Tipress
La prima antenna 5G posata a Locarno.
LOCARNO
10.07.2019 - 09:090

«Il Festival si dissoci dal 5G»

Il gruppo Stop 5G della Svizzera Italiana ha scritto una lettera aperta al presidente della manifestazione Marco Solari e al sindaco di Locarno Alan Scherrer

LOCARNO - «Invitiamo il Festival del Film di Locarno a dissociarsi dalla procedura contaminante e anti-democratica in atto con il 5G. La settima arte deve rimanere pura». Non usa giri di parole il gruppo Stop 5G della Svizzera Italiana che in una lettera aperta indirizzata al presidente della manifestazione Marco Solari e al sindaco della città Alan Scherrer esprime tutto il proprio sconcerto su questa tecnologia. 

La prima antenna di telefonia mobile di quinta generazione, ricordiamo, era stata posata a fine maggio proprio a Locarno. «La potenza della tecnologia sta diventando una pre-potenza di fatto, ma non deve diventare di diritto. Tutto ciò che si può fare non è lecito fare. C’è un punto di non ritorno che non va superato. Ciò non significa impedire il progresso tecnologico, ma ravvisarne le insidie»,  incalza il gruppo nella missiva.

Per la nuova tecnologia, infatti, non esiste ancora alcuna letteratura scientifica e gli effetti che ha sulla salute rimangono nebulosi: «Per questo motivo da più nazioni le richieste di moratoria per il 5G sono in aumento e anche in Svizzera alcuni cantoni e numerose città sono in allerta e si appellano al principio di precauzione».

Cosa che invece non è successa sulle rive del Verbano: «Locarno esulta», scrive il gruppo. «Habemus il 5G per il Festival del Film, ossia un esperimento in vivo sui cinefili, ma soprattutto sui cittadini, che tutto l’anno si trasformano in cavie umane per il profitto dell’industria, del capitale, degli apparati militari, delle lobby».

La lettera aperta si conclude con un appello alla prudenza da parte della politica: «Spegnete per favore il 5G con un click. Eventulmente riaccendetelo, qualora risultasse inoffensivo sulla base della ricerca scientifica».

Commenti
 
Mag 3 mesi fa su tio
In Ticino abbiamo la soluzione al 5G: provare per credere: noseda.net
sedelin 3 mesi fa su tio
@Mag ;-)
Equalizer 3 mesi fa su tio
Queste storie sul 5G mi fan proprio ca.... tutti a fare gli scienziati salutisti, poi a casa mangiano tutte le troiate del globo che per la salute sono 100 volte peggio di quello contro cui stanno "guerreggiando". E non dimentichiamo che noi abbiamo i limiti più stretti di tutta l'Europa, quindi ragazzi mi raccomando, niente vacanze fuori dal paese quest'anno.
Sir Stanley 3 mesi fa su tio
@Equalizer Ma cosa ne sai di cosa mangiano a casa quelli che definisci scienziati salutisti? Ti rendi conto dell'arroganza, della presunzione e della scorrettezza nell'imputare a persone comportamenti irrazionali per partito preso e senza uno straccio di prova? Sei ai "livelli" di vulpus, volpe di nome ma probabilmente non di fatto, che più sotto afferma che i contrari al 5 G sono i primi a fregarsi le mani per gli incassi della confederazione in relazione alle concessioni di telefonia. Fornisca un riscontro almeno, li ha filmati? O se l'è inventata di sana pianta come sembrerebbe? Che persona ridicola. E tu sei stato nelle case di tutti i contrari al 5G all'ora di cena a fare un censimento su cosa mangiano? Data la mancanza di argomenti per contrastare chi invoca il principio di precauzione è in voga la becera tendenza ad argomentare non tanto sulla questione, ma sulla presunta incoerenza di chi ha una visione contraria a voi fascistoidi. Questa è disinformazione e terrorismo, casomai, e non nel senso inteso da matteo 2006...
curzio 3 mesi fa su tio
Durante il festival del film di Locarno vengono emesse radiazioni tra 430 e i 770 THz (TERAhertz!!! un tera = 1000 giga!!!!) con potenze di decine di kilowatt e nessuno dice niente! È da irresponsabili esporre il pubblico a simili frequenze e tali potenze!
Meno 3 mesi fa su tio
@curzio Ma appunto, tanti parlano senza cognizione di causa, il wireless che quasi tutti hanno a casa ha una potenza enormemente maggiore rispetto al 4G e anche 5G... ci stiamo tirando la zappa sui piedi.
vulpus 3 mesi fa su tio
Durante la settimana scorsa , non è passato giorno che sui giornali mancasse la presa di posizione da parte di qualche specialista. Tutti convinti delle loro conclusioni, sicuramente leccite, e documentate. Chi continua a dire spegnete, spegnete, spegnete... ,continuerà a dirlo anche se ci fossero 10 studi che affermano che non ha effetti collaterali. A Locarno c'è quella ufficiale, accesa, e chidere al FILM FESTIVAL di prendere una posizione è azzardato e fuori luogo. Il Festival fa cultura cinematografica e non ha alcun mezzo e competenza per chiedere una azione che non è di sua conoscenza e competenza. Tanti di quelli che oggi chiedono di spegnere sono quelli che quando hanno visto l'incasso della confederazione per le concessioni si sono fregati le mani. Oggi in Ticino c'è una selva di modine , con un ciuffo rosso sulla cima, per progetti di antenne da istallare. Nessuno farà una mossa personale per fare una opposizione a queste domande di costruzione: continueranno a pretendere che siano gli altri. Se però la comunicazione cade , sono i primi a ragliare.
matteo2006 3 mesi fa su tio
Smettiamolo di fare disinformazione e terrorismo!
Ecthelion 3 mesi fa su tio
Secondo me questa gente dovrebbe darsi all'ippica, o al giardinaggio, ma di sicuro non a cose di cui evidentemente non capiscono nulla.
KilBill65 3 mesi fa su tio
Secondo me, quando il tutto sara' chiarito forse si potra' discutere sul 5G.....Per adesso limitiamoci a vedere cosa succede…..Poi si vedra'!!!......
Meno 3 mesi fa su tio
@KilBill65 Cosa vuol dire quando tutto sarà chiarito? Le ricerche in questi anni potrebbero durare anni o decenni per controllare gli effetti sul uomo, quindi se vuoi passare al 5G quando il resto del mondo sarà arrivato al 10G (tanto per far capire..). Se in passato si fosse agito in questo modo, permettendo l'uso di una tecnologia solo dopo decenni di studi sulle conseguenze della tecnologia saremmo ancora nel rinascimento se non medioevo a livello tecnologico.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-18 01:48:52 | 91.208.130.86