CHIASSO
06.02.2018 - 16:570
Aggiornamento 22:02

Ipus e Unipolisi, due arresti a dicembre

Lo ha reso noto oggi la Procura, a seguito delle notizie trapelate sui media

CHIASSO - Il Ministero Pubblico ticinese fa chiarezza sul caso Ipus-Disentis. A seguito delle notizie apparse oggi sui media - anche Tio.ch ha ripreso le testimonianze di ragazzi italiani truffati, iscritti alle facoltà di fisioterapia e scienze infermieristiche -, la Procura ha reso noto di avere aperto un procedimento nei confronti di «diverse persone». Due ex dirigenti della discussa Unipolisi, in particolare, sono stati arrestati a dicembre 2017.

I due, precisa una nota, erano già stati oggetto di un procedimento penale in passato per avere gestito a Chiasso un'altra struttura para-universitaria, la Ipus. Nei loro confronti si ipotizzano i reati di appropriazione indebita, truffa e amministrazione infedele aggravata, sub. semplice.

L'inchiesta è condotta dalla Procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti.  

6 mesi fa Da Milano ai Grigioni per studiare Fisioterapia, truffati
9 mesi fa La Ipus «non è mai stata un ateneo»
3 anni fa La Ipus si difende: "Mai fatto pubblicità ingannevole"
2 anni fa «Siamo sommersi da telefonate di genitori preoccupati»
Tags
unipolisi
ipus
dicembre
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-08-15 04:53:13 | 91.208.130.87