Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Koch: «Non c'è penuria di mascherine»
Al momento la Confederazione dispone di circa 17 milioni di maschere protettive
BERNA
1 ora
Berset: «Stiamo correndo una maratona, non i 100 metri»
«Gli esperti sostengono che il virus rimarrà. Dobbiamo ascoltarli. Occorre sviluppare un vaccino».
BERNA
2 ore
Stöckli: «La democrazia e lo stato di diritto non devono essere vittima del coronavirus»
«L'Assemblea federale non deve in alcun caso rinunciare all'obbligo costituzionale di vigilare sul Consiglio federale»
BERNA
10 ore
Uomo uccide l'ex figliastra con cui ha avuto quattro figli
A raccontarlo è la «sorellastra» della vittima: «Mio padre ha già due donne sulla coscienza».
ZURIGO
13 ore
Penuria di personale negli ospedali: c'è la piattaforma
Si chiama Care Now Platform e serve a dislocare i professionisti della sanità a seconda del bisogno.
BERNA
15 ore
Swisscom conferma: gli svizzeri si stanno muovendo meno
L'operatore raccoglie informazioni dalla rete mobile per la Confederazione. In Ticino paralisi evidente.
BERNA
16 ore
Mezzi pubblici fermi, se hai un abbonamento sarai rimborsato
Chi invece è in possesso del metà prezzo non riceverà nulla
BERNA
17 ore
La Posta dice stop ai pacchi ingombranti
Per l'invio di divani, mobili, biciclette sono necessarie più persone. Impossibile garantire il "distanziamento sociale"
SVIZZERA
18 ore
Forzava una donna a prostituirsi, va espulso
Per il Tribunale federale la condanna a 33 mesi di carcere della giustizia zurighese non è sufficiente
BERNA
18 ore
Avanti coi traslochi nonostante il coronavirus: «È assurdo»
All'ASI non va giù la contraddizione con le raccomandazioni generali. L'associazione segnala anche altri problemi.
BERNA
18 ore
Cala ancora il consumo di carne
È il quarto anno consecutivo. In testa alle preferenze degli svizzeri rimane il pollo.
OBVALDO
18 ore
Engelberg dal cuore d'oro
I soggiorni comprendono sei pernottamenti con colazione e numerose altre offerte a sorpresa.
SVIZZERA
19 ore
Aiuti alle PMI causa coronavirus: UBS subissata di richieste
Solo giovedì l'istituto di credito ha ricevuto circa 6mila domande di credito.
SVIZZERA
20 ore
Produciamo troppo all'estero, soprattutto in Cina
E la crisi coronavirus ha messo in risalto questa grande debolezza, secondo gli esperti sarebbe meglio un "rimpatrio"
BERNA
20 ore
Berna promuove il "caso Ticino". «Non andate in vacanza a sud»
I Cantoni possono adottare provvedimenti che vanno oltre quanto previsto dal Consiglio federale
SVIZZERA
21 ore
Quasi 200 decessi
L'Ufficio federale di sanità pubblica ha fornito un nuovo aggiornamento della situazione nel nostro Paese.
SVIZZERA
22 ore
Mascherine e guanti esenti da dazi
Si tratta di una misura per facilitare l'approvigionamento d'indumenti e materiale protettivi
BERNA
23 ore
Coronavirus, Flybair posticipa l'inizio dell'attività a luglio
Coloro che hanno già acquistato un biglietto verranno contattati dalla società
SVIZZERA
1 gior
Per la Posta è come sotto Natale
Gli invii di pacchetti sono cresciuti del 15%.
SVIZZERA
1 gior
Ecco la pagella del contagio
I risultati dell'ultimo barometro dell'umore di Comparis sull'emergenza coronavirus.
VALLESE
1 gior
Covid-19, oltre 200 multe in Vallese
La polizia cantonale vallesana comunica le cifre dei controlli effettuati
SVIZZERA
1 gior
Niente Olimpiadi né Europei, Credit Suisse prevede un calo dell'1% del Pil
Gli economisti hanno anche rivisto al rialzo la crescita per il 2021 al 2,5%
SVIZZERA
1 gior
LafargeHolcim ha annunciato il suo programma di riduzione dei costi
Meno investimenti e meno costi d'esercizio, è questa la ricetta del gruppo per far fronte alla crisi coronavirus
SVIZZERA
1 gior
Cure intense: «Letti pieni entro giovedì»
Secondo uno studio del Politecnico di Zurigo potrebbero servire 1000 posti supplementari
FRIBORGO
1 gior
Padre e figlio trovati morti in un alpeggio
La polizia ha trovato i corpi di due persone scomparse ieri dal loro domicilio vodese.
SVIZZERA
1 gior
Negli uffici postali i clienti sono diminuiti del 40%
Un calo dovuto alla pandemia di coronavirus. La Posta adatta quindi gli orari d'apertura
BERNA
1 gior
Sci nonostante il divieto: denunciati
Dei gestori di stazioni sciistiche hanno pensato al guadagno prima che alla salute collettiva.
BERNA
1 gior
Il Parlamento trasloca per il virus
La sessione di maggio si terrà negli spazi fieristici di Bernexpo, per «ragioni di sicurezza»
SVIZZERA
1 gior
«Non capiamo perché alcuni giovani muoiano»
La malattia ha ancora molti punti oscuri e gli esperti spesso non sono concordi
SVIZZERA
1 gior
Violenza domestica, ecco il kit di sopravvivenza
L'associazione männer.ch ha elaborato 10 raccomandazioni per evitare che la crisi sfoci in violenza
TURGOVIA
1 gior
Prezzi da usura, mascherine sequestrate
Un 37enne le rivendeva su internet a 100 franchi l'una. La polizia è intervenuta
BERNA
1 gior
Cresce la paura, calano i trasporti pubblici
Diminuito il numero di utenti e aumentate le restrizioni, le aziende che gestiscono treni e torpedoni si sono adattate.
BERNA
1 gior
Pulizie in casa, non infortunarti proprio ora
Ogni anno 39.000 infortuni domestici. "Evitate di finire in ospedale in questi giorni".
LOSANNA
1 gior
Ferita da una stretta di mano? Non è un incidente
La donna si era accasciata per il dolore al polso. Il Tribunale federale le dà torto. La Suva non paga
SVIZZERA
1 gior
«Non si tratta di sorveglianza»
Il punto sull'epidemia: il DFAE riporta a casa 3'500 svizzeri per il 4 aprile. L'esercito schiera nuove truppe sanitarie
SVIZZERA
1 gior
Coronavirus, crescono le imprese in difficoltà
Il fatturato delle aziende è crollato di circa il 20%, ma potrebbe raggiungere anche il 30% nei prossimi mesi
VAUD
20.02.2020 - 12:150

Mettere "like" agli insulti su Facebook è punibile

Lo ha stabilito il Tribunale federale confermando una sentenza emessa dal Tribunale cantonale di Zurigo

LOSANNA - Mettere "like" o condividere contenuti su Facebook può avere conseguenze penali se vi sono propositi diffamatori. Il Tribunale federale (TF) ha confermato in parte un giudizio concernente insulti rivolti ad un amante degli animali.

Nel 2018, il Tribunale cantonale di Zurigo ha condannato a una pena pecuniaria con la condizionale un uomo sulla quarantina per diffamazione ripetuta nei confronti dell'animalista Erwin Kessler. Mettendo "mi piace" e condividendo sulle pagine di altre persone, aveva sottoscritto le accuse di antisemitismo, fascismo e razzismo nei confronti di Kessler.

Nella sentenza pubblicata oggi, il TF ricorda che la propagazione di propositi diffamatori costituisce una violazione della legge. Con i "like" e le condivisioni un utente contribuisce infatti a migliorare la visibilità di un contenuto sui social network.

Nel caso concreto, è stato stabilito che i contenuti controversi hanno raggiunto persone al di fuori del circolo degli abbonati dell'autore iniziale. La giustizia zurighese ha quindi reputato che vi fossero i presupposti di una propagazione del contenuto diffamatorio.

L'Alta corte di Losanna ha comunque accolto il ricorso dell'imputato e rinviato il dossier all'istanza precedente, poiché il tribunale zurighese non ha consentito all'uomo di provare che le affermazioni condivise fossero veritiere.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MIM 1 mese fa su tio
Chi mette dei like ai commenti anti-trump di sedelin potrebbe essere punito? ah ah ah
sedelin 1 mese fa su tio
fare e dire sono cose ben diverse. sinistra? boh? io non sono da nessuna parte, ma se lo pensi tu allora va bene anche.
sedelin 1 mese fa su tio
@sedelin RISPOSTA a zico!
OCP 1 mese fa su tio
Siamo sempre più verso la libertà di opinione ma solamente se l'opinione piace a qualcun altro.
sedelin 1 mese fa su tio
bene, é ora di dare un taglio ai like che sostengono la diffusione di odio!
Mattiatr 1 mese fa su tio
@sedelin Censura
sedelin 1 mese fa su tio
@Mattiatr laddove c'è diffusione di odio, sì alla censura! laddove ci sono like propositivi e di diffusione di amore nessuna censura.
Mattiatr 1 mese fa su tio
@sedelin Non mi interessa, la censura è bilaterale. Quindi non va applicata. Perché i concetti di odio e di amore non sono chiari e definiti, ma bensì variano in base al contesto storico e politico. Pure nella Germania passata la censura veniva applicata per ''amore del proprio paese''. Quindi direi che il concetto di censura stesso andrebbe debellato e ripudiato da noi tutti.
sedelin 1 mese fa su tio
@Mattiatr non ti interessa? chissenefrega!
Mattiatr 1 mese fa su tio
@sedelin Va bene, divertiti nel tuo mondo di fantasia, pensa te che le dittature campano di censura e manipolazione mediatica. Quindi spero che la tua vita sia veramente rosa e fiori, io preferisco che mi si dica la verità senza filtri, invece di sentire deodorante che copre l'odore di m....
shooter01 1 mese fa su tio
io metto like dove mi pare e piace poi vediamo. Comunque parte sempre tutto da zurigo. Non avevo dubbi
sedelin 1 mese fa su tio
@shooter01 no, non puoi fare tutto ciò che ti pare e piace!
Zico 1 mese fa su tio
@sedelin nell'altro blog hai appena dato del criminale a Trump: tu puoi fare e scrivere quello che vuoi e gli altri no? coerenza sinistra
Cora Vom Schlossrudwalde 1 mese fa su fb
ma respirare? Si può ancora? Io me ne fotto e metto i like dove mi pare e piace 😎 state sereni ✌🏻
Dana Cobos 1 mese fa su fb
ma che tristezza, non ce più la libertà, comincia essere tutto vietato.
Galium 1 mese fa su tio
Bene TF! La libertà di pensiero non è libertà di insulto. Questo concetto dovrebbe essere basilare per tutti i social e per tutti coloro che vi partecipano.
Mattiatr 1 mese fa su tio
@Galium Dall'articolo non è chiaro se con la condivisione c'era pure un commento del tipo ''ha guardatelo sto ...........''. Perché se hanno punito un uomo solo per aver condiviso o messo like ad un contenuto su facebook, bé la cosa è grave. Prima di tutto perché la libertà di pensiero e di espressione mi dovrebbe permettere di guardare e seguire quello che voglio, con anche i like. Se li ha condivisi, stesso discorso per le condivisioni, ogni cittadino dovrebbe esser libero di dire tutto quello che vuole se non direttamente offensivo, e di condividere quello che vuole. Se si comincia a mettere un filtro a ciò, bé si chiama censura. Già che l'articolo È talmente vago che non si capisce nemmeno le dinamiche. Condividere con o senza eventuale insulto aggiuntivo è totalmente indifferente. Così facendo punisci l'utente per essere cascato in fake news, è come prendere a bastonate la pecora perché è stata morsa da un lupo.
Antu Balmelli 1 mese fa su fb
Dovrei essere condannato all'ergastolo allora.
Liberopensiero 1 mese fa su tio
La libertà di espressione.....per fortuna ci resta quella di pensiero fino a quando non troveranno il modo di leggerlo!
Simo Hcore 1 mese fa su fb
Furbi voi che mettete nome cognome, domicilio, luogo di lavoro, media di scoregge al giorno, ecc...
Claudio Preiano 1 mese fa su fb
Certo Bizza 😁
Aurelio Switzerland Gjatmatt 1 mese fa su fb
non mi sforzo nemmeno a leggere l'articolo....già dal titolo si capisce che siamo in un mondo di xxxxa
Iwan Bulghi Clouseau Saltelli 1 mese fa su fb
Petra Raitelli Antonio Raitelli
Katia Rossi 1 mese fa su fb
Macché’...
Francesco Ghini 1 mese fa su fb
Ma siamo in Svizzera o in URSS?
Ana Cristina Ceci 1 mese fa su fb
Roba da pazzi... Libertà zero!!!!
Instrutor Negao Suíça 1 mese fa su fb
Oh mrrdaaa
Anna Natolino 1 mese fa su fb
Eduu Talaj
Lorella Romanelli 1 mese fa su fb
Fossero almeno gli insulti punibili!! Leggo cose che mi fanno rabbrividire
Francesco Nava 1 mese fa su fb
Il "like" è punibile mentre il "retweet" non lo è. Qualcosa non mi torna.
Mauz 1 mese fa su tio
Finalmente!
Luca Burzì 1 mese fa su fb
Juan Carlo Herrera occhio!
Manolo Palladini 1 mese fa su fb
Siamo rovinati! 🤣
Susanita Michelle Coccinella 1 mese fa su fb
Questo succede perché tante persone si divertono insultare gratuitamente...
Flavio Ferrini 1 mese fa su fb
se mi pagassero sarei felice
Susanita Michelle Coccinella 1 mese fa su fb
Flavio Ferrini Sei guter Dinge
Paolo Mac 1 mese fa su fb
E a chi posta la discussione??......taglio delle mani??
Simone Rossi 1 mese fa su fb
Esorto a leggere l'articolo prima di commentare! La persona è stata condannata in quanto mettendo "mi piace" e condividendo sulle pagine di altre persone, aveva sottoscritto le accuse di antisemitismo, fascismo e razzismo nei confronti della donna. Non proprio una discussione leggera e frivola. Detto ciò, una condanna da parte del Tribunale mi sembra eccessiva, anche perché è lo stesso FB che dovrebbe vigilare su eventuali post inappropriati. 🙄
Marco A. Kimball 1 mese fa su fb
Simone Rossi dissento. FB potrebbe anche vigilare, ma è solo il media, lo strumento. Se diffamo qualcuno verbalmente in un bar, non è il gerente che deve controllarmi, così come se stampo le mie diffamazioni su dei volantini, non é pensabile una corresponsabilità di chi mi ha venduto la carta.
Stefano Carrer 1 mese fa su fb
Simone Rossi Infatti, confermi quello che ho scritto io...io sono stato bloccato semplicemente perché avevo commentato un articolo sul Duce .... qualcuno ha letto, non gli è piaciuto e mi ha segnalato... quindi bloccato... basta un click e vieni segnalato,poi valutato e alla fine prendono una decisione. Dopo vari iter, ti danno un codice di recupero...e rientri....
Simone Rossi 1 mese fa su fb
Marco A. Kimball non è proprio così Marco! Se diffami qualcuno all'interno di un posto pubblico, il gerente ha il compito di avvertire le autorità competenti e testimoniare quanto accaduto. In sintesi, la responsabilità indiretta di quello che succede all'interno di un bar, o qualsiasi posto pubblico, è sempre del gerente.Se stampi volantini offensivi verso cose/persone, la responsabilità non è solo di chi ha commissionato il lavoro, ma anche di chi ha realizzato la stampa. Lo stesso principio vige nei social network, nel caso specifico in Facebook, dove l'amministratore funge da gerente, e quindi ha l'obbligo di vigilare su quanto viene pubblicato e scritto ogni giorno. Se così non fosse, credimi sarebbe l'anarchia totale. Proprio per questo mi sembra strano arrivare a una condanna in Tribunale per un post. Come dice Montanelli, delle due l'una. O il post non era così "grave" come giudicato dal Tribunale Svizzero oppure la vigilanza che ha il compito di controllare post e like vari non è stata all'altezza.
Christian Pianta 1 mese fa su fb
Pori nümm...
Bayron 1 mese fa su tio
TF sempre più a sinistra... sentenze sempre più assurde!!
Roberto R L Facchinetti 1 mese fa su fb
🤡🤡🤡🤡🤡
Rob Runo 1 mese fa su fb
ERA ORA!!!
Mattiatr 1 mese fa su tio
Non mi piace, un like equiparato alla vita reale è come fare un cenno, mentre la condivisione è il ripetere ciò che si sente in giro. Il classico ''ho sentito che lui ha fatto ...'' Inoltre chi stabilisce il limite fra l'intento diffamatorio e lo spargere semplicemente la voce? Il diffamatore da punire non dovrebbe essere chi produce notizie false, invece di chi le condivide? Ragazzi stiamo parlando comunque di un quarantenne, solitamente chi È in quella fascia d'età non è avvezzi ai social come quelli un po' più giovani, è più probabile che possano cascare a Fake news. Cominciate a punire prima chi le crea (a meno che non siano siti di satira dichiarati) invece di chi ingenuamente le prende per vere. Oppure punite i giornali che le condividono alla cieca senza verificare, non bisogna sempre scagliarsi sul cittadino.
Mauro Marangoni 1 mese fa su fb
Mettere gli insulti no???🙄
Flavio Ferrini 1 mese fa su fb
siamo al delirio
Michele Robiglio 1 mese fa su fb
Sonia Sangiorgio 1 mese fa su fb
Michele Robiglio 👍👍👍
Antonella Anto Pali 1 mese fa su fb
Invece la legge di auto difesa non ha passato???? Ma di cosa stiamo parlando???
Faby Dessy 1 mese fa su fb
Antonella Anto Pali il ticino è tutta una mafia, ed è una vergogna quello che hai dovuto subire. Scrivi ai giornali e racconta, non deve passare impunito
Antonella Anto Pali 1 mese fa su fb
Faby Dessy scusa se mi esprimo volgare ma non per difendermi per ho dopo violenze di ogni tipo pur dopo separazione delle minaccia molto forti e tutto avevo portato in polizia ma mai hanno mosso un dito contro di lui, anzi mi sono dovuta spostarmi io dopo 20 anni per non avere problemi. E mi fa male quando lego delle cose assurde credimi. Grazie comunque
Eda Bayraktar 1 mese fa su fb
Solo chi mette i like o anche chi le scrive certe volgarità?🤷‍♀️ Quante boiate 🤦‍♀️
Stefano Carrer 1 mese fa su fb
Posso anche d'accordo su alcuni temi....ma non dovrebbe essere FB a vigilare su eventuali post o commenti inappropriati?🤔
Roberto Insubre Stefanazzi Bossi 1 mese fa su fb
Stefano Carrer e chi decide che è inappropriato?
Fabio Ben Gatti 1 mese fa su fb
Decide la piattaforma Zukemmerd "democraticamente"
Stefano Carrer 1 mese fa su fb
Roberto Insubre Stefanazzi Bossi La piattaforma Facebook, magari anche su segnalazione di qualcuno....informati prima di dare aria alla bocca...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 10:51:52 | 91.208.130.87