TIO/20M/Giordano
ULTIME NOTIZIE Ticino
PONTE TRESA
6 ore
Scontro al passaggio a livello: traffico in tilt
Un tamponamento è avvenuto questa sera sulla cantonale verso Ponte Tresa, presso i binari dell'FLP
CANTONE
6 ore
Cambio al vertice dopo 34 anni
Astrid Marazzi lascia la presidenza dei Sindacati indipendenti. Un passo storico per il Sit. Le succede Mario Milojevic
ISONE
9 ore
«Tutto liscio» al carnevale, per ora
Dal "Carnevaa di Locc" un bilancio positivo. «Le regole di sicurezza hanno funzionato»
CASTEL SAN PIETRO
11 ore
“Per Castello” cala il suo sestetto
La lista civica autonoma ha presentato i nomi dei candidati per le elezioni di aprile. Eccoli
CANTONE
11 ore
Doppie dimissioni tra le fila dell'Associazione Donne del PPD
Lasciano la co-presidente Cinzia Marini e l'esponente dell'Ufficio presidenziale Sara Beretta Piccoli
FOTO
BELLINZONA
13 ore
La Città dei mestieri è infine realtà
La struttura di Viale Stazione è stata inaugurata oggi. L'apertura ufficiale è attesa per lunedì
CANTONE
15 ore
Prestigioso incarico per Michela Pfyffer
La vicepresidente delle DLRT è stata nominata membro della Commissione cantonale per le pari opportunità. Il Movimento: «Fiere di te»
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
18 ore
Le fiamme distruggono il tetto di una casa a Cugnasco
L'incendio è divampato questa notte in via Vaslina. Nessuno è rimasto ferito
CANTONE
1 gior
Venuti: «A disposizione del partito, ma non per la presidenza»
Per il membro della direzione PS la carica sarebbe incompatibile con quella in seno all'Associazione degli inquilini
SANT'ANTONINO
1 gior
Il PLR di Sant'Antonino pronto per le elezioni
Liste ratificate «nel solco della continuità»
CHIASSO
1 gior
I candidati della sinistra per la cittadina di confine
La lista è stata approvata stasera dall'assemblea del gruppo Us-I Verdi
ASCONA
1 gior
Raccogliere la plastica? «Non ne vale la pena (per ora)»
Il Municipio di Ascona risponde al malcontento dei cittadini per la mancata organizzazione del servizio
LUGANO
1 gior
«Portiamo un verde nel Municipio di Lugano»
L'assemblea del partito ambientalista ha approvato le liste per le elezioni comunali
CUGNASCO-GERRA
1 gior
Scontro tra due auto sulla cantonale
L'incidente si è verificato nel tardo pomeriggio di oggi in territorio di Cugnasco
ISONE
1 gior
L’incendio sul Monte Tiglio causato da un’esercitazione militare?
Un caso analogo si sarebbe già verificato nel 1994, come ricorda un testimone
CANTONE
1 gior
Ecco dove il radar vi potrebbe pizzicare
Le autorità comunicano le località in cui saranno effettuati controlli della velocità tra il 27 gennaio e il 2 febbraio 2020
ARBEDO-CASTIONE
1 gior
Un sestetto rosso-verde per Arbedo
La lista Alternativa Socialista Verde ha consegnato oggi i nomi per le prossime comunali
CANTONE
1 gior
Coronavirus, in Ticino siamo pronti?
Il medico cantonale Giorgio Merlani incontra gli enti d'intervento per elaborare un protocollo. «Niente panico»
FOTO
BELLINZONA
1 gior
La Birreria Bavarese cambia, ma non muore
Dopo quarant'anni la famiglia Lazzarotto-Romano ha deciso di lasciare lo storico locale di Viale Stazione. Già trovato chi subentrerà
CANTONE
1 gior
Le foreste di faggio valmaggesi puntano all'UNESCO
È stata depositata oggi la candidatura presso il Centro del Patrimonio mondiale
GRIGIONI
1 gior
Gli occhi di governo e fedpol sulle aziende "bucalettere" nel Moesano
L'impegno contro il fenomeno è stato ribadito a Davos
CANTONE
12.08.2019 - 06:000
Aggiornamento : 10:38

«Il taglio dell'albero deve essere sempre l'ultima ratio»

Motoseghe in città. Il tema infiamma e lo specialista spiega: «Non è solo dalla chioma che si giudica la salute di una pianta. Un tiglio in natura arriva a 200 anni, ma in città a 100 è già vecchio»

BELLINZONA - Dici tigli e pensi ai tagli. Inevitabile, visto che da ogni abbattimento d’albero in Ticino fioriscono polemiche. Da Lugano a Bellinzona le autorità sono accusate di far uso esagerato di motoseghe. L’aspetto positivo è che la popolazione sembra sempre più attaccata al verde. Quello negativo è che tutti si credono specialisti. Ma non è dalla sola chioma che si giudica la salute di una pianta.   

Il dottore degli alberi - E allora sentiamo chi meglio conosce la materia. «Ventisette anni fa sono stato uno dei primi ad occuparmi della cura dei grandi alberi in Ticino. Mi sono specializzato in una scuola apposita in Svizzera interna» ricorda Antonio a Marca, che con la sua ditta viene sovente interpellato dai Comuni. Il suo responso è spesso decisivo per stabilire se curare o tagliare.

Quando tagliare è inevitabile - Da platani ai cedri del Libano, passando per castagni, pioppi e aceri, il curatore degli alberi è un po’ medico e un po’ becchino. Non c’è conflitto, gli chiediamo. «No, perché è mio interesse salvare l’albero che dà il pane a me e ai miei cinque dipendenti specializzati nella cura dei grandi alberi. Sono molto conservativo e l’abbattimento è l’ultima ratio. Ma se la pianta ha superato la soglia del pericolo o se la sua prospettiva di vita è breve, tagliare è inevitabile». È l’aspetto, dice, che spesso sfugge all’opinione pubblica: «Il problema molte volte sta nell’apparato radicale. La chioma può essere bella, vitale, vigorosa, ma le radici possono essere marce. Un albero che cade in città fa clamore e rappresenta una minaccia, non è come nel bosco».

La ruspa s’avvicina troppo - Un problema di radici, che inevitabilmente sta a monte. «Gli alberi vanno rispettati prima  - dice a Marca -. Va un po’ meglio di vent’anni fa, ma ancora oggi ne vedo di tutti i colori. Chi costruisce, soprattutto il privato ma non solo, tende a sfruttare al massimo il terreno a scapito del verde» . E allora si scava fino a lambire e danneggiare le radici.

Le traversie degli alberi in città - Da almeno un secolo i viali alberati sono un elemento centrale dell’arredo cittadino. Il fatto che negli ultimi anni si arrivi spesso all’abbattimento dipende solo in parte dal “naturale” percorso vitale dell’albero. «La maggior parte dei viali alberati storici in Ticino sono nati su strade sterrate. Hanno tutti tra gli 80 e i 120 anni. Il problema è che negli ultimi 40 anni alla base di queste piante è avvenuto di tutto e di più: dalla posa delle canalizzazioni, all’asfalto, ai cordoli, spesso ogni lavoro ha ferito le radici. Solo negli ultimi decenni è cresciuta l’attenzione per ciò che sta sotto terra». Molti alberi sono inoltre giunti al capolinea: «In natura un tiglio può arrivare tranquillamente a 200 anni, ma non in città dove a 100 anni un albero è vecchio».

Viali “bonsai” - Fondamentale è dare spazio all’albero per mettere radici e crescere. «Vedo ancora troppi viali fatti tanto per fare. Senza dare loro le giuste condizioni, le piante non crescono, si nanizzano e saranno sempre mezze decrepite fino al taglio tra 20 o 30 anni. Fondamentale è la preparazione e l’impianto. Un albero non cresce dentro una carriola di terra» dice l’esperto.

Criticate, ma virtuose - «Bellinzona e Lugano, con i loro tecnici, - continua a Marca - si impegnano moltissimo per la cura del proprio verde. Dando molta attenzione a cosa e dove si pianta». Eppure a Lugano c’è stata polemica per i tagli in stazione: «Erano dei tigli che forse, malgrado i difetti, potevano resistere ancora qualche anno. Ma non con il cantiere della strada che avrebbe creato inevitabili problemi statici agli alberi». Da una città all’altra si è polemizzato anche nella capitale per il taglio dei cedri in stazione: «Che erano stati intaccati dall’armillaria (il fungo chiodino, ndr). In quello stato potevano sopravvivere forse ancora per un paio d’anni. Impossibile lasciarli deperire in un luogo trafficato come quello senza creare pericoli. Ma ne verranno piantati cinque nuovi, in condizioni ideali per garantire la crescita e lo sviluppo ».

Il politico fa l’albero - L’esperienza diretta di Antonio a Marca gli fa dire che spesso nei paesi c’è riscontro diretto tra la sensibilità degli amministratori e la salute delle piante. In molti comuni questa attenzione è già presente. «Mi sembra invece un dibattito sterile lamentarsi per gli abbattimenti senza conoscerne le cause. Bisognerebbe parlare inoltre di quello che si salva e si pianta».

Commenti
 
Lucadue 5 mesi fa su tio
Il "problema" degli alberi in Viale Stazione, ovvero la Banhofstrasse della Turrita, sta tutto sommato nelle radici degli alberi. Allora perché non sostituirli con degli alberi con poche radici come ad esempio delle palme? Non lasciano a terra foglie, richiedono poca manutenzione, non ingombrano la vista ed hanno quell' aspetto mediterraneo che delizia i nostri amici zucchini golosi della nostra Sonnenstube! La mia è un'idea balzana, ma tant'è, a questo punto....
aquila bianca 5 mesi fa su tio
@Lucadue Nooooooo…. ti prego….. le palme lasciamole ai Paesi esotici… lì, "sono di casa" ;-)) Saluti :))
Cristina Zanini 5 mesi fa su fb
È incredibile come improvvisamente la conversazione si sia spostata dal motivo cardine del taglio degli alberi a Bellinzona, ovvero l'armonizzazione del look della parte alta di viale stazione con la parte bassa, al fatto che ora tutti gli alberi sono malati e vecchi e possono cadere in testa alla gente... Questo è ecoterrorismo altro che balle.
Bayron 5 mesi fa su tio
Problemi grassi!!
pulp 5 mesi fa su tio
Siamo più o meno alle solite…. oggi salviamo le piante, poi domani ci lamentiamo per i costi di manutenzione delle strade e dei cordoli, rovinati dalle radici. Senza contare i costi di manutenzione (il taglio che avviene ogni anno) e la pulizia delle foglie (che se piove diventano delle pericolose trappole, scivolose come poco). Più che fare un piagnisteo per le piante di viale stazione, si dovrebbe guardare a tutta la pianificazione….. che magari diventerà pure bella.
Gus 5 mesi fa su tio
Anche gli alberi hanno troppo potere. Ora gli alberi in tutto il Ticino stanno invadendo terreni edificabili, prati e terreni agricoli. E negli uffici cantonali ora hanno più potere gli alberi che i loro proprietari, che vedono diminuire il valore delle proprietà. E di ciò ringraziamo Verdi e accoliti!
sedelin 5 mesi fa su tio
@Gus qui si parla di alberi in città. i servizi forestali tagliano decine di alberi nei boschi e tengono sotto controllo la loro espansione laddove é necessario. nella proprietà privata ognuno é libero di tagliare alberi previo consenso dell'autorità.
pontsort 5 mesi fa su tio
@Gus Ogni anno molti terreni vengono bonificati con il sostegno del cantone proprio per evitarne l'imboscamento. Se un terreno dinventa incolto e si imbosca e perché il proprietario non ha interesse a curarlo. Comunque qui il tema è diverso. Riguarda il fatto che trovare zone d'ombra in città è sempre più difficile e quindi la temperatura in città sale
Gus 5 mesi fa su tio
@sedelin Libero, previo consenso (che non ti danno). Bel concetto di libertà! Tipico della sinistra!
Luisa Rossi 5 mesi fa su tio
Non parliamo di un albero "eventualmente pericolante" ma di un centinaio di fusti che sparirebbero per permettere il "nuovo arredo urbano", caro al nostro architetto comunale. In conseguenza e considerando i lavori previsti che danneggeranno gli alberi, conviene tagliarli preventivamente. Per piantarne altri che bisognerà tagliare prima che facciano un po' d'ombra ? Si obietterà che a molti piace l'insipido (direi squallido) "nuovo arredo urbano", paesaggio virtuale disegnato col computer, che allinea panchine, cestini e alberelli destinati al taglio precoce. Allora siamo coerenti: se abbattiamo 100 alberi per un "nuovo arredo urbano" sostituiamoli con "istallazioni arboree" connesse 5G, di plastica rigorosamente riciclabile oppure di metallo, che offriranno decorazioni natalizie originali ogni anno. Pensate che figurone allineati magari con panchine che calcolano il bioritmo e cestini dei rifiuti che avvertono quando sono da svuotare. Dice l'esperto: "Vedo ancora troppi viali fatti tanto per fare" . Davvero?
Serfol71 5 mesi fa su tio
Secondo me è giusto salvare le piante....in un cimitero ci vuole un po' di verde...
sedelin 5 mesi fa su tio
con queste spiegazioni è più facile capire :-)
Gikappa 5 mesi fa su tio
...senza dimenticare che (pare...) il fogliame degli alberi troppo alti disturba il segnale 5G... no? E l'equazione è bell' e fatta...
Bibo 5 mesi fa su tio
Tutti a piangere per un albero ma poi se dovesse cadere e colpire qualcuno gli stessi direbbero che il comune non l'ha controllato/curato/ abbattuto...
Gus 5 mesi fa su tio
@Bibo Hai ragione. Questa purtroppo è la logica dei sinistri (di sinistra!)
Sciacallo 5 mesi fa su tio
Questo è quello che si prende i mandati da Bellinzona per fare le perizie sul verde urbano. Perché dovrebbe dire qualche cosa di diverso rispetto a chi lo paga?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-26 02:46:43 | 91.208.130.89