Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
34 min
Quante armi sequestrate: la popolazione vuole sentirsi più sicura?
Tra i motivi principali, le maggiori importazioni di armi vietate, ma non solo
SVIZZERA
2 ore
«C'è in ballo il nostro spazio aereo»
Tra poco più di un mese Viola Amherd sarà confrontata con la sua prima importante votazione.
SVIZZERA / BELGIO
4 ore
Il Belgio colora d'arancione tre Cantoni
A chi ritorna da queste regioni, Bruxelles raccomanda una quarantena o un test. E maggior vigilanza.
SVIZZERA
5 ore
Canicola: la prevenzione funziona
Dati alla mano, le campagne di sensibilizzazione effettuate dall'UFSP hanno ridotto la mortalità.
SVIZZERA
5 ore
Il ricercatore Konrad Steffen è morto durante una spedizione
Era direttore dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio.
SAN GALLO
7 ore
Lupi sbranano pecore sull'Alpe Gafarra
Negli scorsi giorni 19 ovini sono stati feriti o uccisi.
GINEVRA
8 ore
Un morto e un disperso ieri nel Rodano
Una donna che galleggiava sull'acqua completamente vestita è stata ripescata ancora in vita
SVIZZERA
8 ore
Encefalite da zecche: il 2020 va verso il record
A fine luglio si registravano 332 casi, il numero di casi più elevato dal 2000
ZUGO
8 ore
Per Zugo i grandi eventi s'han da fare
Il Consiglio di Stato chiede che le manifestazioni con oltre mille persone siano nuovamente consentite.
ZURIGO
8 ore
Tre corpi senza vita dentro a un'auto: una madre con le sue figlie gemelle
Sono state rinvenute in un bosco a Uitikon questa mattina. La donna una 30enne tedesca, le piccole avevano 4 anni
FOTO
ZURIGO
9 ore
Allo Zoo di Zurigo è nato un koalino
Il piccolo, che si nasconde ancora nel marsupio della madre, è venuto al mondo quattro mesi fa
SVIZZERA
9 ore
«L'apertura delle scuole sembra un tappeto patchwork»
I direttori delle scuole germanofone, per bocca di Thoms Minder, criticano il mancato coordinamento fra i vari cantoni.
SVIZZERA
9 ore
«Il Governo è favorevole al congedo di paternità»
Lo ha detto il consigliere federale Alain Berset. La Confederazione raccomanda quindi di accogliere il progetto
ARGOVIA
11 ore
Strage di Rupperswil, poliziotto nei guai
Un agente condannato per avere trasmesso informazioni confidenziali ai famigliari delle vittime
SVIZZERA
11 ore
Covid, 105 contagi in Svizzera
Positivi al test in frenata domenica. Nessun decesso. I numeri dell'Ufficio federale della salute pubblica
SVIZZERA
11 ore
Il Covid ha dimezzato le domande d'asilo
In Svizzera meno 60 per cento rispetto a un anno fa
SVIZZERA
03.12.2018 - 20:100

Preventivo 2019, i senatori vogliono 98 milioni in più per la formazione

Dagli Stati il dossier ritorna al Nazionale per appianare le divergenze che ancora oppongono i due rami del Parlamento

BERNA - Dopo il Consiglio nazionale la settimana scorsa, è toccato oggi agli Stati discutere del preventivo 2019 della Confederazione. Alla fine dei dibattiti, la Camera dei cantoni ha approvato un aumento di 98,1 milioni di franchi nel budget per la formazione e la ricerca. Il dossier ritorna tuttavia a quella del popolo per appianare le divergenze che ancora oppongono i due rami del Parlamento.

Giovedì scorso, quella del popolo aveva deciso di sostenere maggiormente politecnici, università, istituti di ricerca e formazione professionale, attribuendo a queste voci complessivamente 115 milioni supplementari rispetto al progetto governativo. I "senatori" hanno oggi seguito il principio del Nazionale, ma alla fine hanno votato un'aggiunta inferiore di 16,9 milioni.

Dai ranghi borghesi, alcune voci si sono alzate, come quella di Werner Hösli (UDC/GL), per criticare una politica di aiuti a innaffiatoio in questo settore. Il ministro delle finanze Ueli Maurer ha dal canto suo avvertito che l'anno prossimo si dovrà dar prova di minor generosità poiché la situazione budgetaria si aggraverà.

Divergenze - Contrariamente alla Camera del popolo, i "senatori" non hanno attribuito 560'600 franchi in più all'Istituto universitario federale per la formazione professionale, né 3 milioni supplementari agli istituti di ricerca d'importanza nazionale. La seconda decisione è stata presa con 23 voti contro 18.

Gli Stati si sono mostrati un po' meno generosi anche per quanto riguarda le indennità forfettarie e la formazione professionale superiore, liberando 18 milioni supplementari, contro i 31,5 milioni decisi dal Nazionale in prima lettura. I "senatori" hanno invece accettato un aumento delle spese di 193'500 franchi per la formazione continua, che la Camera del popolo aveva respinto di misura.

Ciclismo, museo e tribunale - Su altri crediti supplementari, i due rami del Parlamento si sono già messi d'accordo. Seguendo il Nazionale, anche i "senatori" hanno oggi deciso di attribuire un credito supplementare di 3 milioni in favore dell'Ufficio federale dello sport in vista dei mondiali di ciclismo su strada di Martigny (VS) e Aigle (VD) del 2020 e si sono pronunciati a favore di 530'000 franchi supplementari per il Museo alpino di Berna.

Come il Nazionale, anche gli Stati hanno inoltre aumentato di 1 milione di franchi il budget destinato al Tribunale penale federale per permettere la creazione di una nuova corte d'appello.

Guardie di confine - Più combattuta è stata invece la discussione concernente il credito supplementare destinato al Corpo delle guardie di confine. Alla fine, con 21 voti contro 20 e 1 astenuto, i "senatori" hanno seguito la Camera del popolo approvando un'aggiunta di 2,8 milioni di franchi nel Dipartimento federale delle finanze al fine di creare di 44 posti supplementari.

Questo credito, che dovrebbe essere compensato in spese per il personale in altri dipartimenti, era combattuto agli Stati da una minoranza trasversale composta da Werner Hösli (UDC/GL), Peter Hegglin (PPD/ZG) e Christian Levrat (PS/FR). Il democentrista glaronese ha dichiarato invano che «la situazione migratoria alle frontiere è sotto controllo». A suo avviso, occorrerebbe puntare invece sulla digitalizzazione delle dogane e una ridistribuzione dei compiti.

No a tagli in beni e servizi - I "senatori" si sono inoltre pronunciati diversamente dal Nazionale in altri ambiti. Si sono in particolare rifiutati di accordare 546'300 franchi in più all'Ufficio federale dell'agricoltura e di tagliare 19 milioni di franchi nelle voci «Spese per beni e servizi» e 45 milioni nell'«Aiuto sociale per il settore dell'asilo».

Secondo Hannes Germann (UDC/SH), il Nazionale ha operato quest'ultimo taglio basandosi sulle recenti stime che prevedono una diminuzione delle domande d'asilo. Ma, a suo avviso, «si tratterebbe soltanto di un risparmio di facciata».

La Camera dei cantoni, a differenza del Nazionale, non ha neppure voluto tagliare 1,4 milioni nelle spese di funzionamento dell'Ufficio federale della sanità pubblica, per evitare presunti sperperi nelle consulenze esterne. "No" anche a un taglio di 2 milioni nel Controllo federale delle finanze e a un altro di 1,6 milioni nel nuovo Ufficio federale del servizio civile.

Eccedenza di 1,158 miliardi - Come per ogni sessione invernale, i due rami del Parlamento devono votare il preventivo della Confederazione. Il budget 2019 approvato dal Consiglio federale attesta entrate pari a 73,556 miliardi di franchi e uscite per 72,296 miliardi, con un'eccedenza di 1,260 miliardi. Tale avanzo è dovuto a maggiori introiti fiscali, ma anche alla bocciatura della previdenza vecchiaia 2020 e della terza riforma della fiscalità delle imprese, che ha generato minori uscite, ha spiegato Ueli Maurer.

Al termine dei dibattiti alla Camera del popolo, le spese erano aumentate di 51 milioni di franchi rispetto al progetto governativo, attestandosi a 72,347 miliardi per un'eccedenza di 1,209 miliardi. Parecchie decisioni erano però state prese di misura. Oggi gli Stati hanno accresciuto il budget di 102,6 milioni di franchi rispetto alla versione del Governo (uscite per 72,398 miliardi ed eccedenza di 1,158 miliardi). Sia il disegno governativo che gli aumenti proposti rispettano le esigenze del freno alle spese.

Aggiunta al preventivo 2018 - La Camera dei cantoni si è infine occupata della seconda aggiunta al preventivo 2018 della Confederazione, approvandola all'unanimità. Si tratta di 14 crediti aggiuntivi per complessivi 47,5 milioni di franchi.

Di questi, 15 milioni sono destinati alle prestazioni complementari dell'AI. Ulteriori aggiunte riguardano i contributi a favore dei Cantoni per la rivitalizzazione di corsi d'acqua (10,9 milioni) e i costi per il nuovo centro federale per richiedenti l'asilo di Boudry (4,5 milioni).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 00:00:09 | 91.208.130.87