tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Ginevra
7 ore
Covid, dopo i vaccini si punta ai rimedi da banco
Alcuni sono già raccomandati, altri in fase avanzata, mentre altri ancora sono già stati scartati
SVIZZERA
9 ore
Tonnellate di CO2 in meno... solo allungando la vita dei prodotti
Ha luogo oggi la seconda edizione del Secondhand Day, per sensibilizzare gli svizzeri sui propri consumi
ZURIGO
9 ore
«Non siamo no-vax, siamo contro le restrizioni»
Ha avuto luogo oggi pomeriggio una manifestazione autorizzata contro le misure anti Covid
Svitto
9 ore
Un contadino muore sotto il suo mezzo agricolo
Il veicolo si è capovolto mentre raccoglieva l'erba tagliata
TURGOVIA
10 ore
I cavolfiori finiscono sui binari
Un curioso incidente ha interrotto la linea ferroviaria tra Wil e Weinfelden, oggi pomeriggio
SVIZZERA
13 ore
Gratis o no: altre due settimane di litigi
Il governo ha rimandato al 10 ottobre la decisione. I partiti e la popolazione sono spaccati
SVIZZERA
15 ore
È esplosa la corsa ai test
La richiesta è raddoppiata con l'obbligo del certificato Covid. E il governo teme che non si arresterà
Lucerna
15 ore
Schianto frontale in moto, grave una 17enne
La collisione ha coinvolto altri due motociclisti che si trovavano sulla strada
SVIZZERA
17 ore
Oggi gratis, domani a 75 franchi?
Il test antigenico potrebbe diventare a pagamento dall'11 ottobre. Gli addetti ai lavori speculano sui possibili prezzi
ZURIGO
17 ore
Al rettore non piace il certificato
All'università di Zurigo l'accesso è vietato agli studenti senza pass. «Una scelta dolorosa» per Michael Schaepman
SVIZZERA
19 ore
Test in regalo da Maurer
Antigenici gratuiti fino alla revoca del certificato Covid: questa sarebbe la posizione del ministro UDC
SVIZZERA
1 gior
«Se la consegna avviene in ritardo, ci tagliano lo stipendio»
Il delivery va forte, soprattutto con la pandemia. Ma un corriere Smood vuota il sacco: «Pessime condizioni di lavoro»
SVIZZERA / FRANCIA
1 gior
Omicidio di una prostituta a Sullens, condanna aumentata a 30 anni
Il killer è un ex lavoratore frontaliere francese
SVIZZERA
1 gior
Certificati internazionali per i vaccinati, il plauso di HotellerieSuisse
L'associazione chiede che si prosegua con la politica dei test gratuiti
SVIZZERA
1 gior
Un documento falso per aggirare l'obbligo di certificato Covid
Al momento su Telegram c'è un florido mercato di attestati falsi. Ma chi viene scoperto, è punibile
SVIZZERA
1 gior
In piazza per la giustizia climatica anche in Svizzera
Migliaia di giovani hanno partecipato alle manifestazioni di Fridays For Future
ZUGO
1 gior
Rifiuti in fiamme a causa delle batterie ricaricabili
L'incendio si è verificato a bordo di un camion della spazzatura a Zugo
BERNA
1 gior
Cade da una parete rocciosa del Loucherhorn e muore
La polizia ritiene che si tratti di un uomo dato per disperso qualche giorno prima. L'identificazione è in corso.
TURGOVIA
1 gior
Erwin Kessler è morto
L'animalista turgoviese è deceduto giovedì sera nella sua casa di Tuttwil.
SVIZZERA
1 gior
Vaccinazione: 10 milioni di dosi, 7'571 casi con effetti collaterali
Swissmedic ribadisce che le notifiche sinora analizzate non incidono sul profilo rischi-benefici positivo dei preparati
SVIZZERA
1 gior
Test Covid: esito negativo per molti
Chi chiedeva tamponi gratuiti per tutti è rimasto deluso, ma anche chi li voleva a pagamento non è soddisfatto.
SVIZZERA
1 gior
Covid Pass per accedere a Palazzo federale
Si tratta di una «misura proporzionata», secondo il Consiglio federale
SVIZZERA
1 gior
Insegnante di musica e al contempo terapista sessuale, si può fare
Il tribunale amministrativo ha giudicato abusivo il licenziamento di un'insegnante della scuola dell'obbligo zurighese.
SVIZZERA
1 gior
Paesi a rischio, anche Albania e Serbia sulla lista nera
Dentro anche Armenia, Azerbaigian, Brunei e Giappone. Fuori invece l'Uruguay.
SVIZZERA
1 gior
Test gratuiti solo per chi attende la seconda dose
Questa è la proposta emersa dall'odierna seduta di Consiglio federale che verrà ora messa in consultazione.
SVIZZERA
1 gior
Coronavirus in Svizzera: altri 1'502 contagi e quindici decessi in ventiquattro ore
Per 59 persone si è reso necessario un ricovero. Nelle cure intense il 23,9% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
1 gior
Lotteria pro vaccino, 33enne premiata con diecimila franchi
Olivia, una 33enne zurighese, si è portata a casa una vincita di 10mila franchi.
SVIZZERA / CANTONE
1 gior
Donne incinte assalite dai dubbi: «Vaccino sì o no?»
Berna consiglia il vaccino a tutte le donne in dolce attesa a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza.
SVIZZERA
1 gior
Attacchi da snowboard a rischio di caduta
L'Ufficio prevenzione infortuni richiama un prodotto della K2
SVIZZERA
1 gior
Ecco le novità sull'IVA
Il Consiglio federale ha approvato oggi il messaggio per la modifica della relativa legge
SVIZZERA
1 gior
Preventivo 2022 della Confederazione, nuove spese per 1,6 miliardi
Si tratta di un importo necessario per fare fronte alla pandemia e sostenere la ripresa economica
SVIZZERA
1 gior
È tutto pronto per l'accordo commerciale con l'Indonesia
Lo scorso 7 marzo era stato accettato dal 51,7% dei cittadini. Entrerà in vigore il prossimo 1. novembre
ZURIGO
1 gior
Violento frontale, in gravi condizioni entrambi i conducenti
Per motivi ancora da chiarire, il giovane ha invaso la corsia opposta.
FOTO
BERNA
1 gior
Ad Aegerten è spuntata un'anfora di duemila anni
La scoperta risale alla scorsa primavera. Il contenitore era impiegato per il trasporto di olio d'oliva
ZURIGO
1 gior
Certificato Covid, qui anche per tagliarsi i capelli
«Lavoriamo talmente vicino al cliente che un'eccezione non ha senso», così il gerente del salone, Pedro Sanchez.
BERNA
24.02.2021 - 19:140

Riaperture, ecco ciò che devi sapere

Il Consiglio federale ha deciso una riapertura graduale. Ripartono negozi, musei e impianti sportivi all’aperto.

In 29 punti le risposte alle domande più frequenti sui cambiamenti dal primo marzo.

BERNA - Nelle ultime settimane il numero delle nuove infezioni è ulteriormente calato. L’andamento dell’epidemia rimane tuttavia incerto a causa delle nuove varianti del virus. Il Consiglio federale ha così deciso per una riapertura prudente e graduale per ridare un po’ più di spazio alla vita sociale ed economica e al tempo stesso prevenire una terza ondata.

In una prima fase sono di nuovo ammesse soltanto le attività con un basso rischio di contagio. Dal 1° marzo possono riaprire i negozi, i musei e le sale di lettura delle biblioteche, le aree esterne di giardini zoologici e botanici nonché gli impianti sportivi e per il tempo libero all’aperto. Sono di nuovo consentite anche le manifestazioni private all’aria aperta con fino a 15 persone. Inoltre i giovani sotto i 20 anni (nati nel 2001 o dopo) possono riprendere a praticare la maggior parte delle attività sportive e culturali.

Altri provvedimenti adottati a livello nazionale il 18 dicembre 2020 e il 13 gennaio 2021 sono prorogati di un mese fino alla fine di marzo 2021.

Ecco in 29 punti le risposte alle domande più frequenti sui cambiamenti dal primo marzo:

Negozi e acquisti

1. Dal 1° marzo possono riaprire i negozi. Sono previste deroghe?

Possono riaprire tutti i negozi, compresi quelli che vendono prodotti non di uso quotidiano. A tutti i negozi e i centri commerciali si applicano però limitazioni della capienza e l’obbligo di portare la mascherina. Nei centri commerciali, il numero complessivo di persone presenti non può eccedere la somma del numero di clienti consentito nei singoli negozi.

 

Musei e biblioteche

2. Come studente posso usufruire della biblioteca dell’università?

Le sale di lettura delle biblioteche universitarie e degli archivi possono riaprire. Nelle sale di lettura è obbligatorio portare la mascherina anche ai tavoli. È inoltre ammesso un numero limitato di persone.

3. È possibile organizzare un vernissage o un piccolo ricevimento per inaugurare una nuova esposizione in un museo?

No. Dal 1° marzo i musei possono riaprire, ma le manifestazioni, tra cui anche i vernissage, non sono autorizzate.

4. Sono permesse visite guidate nei musei?

Le visite guidate nei musei sono considerate manifestazioni e non sono autorizzate.

 

Zoo, impianti per il tempo libero, sport

5. Sono riaperte le aree esterne degli zoo. Perché non il padiglione delle scimmie e il vivarium?

In questi luoghi è difficile mantenere le distanze, anche in caso di numero limitato di visitatori. Inoltre nei luoghi chiusi il rischio di contagio è molto più alto che all’aperto.

6. È possibile consumare cibi e bevande nei take-away dello zoo?

I take-away sono ammessi. Non possono però essere messi a disposizione posti a sedere, come in tutta la Svizzera.

7. Bisogna portare la mascherina sui campi da golf o di tennis all’aperto?

Durante le attività sportive all’aperto non è obbligatoria la mascherina se possono essere mantenute le distanze. Sono inoltre ammessi gruppi fino a 15 persone. Sono vietati contatti fisici e competizioni. Ciò vale per tutte le persone a partire dai 20 anni (nate nel 2000 o prima). I bambini e i giovani (nati nel 2001 o dopo) hanno invece maggiori possibilità nei settori dello sport e della cultura.

8. Come associazione possiamo riprendere gli allenamenti di calcio all’aperto?

Solo in parte. Gli allenamenti di squadra delle associazioni sportive non sono consentiti o lo sono solo in gruppi fino a 15 persone e senza contatto fisico. Le competizioni, compresi i tornei amatoriali, sono vietate.

9. Le aree esterne dei bagni termali e delle piscine possono riaprire. Nel nostro bagno termale per accedere alla vasca esterna bisogna però passare da quella interna. Dobbiamo restare chiusi?

È consentito passare dalla vasca interna per raggiungere quella esterna. Il resto della vasca interna non deve però essere accessibile e va sbarrato.

 

Incontri privati all’interno e all’esterno

10. Quante persone posso invitare a casa mia?

Come finora, alle manifestazioni private nella cerchia familiare o degli amici in luoghi chiusi possono partecipare fino a cinque persone, inclusi i bambini.

11. Possiamo organizzare una grigliata tra dieci amici?

Per gli incontri nella cerchia familiare o degli amici all’aperto sono ammesse fino a 15 persone, inclusi i bambini.

12. Stiamo pianificando una piccola festa dell’associazione nel parco, all’aperto, con al massimo 15 persone. È possibile?

No, gli eventi associativi e comunali non sono incontri spontanei e non rientrano nella regolamentazione speciale per le manifestazioni private (limitate alla famiglia e agli amici). Sono considerati manifestazioni e pertanto vietati. Lo stesso vale per altre organizzazioni del tempo libero, come eventi parrocchiali o di quartiere e altre attività associative.

13. Si avvicina la nostra assemblea generale annuale. Possiamo tenerla nel locale dell’associazione, con la mascherina e il distanziamento?

No. Gli incontri associativi, comprese le assemblee generali, sono considerati manifestazioni e restano vietati. Sono previste deroghe solo in singoli ambiti, come per le funzioni religiose (fino a 50 persone), i funerali o le manifestazioni politiche. Inoltre dal 1° marzo sono ammessi gli incontri, fino a 10 persone, di gruppi di autoaiuto attivi nei settori della lotta alle dipendenze e della salute psichica.

14. Sono consentite le prove di un gruppo di teatro o di una guggen nel bosco, all’aperto?

Sì, fino a 15 persone queste attività sono possibili, con la mascherina o il distanziamento. Non sono però autorizzate rappresentazioni teatrali in presenza di pubblico né visite guidate della città o concerti all’aperto – tutte queste attività sono considerate manifestazioni pubbliche e restano vietate.

15. È nuovamente permesso il canto?

Sì, tutti i bambini e i giovani nati nel 2001 e dopo possono cantare, fare prove e fare musica, senza però esibirsi in presenza di pubblico. Per gli adulti, il canto in comune in ambito non professionale al di fuori della cerchia familiare resta vietato.

 

Bambini e giovani

16. Cosa c’è di nuovo per i bambini e i giovani nati nel 2001 e dopo?

I bambini e i giovani fino al compimento dei 16 anni godevano già di qualche privilegio, ad esempio nello sport. Possono giocare a calcio o a unihockey all’interno e all’esterno, allenarsi su una palestra di roccia o fare le prove di danza jazz senza alcun limite massimo fisso di partecipanti. Dal 1° marzo questo margine di manovra è esteso ai giovani nati nel 2001 e dopo. Sono ammesse anche le competizioni, tuttavia senza pubblico.

17. Cosa significa 20 anni? Fa stato la data di nascita?

Il criterio determinante è l’anno di nascita. Le agevolazioni si applicano ai giovani nati nel 2001 e dopo. Chi è nato nel 2000 è considerato un adulto. Si tratta di una regola più semplice da applicare ed è anche legata al fatto che, in genere, nello sport gli juniores sono raggruppati in base all’anno di nascita.

18. Nella società di pallacanestro possiamo riprendere gli allenamenti e i campionati juniores?

Sì. Per i bambini e i giovani nati nel 2001 e dopo sono consentiti gli allenamenti e le competizioni, sia in luoghi chiusi sia in aree esterne. Ciò vale anche per gli sport di contatto come lo sport di combattimento. Agli allenamenti e alle competizioni non è ammesso il pubblico, neanche i genitori a bordo campo nel calcio o nell’hockey.

19. Che differenza c’è rispetto alle regole applicabili agli adulti?

Agli adulti nati nel 2000 e prima si applicano prescrizioni più severe. Possono praticare sport solo all’aperto (con la mascherina e il distanziamento) e senza contatto fisico. Gli sport con contatto fisico (p. es. il calcio, l’hockey, la pallacanestro e sport di contatto come lo sport di combattimento e il ballo di coppia) non sono ancora consentiti. Sono però possibili allenamenti individuali all’aperto o allenamenti della tecnica senza contatto fisico. Gli adulti possono inoltre praticare sport e allenarsi in gruppi solo fino a 15 persone (salvo in ambito professionale).

20. Sport di punta giovanile

Nello sport di punta giovanile sono previste agevolazioni anche per gli sportivi che non appartengono a una squadra nazionale o ai quadri nazionali di una federazione sportiva. Possono allenarsi gli atleti di punta in possesso di una Talent Card nazionale o regionale di Swiss Olympic. Attualmente sono circa 8000 le persone in possesso di una Talent Card regionale. Quasi la metà di esse ha più di 16 anni. La soluzione proposta consentirà quindi a quasi 4000 giovani tra i 16 e i 19 anni di proseguire la strada verso lo sport di punta. Dal punto di vista epidemiologico, questo aumento delle persone che praticano sport non rappresenta un pericolo; in tutti gli allenamenti si applicano i piani di protezione delle singole federazioni sportive.

 

Centri giovanili e cultura

21. Le band, le orchestre e i cori giovanili possono nuovamente provare assieme?

Le prove e i concerti (compresi i cori) sono consentiti ai giovani nati nel 2001 e dopo. Le esibizioni in presenza di pubblico restano per ora vietate, segnatamente per proteggere il pubblico. Le prove o le esibizioni possono però essere filmate e trasmesse online.

22. In primavera, l’orchestra giovanile svolge sempre un campo. È consentito nel 2021?

Sì. Per i giovani nati nel 2001 e dopo questi campi sono consentiti, ma occorre un apposito piano di protezione.

23. Possiamo incontrarci nuovamente con gli amici al centro giovanile?

I centri giovanili possono riaprire. Deve essere presente un esperto e vige l’obbligo della mascherina per tutti i giovani di più di 12 anni.

24. Posso organizzare la mia festa di compleanno al centro giovanile?

No. Le feste, le discoteche e i concerti non sono autorizzati. Non è permessa neanche la distribuzione di cibi e bevande.

25. Una grigliata tra amici (dai 14 ai 17 anni) all’aperto in riva al lago?

In questo caso si applicano le stesse regole per tutti: nei luoghi chiusi sono ammesse fino a cinque persone, all’aperto fino a 15 persone. Le agevolazioni per i bambini e i giovani fino a 20 anni riguardano solo lo sport, la cultura e le offerte di animazione giovanile, come i centri giovanili o gli scout.

26. Sono permessi gli eventi degli scout?

Le esercitazioni e le escursioni degli scout erano già permesse. Rientrano nel settore Gioventù+Sport. Anche qui, il 1° marzo il limite di età è innalzato a 20 anni.

 

Telelavoro

27. Perché resta in vigore l’obbligo del telelavoro?

I datori di lavoro devono disporre il telelavoro nei casi in cui, per la natura dell'attività, ciò è possibile e attuabile senza un onere sproporzionato. L’obiettivo è ridurre il numero dei contatti. Per ora l’obbligo è prorogato fino alla fine di marzo.

28. Se devo lavorare da casa, ricevo un’indennità per le spese?

No. Vista la durata limitata del provvedimento, i datori di lavoro non devono versare ai lavoratori alcuna indennità per le spese, per esempio per l’elettricità, l’affitto o simili. Devono però adottare provvedimenti tecnici ed organizzativi idonei per rendere possibile il telelavoro e attuabili senza un onere sproporzionato.

29. Se il telelavoro non è possibile per motivi aziendali, come sono protetti i lavoratori?

Per i casi in cui il telelavoro non è possibile o lo è soltanto in parte, sono necessarie ulteriori misure sul posto di lavoro: come finora, per garantire la protezione dei lavoratori, nei luoghi chiusi vige l’obbligo della mascherina se sono presenti più persone. Dato il rischio elevato di infezione, una maggiore distanza tra le postazioni di lavoro nello stesso locale non è più sufficiente.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 03:31:17 | 91.208.130.89