ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
8 min
Aperitivo col Covid, parla l'oste
Parla il gerente di uno dei bar frequentati dal gruppo di amici nel quale si è poi verificato il contagio.
CANTONE
30 min
Abusi in due stazioni di servizio del Sottoceneri
In manette il responsabile: si parla di avances, palpeggiamenti ma anche di un tentativo di stupro
LOCARNO
48 min
Forte vento, attenzione non sostate sotto gli alberi 
L’appello ai cittadini: evitate passeggiate in parchi e boschi nei prossimi giorni
GNOSCA
2 ore
«Vi supplico, basta speculazioni, dite solo la verità»
Tutta la sofferenza della mamma del piccolo deceduto nello schianto di martedì. 
CANTONE
2 ore
Sfida a tre per la presidenza del PLR
Natalia Ferrara, Emilio Martinenghi e Alessandro Speziali sono i profili individuati per la successione di Bixio Caprara
FOTO
MINUSIO
2 ore
Vandalismi ripetuti, il Municipio chiede aiuto
Ignoti hanno danneggiato diverse strutture pubbliche con delle bombolette spray.
LUGANO
4 ore
Nuovo responsabile delle Risorse umane cercasi
Il concorso resterà aperto dall’8 ottobre al 2 novembre 2020.
CANTONE
4 ore
Centovallina: possibili ritardi e mancate coincidenze
I disagi sono da attribuire ai rallentamenti causati da cantieri urgenti
CANTONE
4 ore
Tre giornate per scoprire le opportunità in Ticino
Presentato il programma di “IspiraTi: giornate per debuttare nel tuo futuro”.
LUGANO / BERNA
4 ore
Riciclaggio di denaro sporco, le strade portano a Lugano
Finma ha avviato un'indagine nei confronti di Credinvest in relazione al caso di corruzione che coinvolge la PDVSA
BELLINZONA
4 ore
Focolaio tra conoscenti: «Hanno frequentato alcuni bar della capitale»
Otto amici sono risultati positivi al coronavirus dopo aver passato del tempo in alcuni esercizi pubblici di Bellinzona.
CANTONE
4 ore
Il contratto è di quattro mesi, ma tre sono di prova
La denuncia del sindacato Syna: «I datori di lavoro scaricano il rischio imprenditoriale sui dipendenti»
CANTONE
6 ore
Gli anziani ticinesi si considerano «in buona salute»
I risultati del rapporto sugli over-65 della Svizzera latina potrebbero incidere sulle future politiche cantonali.
CANTONE
6 ore
Piogge e temporali, è allerta meteo
Gli esperti rilevano un pericolo "marcato" per tutto il Ticino da domattina fino al mezzogiorno di sabato.
CANTONE
6 ore
Cavalli denuncia la trasmissione «anti-cubana»
L'oncologo ticinese sul programma radiofonico: «Ha fornito informazioni parziali e non veritiere».
PORTO CERESIO
6 ore
Un gommone sequestrato sul Ceresio
È stato requisito dalla Guardia di Finanza in Liguria, e verrà utilizzato sul versante italiano del lago
GNOSCA
7 ore
Schianto a Gnosca: spunta un testimone
Alla tragedia potrebbe avere assistito almeno una persona
ZURIGO
7 ore
Aeroporto, l'attività torna a scendere
Registrato un -12% nel mese di settembre rispetto ad agosto.
CANTONE
7 ore
Treni soppressi tra Biasca e Bellinzona
L'interruzione avverrà questo weekend a causa dei lavori per il rinnovo dei binari
ASCONA
16.07.2019 - 10:000
Aggiornamento : 13:15

Terreni alla Maggia nella bufera: usano prodotti nocivi?

Silo & Beton SA di nuovo sotto accusa. Venderebbe limo inquinato a una delle più importanti aziende agricole ticinesi. A scatenare il polverone, il periodico L’inchiesta

ASCONA – Limo venduto come fertilizzante, ma che in realtà conterrebbe sostanze nocive. La Silo & Beton Melezza SA di Losone, azienda che si occupa di betonaggio e lavorazione di inerti, finisce di nuovo nel mirino del periodico L'inchiesta. E stavolta le accuse colpiscono anche uno dei marchi più prestigiosi del Ticino, quello dei Terreni alla Maggia, noto per i suoi vini doc, per il riso, per la pasta, per la polenta… Il limo usato come concime nei campi di Ascona avrebbe gli stessi valori di quello che, in passato, ha inquinato le acque delle Centovalli e del fiume Melezza. La vicenda aveva fatto discutere parecchio. Di recente, i parlamentari Fabrizio Sirica e Laura Riget avevano inoltrato un'interrogazione in merito al Governo. 

Valori fuori norma – In un video pubblicato su Youtube (e in un approfondito servizio di prossima pubblicazione), L'inchiesta mostra i dati elaborati dal laboratorio HelvetiaLab. Ebbene, i valori dei metalli pesanti, in particolare piombo e rame, presenti nel limo usato come concime ai Terreni alla Maggia sarebbero allarmanti. Stiamo parlando di una delle aziende agricole più importanti della Svizzera italiana, che detiene un numero enorme di coltivazioni di alta qualità.

Limo non naturale – Sandro Rusconi, biologo e docente all'Università di Friborgo, è sconcertato. «Prima di tutto per usare certe sostanze nei campi, servono autorizzazioni da Berna. Non mi risulta che ci siano. Secondariamente, un conto è ricorrere al limo naturale, che se usato in poca quantità ha proprietà drenanti e non è nocivo. Un altro conto, è usare quello che deriva dalla lavorazione di inerti, con valori come quelli emersi dalle analisi di laboratorio, nocivi per la salute».

Buona fede – Non si sa a quante aziende agricole la Silo & Beton di Losone venda il suo limo. L’impresa si è chiusa a riccio e non risponde alle domande dei giornalisti. Interpellata da Tio/20minuti la direzione ha preferito non commentare le ultime accuse provenienti dal periodico. «Ho l’impressione – riprende Rusconi – che i responsabili dei Terreni alla Maggia non si rendano bene conto della situazione. Forse hanno accettato di acquistare questo limo in buona fede. Si tratta di una ditta attenta alla sostenibilità ambientale. Non credo proprio che volontariamente volesse mettersi nei guai».

La direzione smentisce – Sta di fatto che ora sui prodotti dei Terreni alla Maggia aleggia più di un interrogativo. Una bella gatta da pelare per il direttore Fabio Del Pietro. Interpellato da Tio/ 20 Minuti, ha risposto puntualmente alle nostre domande. «La Direzione dell’azienda agricola Terreni alla Maggia – dice – contesta che sia stato usato il limo proveniente dalla Silo & Beton Melezza SA per i lavori di preparazione delle coltivazioni primaverili 2019»

Nuove analisi – A fine giugno, la direzione dei Terreni alla Maggia avrebbe ordinato delle analisi di laboratorio nelle zone di presumibile prelievo da parte dei giornalisti autori del servizio dell’Inchiesta. «Tali analisi hanno dato i seguenti risultati: sui terreni di Ascona il rame ha un valore di 24.8 mg/kg rispetto al limite di 40.0 mg/kg e il piombo ha un valore di 34.7 mg/kg rispetto al limite di 50.0 mg/kg; sui terreni di Locarno il rame ha un valore di 21.8 mg/kg rispetto al limite di 40.0 mg/kg e il piombo ha un valore di 11.6 mg/kg rispetto al limite di 50.0 mg/kg».

Saranno fatti ulteriori controlli – Del Pietro respinge dunque le accuse mossegli dall’Inchiesta. «Ci chiediamo se le analisi che si vedono nel filmato siano attendibili. La direzione continuerà a effettuare tutte le verifiche che si rendessero necessarie, se sarà il caso coinvolgendo le competenti autorità cantonali».

La replica del reporter – Dichiarazioni che abbiamo sottoposto al giornalista, autore del reportage. Pronta la sua reazione. «Del Pietro continuerà a monitorare la situazione? Ma se non ci sono problemi, quale necessità di monitoraggio ci deve essere? Inoltre nel video, vi è la dichiarazione scritta di Oliver Petrucciani, imprenditore di Losone, che sostiene di essersi occupato di trasportare materiale inquinato nei campi dei Terreni alla Maggia per poi spianarlo. Operazione, questa, ripetuta da anni. I nostri esami? Li hanno fatti dei professionisti. Sono inattaccabili. Mentre ancora non abbiamo visto quelli a cui fa riferimento Del Pietro».

Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 anno fa su tio
Chiaro che ci sono i laboratori ufficiali da prendere in considerazione .È evidente che il giornalista ci tiene a spararle grosse, senza l'ufficialità di esami indipendenti. Che poi la Terreni alla Maggia vada a impegolarsi in materiale inquinato per le sue coltivazioni sembra veramente fuori posto. Non è che ci sia qualche gelosia di mestiere dietro? Come mai questa improvvisa preoccupazione ?Si fa in fretta a pontificare e ghigliottinare. È normale e logico che viene accusato di un fatto di tale portata abbia a fare subito delle verifiche, ci mancherebbe altro. È segno di responsabilità , altro che le banalizzazioni del giornalista .
curziocurzio 1 anno fa su tio
Ma il dipartimento del territorio, é in ferie, per placare sul nascere le speculazioni giornalistiche Agire SUBITO, o c'è complicità di qualche politico?
centauro 1 anno fa su tio
Con questo limo......si sono tutti infangati!!!
brog159 1 anno fa su tio
Lasciate in pace chi lavora e produce roba buona.....basta con stè ....azzate!!!!
GI 1 anno fa su tio
ma un bell'intervento da parte del laboratorio cantonale non era più semplice ??
Nilo221 1 anno fa su tio
Pazzesco, questa è solo la punta dell'iceberg, poi ci domandiano come mai sempre più persone si ammalano di tumore ecc
Maurizio Roggero 1 anno fa su fb
Oh toh... qualcuno è andato a bere qualche birretta di troppo con qualcun’altro....
sedelin 1 anno fa su tio
riso e mais km 0, che beffa!
miba 1 anno fa su tio
Non sono sorpreso più di quel tanto. Questa è venuta a galla (e tranquilli che verrà insabbiata) ma chissà quanti altri intrallazzi e/o porcherie e/o omertà vi sono nel sottobosco del nostro (una volta nei tempi passati) bel Ticino
albertolupo 1 anno fa su tio
@miba "insabbiata" ci sta: nel limo... ;-)
Salbra 1 anno fa su tio
Quindi ora per precauzione....niente più acquisti di riso...polenta..ecc ecc. ! Bella pubblicità per un borgo così rinomato come Ascona ! Complimenti....questa volta sarà un po' difficile insabbiare il tutto !!! Anche se la ditta vende sabbia.....
streciadalbüter 1 anno fa su tio
Sig. Realini,sottoscrivo pienamente.
Max Realini 1 anno fa su fb
Vanno messi in galera e devono mangiare cio' che hanno inquinato
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-01 18:51:16 | 91.208.130.87