Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
33 min
«Chi serve al bar non deve alzare il gomito»
Finisce in questi giorni la campagna di prevenzione sull'alcolismo nella ristorazione: «Zero per mille sul lavoro».
SVIZZERA
34 min
I nuovi contagi in Svizzera sono 8'616
Ben il 28% dei 30'772 tamponi effettuati è risultato positivo
NEUCHÂTEL
47 min
"Requisiti" dalle cliniche private per aiutare in ospedale
Il Consiglio di Stato vuole garantire la sicurezza dei pazienti. Per liberare letti, intende sfruttare le case anziani
BASILEA
1 ora
Sul Reno scorrono meno soldi
I volumi delle merci trasportate da Basilea verso nord sono... affondati. Colpa del Covid
SVIZZERA
1 ora
«La SECO ha torto sulle piccole e medie imprese»
Secondo Fabio Regazzi, prossimo presidente dell'USAM, il futuro di molte PMI è a forte rischio a causa della pandemia.
SVIZZERA
1 ora
Un altro passo verso il trasporto merci sotterraneo
Il Governo ha licenziato oggi il disegno di legge per la realizzazione di una "metropolitana" sotto l'Altopiano.
SVIZZERA
2 ore
«Senza mascherina? Una multa da 250 franchi»
È la proposta avanzata dalla Conferenza dei procuratori svizzeri. «Occorre armonizzare le sanzioni a livello federale»
SVIZZERA
2 ore
La maggiore trasparenza fiscale non piace
L'iniziativa è del canton Berna, affinché anche i beni patrimoniali finora non dichiarati vengano tassati
SVIZZERA
2 ore
Paura del contagio e stop agli acquisti: è "lockdown volontario"
Sempre meno persone in negozi e ristoranti. Si compra cibo, soprattutto pasta e riso. Non manca la carta igienica
SVIZZERA
2 ore
Stop a (quasi) tutti i corsi rip
Vengono svolti solo quelli per un servizio d'appoggio nel quadro della pandemia e quelli in preparazioni di eventi
SVIZZERA
3 ore
Il sostegno di Novartis al trattamento anti-coronavirus di Molecular Partners
Doppio investimento, in contanti e azioni, per il colosso renano
SVIZZERA
5 ore
Lontani dal fisco e dal freddo ecco i paradisi dei pensionati
Quali sono le mete fiscalmente allettanti per trascorrere la vecchiaia? Ecco dove conviene andare per il "buen retiro"
VIDEO
SVIZZERA
13 ore
Quando l'educazione viene impartita (anche) con la violenza
Le punizioni corporali e psicologiche fanno purtroppo parte della quotidianità di alcune famiglie
SVIZZERA
16 ore
Scarpe di King Roger in tv: fu pubblicità occulta
Il caso risale allo scorso luglio, durante la trasmissione "Sportpanorama Plus" della SRF
ZURIGO
17 ore
Al Telefono amico il "Prix courage Lifetime Award"
Il premio è stato consegnato per celebrare gli oltre 60 anni di aiuto telefonico.
SCIAFFUSA
17 ore
Rissa presso un distributore, grave un 64enne
L'uomo è rimasto ferito durante una colluttazione con un 34enne
SVIZZERA
03.12.2018 - 20:100

Preventivo 2019, i senatori vogliono 98 milioni in più per la formazione

Dagli Stati il dossier ritorna al Nazionale per appianare le divergenze che ancora oppongono i due rami del Parlamento

BERNA - Dopo il Consiglio nazionale la settimana scorsa, è toccato oggi agli Stati discutere del preventivo 2019 della Confederazione. Alla fine dei dibattiti, la Camera dei cantoni ha approvato un aumento di 98,1 milioni di franchi nel budget per la formazione e la ricerca. Il dossier ritorna tuttavia a quella del popolo per appianare le divergenze che ancora oppongono i due rami del Parlamento.

Giovedì scorso, quella del popolo aveva deciso di sostenere maggiormente politecnici, università, istituti di ricerca e formazione professionale, attribuendo a queste voci complessivamente 115 milioni supplementari rispetto al progetto governativo. I "senatori" hanno oggi seguito il principio del Nazionale, ma alla fine hanno votato un'aggiunta inferiore di 16,9 milioni.

Dai ranghi borghesi, alcune voci si sono alzate, come quella di Werner Hösli (UDC/GL), per criticare una politica di aiuti a innaffiatoio in questo settore. Il ministro delle finanze Ueli Maurer ha dal canto suo avvertito che l'anno prossimo si dovrà dar prova di minor generosità poiché la situazione budgetaria si aggraverà.

Divergenze - Contrariamente alla Camera del popolo, i "senatori" non hanno attribuito 560'600 franchi in più all'Istituto universitario federale per la formazione professionale, né 3 milioni supplementari agli istituti di ricerca d'importanza nazionale. La seconda decisione è stata presa con 23 voti contro 18.

Gli Stati si sono mostrati un po' meno generosi anche per quanto riguarda le indennità forfettarie e la formazione professionale superiore, liberando 18 milioni supplementari, contro i 31,5 milioni decisi dal Nazionale in prima lettura. I "senatori" hanno invece accettato un aumento delle spese di 193'500 franchi per la formazione continua, che la Camera del popolo aveva respinto di misura.

Ciclismo, museo e tribunale - Su altri crediti supplementari, i due rami del Parlamento si sono già messi d'accordo. Seguendo il Nazionale, anche i "senatori" hanno oggi deciso di attribuire un credito supplementare di 3 milioni in favore dell'Ufficio federale dello sport in vista dei mondiali di ciclismo su strada di Martigny (VS) e Aigle (VD) del 2020 e si sono pronunciati a favore di 530'000 franchi supplementari per il Museo alpino di Berna.

Come il Nazionale, anche gli Stati hanno inoltre aumentato di 1 milione di franchi il budget destinato al Tribunale penale federale per permettere la creazione di una nuova corte d'appello.

Guardie di confine - Più combattuta è stata invece la discussione concernente il credito supplementare destinato al Corpo delle guardie di confine. Alla fine, con 21 voti contro 20 e 1 astenuto, i "senatori" hanno seguito la Camera del popolo approvando un'aggiunta di 2,8 milioni di franchi nel Dipartimento federale delle finanze al fine di creare di 44 posti supplementari.

Questo credito, che dovrebbe essere compensato in spese per il personale in altri dipartimenti, era combattuto agli Stati da una minoranza trasversale composta da Werner Hösli (UDC/GL), Peter Hegglin (PPD/ZG) e Christian Levrat (PS/FR). Il democentrista glaronese ha dichiarato invano che «la situazione migratoria alle frontiere è sotto controllo». A suo avviso, occorrerebbe puntare invece sulla digitalizzazione delle dogane e una ridistribuzione dei compiti.

No a tagli in beni e servizi - I "senatori" si sono inoltre pronunciati diversamente dal Nazionale in altri ambiti. Si sono in particolare rifiutati di accordare 546'300 franchi in più all'Ufficio federale dell'agricoltura e di tagliare 19 milioni di franchi nelle voci «Spese per beni e servizi» e 45 milioni nell'«Aiuto sociale per il settore dell'asilo».

Secondo Hannes Germann (UDC/SH), il Nazionale ha operato quest'ultimo taglio basandosi sulle recenti stime che prevedono una diminuzione delle domande d'asilo. Ma, a suo avviso, «si tratterebbe soltanto di un risparmio di facciata».

La Camera dei cantoni, a differenza del Nazionale, non ha neppure voluto tagliare 1,4 milioni nelle spese di funzionamento dell'Ufficio federale della sanità pubblica, per evitare presunti sperperi nelle consulenze esterne. "No" anche a un taglio di 2 milioni nel Controllo federale delle finanze e a un altro di 1,6 milioni nel nuovo Ufficio federale del servizio civile.

Eccedenza di 1,158 miliardi - Come per ogni sessione invernale, i due rami del Parlamento devono votare il preventivo della Confederazione. Il budget 2019 approvato dal Consiglio federale attesta entrate pari a 73,556 miliardi di franchi e uscite per 72,296 miliardi, con un'eccedenza di 1,260 miliardi. Tale avanzo è dovuto a maggiori introiti fiscali, ma anche alla bocciatura della previdenza vecchiaia 2020 e della terza riforma della fiscalità delle imprese, che ha generato minori uscite, ha spiegato Ueli Maurer.

Al termine dei dibattiti alla Camera del popolo, le spese erano aumentate di 51 milioni di franchi rispetto al progetto governativo, attestandosi a 72,347 miliardi per un'eccedenza di 1,209 miliardi. Parecchie decisioni erano però state prese di misura. Oggi gli Stati hanno accresciuto il budget di 102,6 milioni di franchi rispetto alla versione del Governo (uscite per 72,398 miliardi ed eccedenza di 1,158 miliardi). Sia il disegno governativo che gli aumenti proposti rispettano le esigenze del freno alle spese.

Aggiunta al preventivo 2018 - La Camera dei cantoni si è infine occupata della seconda aggiunta al preventivo 2018 della Confederazione, approvandola all'unanimità. Si tratta di 14 crediti aggiuntivi per complessivi 47,5 milioni di franchi.

Di questi, 15 milioni sono destinati alle prestazioni complementari dell'AI. Ulteriori aggiunte riguardano i contributi a favore dei Cantoni per la rivitalizzazione di corsi d'acqua (10,9 milioni) e i costi per il nuovo centro federale per richiedenti l'asilo di Boudry (4,5 milioni).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-28 12:38:44 | 91.208.130.89