei Congressi
Copernicus e Pangea presentano una conferenza su applicazioni e opportunità della più rivoluzionaria tecnologia dopo Internet
CANTONE / BERNA
6 ore
Ecco perché Carobbio non vuole il posto di Levrat
È partito il toto-nomi per la successione alla guida del Ps svizzero. Ma la ticinese si sfila dalla corsa: «Serve un cambio generazionale»
LUGANO/BERNA
6 ore
Romano polemizza con Gysin: «Sembra Prosecco»
Residui di campagna: il consigliere nazionale punta il dito contro l'origine della bottiglia scelta per un brindisi della neoeletta dei Verdi. Che replica decantando gli spumanti svizzeri
MENDRISIO
7 ore
Stabio si attacca al TRAM
Il Municipio si rammarica per la risoluzione del Consiglio di Stato che ha respinto il ricorso contro la chiusura del nucleo di Ligornetto: «I nostri argomenti non sono stati attentamente valutati»
CANTONE
8 ore
Il Ticino toglie la patente a Balotelli
Sul Foglio ufficiale odierno la notifica della Sezione della circolazione. Non potrà guidare sulle nostre strade dal 31 dicembre 2019 al 30 marzo 2020
FOTO E VIDEO
CAMPIONE D’ITALIA
8 ore
Campionesi in piazza per il proprio futuro
I cittadini dell'enclave non vogliono l'inclusione nel territorio doganale dell'Unione europea. Chiedono di ritirare il provvedimento o, perlomeno, una proroga
LUGANO
8 ore
All’interrogazione di Ghisletta risponde Quadri
Il leghista difende la pubblicazione sul Mattino di un estratto del rapporto della Commissione delle petizioni sulla naturalizzazione dell’imam Jelassi. «È oziosa e al limite del surreale»
CANTONE
9 ore
C'è soddisfazione fra le capanne alpine ticinesi
Presso le cinque infrastrutture del CAS Ticino si sono contati in totale oltre 13’500 pernottamenti con un aumento che si situa attorno al 3%
FOTO
GORDOLA
10 ore
Il Premio AITI va a Erika Diserens
La pittrice e fotografa zurighese ha ricevuto il riconoscimento lo scorso 29 ottobre a Gordola
CANTONE
10 ore
Infanzia rubata, la Chiesa evangelica «chiede perdono»
La CERT ha ascoltato Sergio Devecchi, pedagogista in pensione, che ha scritto un libro sull'affido coatto e l'esperienza di 17 anni in istituti per minori in Ticino e nei Grigioni
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Prodotto interno lordo ticinese al ribasso: -2,4%
Il dato cantonale, relativo al 2017, è in controtendenza rispetto alla media nazionale (+1,8%)
CANTONE
12.08.2019 - 06:000
Aggiornamento : 10:38

«Il taglio dell'albero deve essere sempre l'ultima ratio»

Motoseghe in città. Il tema infiamma e lo specialista spiega: «Non è solo dalla chioma che si giudica la salute di una pianta. Un tiglio in natura arriva a 200 anni, ma in città a 100 è già vecchio»

BELLINZONA - Dici tigli e pensi ai tagli. Inevitabile, visto che da ogni abbattimento d’albero in Ticino fioriscono polemiche. Da Lugano a Bellinzona le autorità sono accusate di far uso esagerato di motoseghe. L’aspetto positivo è che la popolazione sembra sempre più attaccata al verde. Quello negativo è che tutti si credono specialisti. Ma non è dalla sola chioma che si giudica la salute di una pianta.   

Il dottore degli alberi - E allora sentiamo chi meglio conosce la materia. «Ventisette anni fa sono stato uno dei primi ad occuparmi della cura dei grandi alberi in Ticino. Mi sono specializzato in una scuola apposita in Svizzera interna» ricorda Antonio a Marca, che con la sua ditta viene sovente interpellato dai Comuni. Il suo responso è spesso decisivo per stabilire se curare o tagliare.

Quando tagliare è inevitabile - Da platani ai cedri del Libano, passando per castagni, pioppi e aceri, il curatore degli alberi è un po’ medico e un po’ becchino. Non c’è conflitto, gli chiediamo. «No, perché è mio interesse salvare l’albero che dà il pane a me e ai miei cinque dipendenti specializzati nella cura dei grandi alberi. Sono molto conservativo e l’abbattimento è l’ultima ratio. Ma se la pianta ha superato la soglia del pericolo o se la sua prospettiva di vita è breve, tagliare è inevitabile». È l’aspetto, dice, che spesso sfugge all’opinione pubblica: «Il problema molte volte sta nell’apparato radicale. La chioma può essere bella, vitale, vigorosa, ma le radici possono essere marce. Un albero che cade in città fa clamore e rappresenta una minaccia, non è come nel bosco».

La ruspa s’avvicina troppo - Un problema di radici, che inevitabilmente sta a monte. «Gli alberi vanno rispettati prima  - dice a Marca -. Va un po’ meglio di vent’anni fa, ma ancora oggi ne vedo di tutti i colori. Chi costruisce, soprattutto il privato ma non solo, tende a sfruttare al massimo il terreno a scapito del verde» . E allora si scava fino a lambire e danneggiare le radici.

Le traversie degli alberi in città - Da almeno un secolo i viali alberati sono un elemento centrale dell’arredo cittadino. Il fatto che negli ultimi anni si arrivi spesso all’abbattimento dipende solo in parte dal “naturale” percorso vitale dell’albero. «La maggior parte dei viali alberati storici in Ticino sono nati su strade sterrate. Hanno tutti tra gli 80 e i 120 anni. Il problema è che negli ultimi 40 anni alla base di queste piante è avvenuto di tutto e di più: dalla posa delle canalizzazioni, all’asfalto, ai cordoli, spesso ogni lavoro ha ferito le radici. Solo negli ultimi decenni è cresciuta l’attenzione per ciò che sta sotto terra». Molti alberi sono inoltre giunti al capolinea: «In natura un tiglio può arrivare tranquillamente a 200 anni, ma non in città dove a 100 anni un albero è vecchio».

Viali “bonsai” - Fondamentale è dare spazio all’albero per mettere radici e crescere. «Vedo ancora troppi viali fatti tanto per fare. Senza dare loro le giuste condizioni, le piante non crescono, si nanizzano e saranno sempre mezze decrepite fino al taglio tra 20 o 30 anni. Fondamentale è la preparazione e l’impianto. Un albero non cresce dentro una carriola di terra» dice l’esperto.

Criticate, ma virtuose - «Bellinzona e Lugano, con i loro tecnici, - continua a Marca - si impegnano moltissimo per la cura del proprio verde. Dando molta attenzione a cosa e dove si pianta». Eppure a Lugano c’è stata polemica per i tagli in stazione: «Erano dei tigli che forse, malgrado i difetti, potevano resistere ancora qualche anno. Ma non con il cantiere della strada che avrebbe creato inevitabili problemi statici agli alberi». Da una città all’altra si è polemizzato anche nella capitale per il taglio dei cedri in stazione: «Che erano stati intaccati dall’armillaria (il fungo chiodino, ndr). In quello stato potevano sopravvivere forse ancora per un paio d’anni. Impossibile lasciarli deperire in un luogo trafficato come quello senza creare pericoli. Ma ne verranno piantati cinque nuovi, in condizioni ideali per garantire la crescita e lo sviluppo ».

Il politico fa l’albero - L’esperienza diretta di Antonio a Marca gli fa dire che spesso nei paesi c’è riscontro diretto tra la sensibilità degli amministratori e la salute delle piante. In molti comuni questa attenzione è già presente. «Mi sembra invece un dibattito sterile lamentarsi per gli abbattimenti senza conoscerne le cause. Bisognerebbe parlare inoltre di quello che si salva e si pianta».

Commenti
 
Lucadue 2 mesi fa su tio
Il "problema" degli alberi in Viale Stazione, ovvero la Banhofstrasse della Turrita, sta tutto sommato nelle radici degli alberi. Allora perché non sostituirli con degli alberi con poche radici come ad esempio delle palme? Non lasciano a terra foglie, richiedono poca manutenzione, non ingombrano la vista ed hanno quell' aspetto mediterraneo che delizia i nostri amici zucchini golosi della nostra Sonnenstube! La mia è un'idea balzana, ma tant'è, a questo punto....
aquila bianca 2 mesi fa su tio
@Lucadue Nooooooo…. ti prego….. le palme lasciamole ai Paesi esotici… lì, "sono di casa" ;-)) Saluti :))
Cristina Zanini 3 mesi fa su fb
È incredibile come improvvisamente la conversazione si sia spostata dal motivo cardine del taglio degli alberi a Bellinzona, ovvero l'armonizzazione del look della parte alta di viale stazione con la parte bassa, al fatto che ora tutti gli alberi sono malati e vecchi e possono cadere in testa alla gente... Questo è ecoterrorismo altro che balle.
Bayron 3 mesi fa su tio
Problemi grassi!!
pulp 3 mesi fa su tio
Siamo più o meno alle solite…. oggi salviamo le piante, poi domani ci lamentiamo per i costi di manutenzione delle strade e dei cordoli, rovinati dalle radici. Senza contare i costi di manutenzione (il taglio che avviene ogni anno) e la pulizia delle foglie (che se piove diventano delle pericolose trappole, scivolose come poco). Più che fare un piagnisteo per le piante di viale stazione, si dovrebbe guardare a tutta la pianificazione….. che magari diventerà pure bella.
Gus 3 mesi fa su tio
Anche gli alberi hanno troppo potere. Ora gli alberi in tutto il Ticino stanno invadendo terreni edificabili, prati e terreni agricoli. E negli uffici cantonali ora hanno più potere gli alberi che i loro proprietari, che vedono diminuire il valore delle proprietà. E di ciò ringraziamo Verdi e accoliti!
sedelin 3 mesi fa su tio
@Gus qui si parla di alberi in città. i servizi forestali tagliano decine di alberi nei boschi e tengono sotto controllo la loro espansione laddove é necessario. nella proprietà privata ognuno é libero di tagliare alberi previo consenso dell'autorità.
pontsort 3 mesi fa su tio
@Gus Ogni anno molti terreni vengono bonificati con il sostegno del cantone proprio per evitarne l'imboscamento. Se un terreno dinventa incolto e si imbosca e perché il proprietario non ha interesse a curarlo. Comunque qui il tema è diverso. Riguarda il fatto che trovare zone d'ombra in città è sempre più difficile e quindi la temperatura in città sale
Gus 3 mesi fa su tio
@sedelin Libero, previo consenso (che non ti danno). Bel concetto di libertà! Tipico della sinistra!
Luisa Rossi 3 mesi fa su tio
Non parliamo di un albero "eventualmente pericolante" ma di un centinaio di fusti che sparirebbero per permettere il "nuovo arredo urbano", caro al nostro architetto comunale. In conseguenza e considerando i lavori previsti che danneggeranno gli alberi, conviene tagliarli preventivamente. Per piantarne altri che bisognerà tagliare prima che facciano un po' d'ombra ? Si obietterà che a molti piace l'insipido (direi squallido) "nuovo arredo urbano", paesaggio virtuale disegnato col computer, che allinea panchine, cestini e alberelli destinati al taglio precoce. Allora siamo coerenti: se abbattiamo 100 alberi per un "nuovo arredo urbano" sostituiamoli con "istallazioni arboree" connesse 5G, di plastica rigorosamente riciclabile oppure di metallo, che offriranno decorazioni natalizie originali ogni anno. Pensate che figurone allineati magari con panchine che calcolano il bioritmo e cestini dei rifiuti che avvertono quando sono da svuotare. Dice l'esperto: "Vedo ancora troppi viali fatti tanto per fare" . Davvero?
Serfol71 3 mesi fa su tio
Secondo me è giusto salvare le piante....in un cimitero ci vuole un po' di verde...
sedelin 3 mesi fa su tio
con queste spiegazioni è più facile capire :-)
Gikappa 3 mesi fa su tio
...senza dimenticare che (pare...) il fogliame degli alberi troppo alti disturba il segnale 5G... no? E l'equazione è bell' e fatta...
Bibo 3 mesi fa su tio
Tutti a piangere per un albero ma poi se dovesse cadere e colpire qualcuno gli stessi direbbero che il comune non l'ha controllato/curato/ abbattuto...
Gus 3 mesi fa su tio
@Bibo Hai ragione. Questa purtroppo è la logica dei sinistri (di sinistra!)
Sciacallo 3 mesi fa su tio
Questo è quello che si prende i mandati da Bellinzona per fare le perizie sul verde urbano. Perché dovrebbe dire qualche cosa di diverso rispetto a chi lo paga?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 20:44:17 | 91.208.130.87