Immobili
Veicoli

TENNIS«Le regole sono uguali per tutti»

18.07.22 - 22:57
Il ministro della salute canadese Jean-Yves Duclos respinge Nole in vista del torneo di Montréal
keystone-sda.ch / STF (Kirsty Wigglesworth)
«Le regole sono uguali per tutti»
Il ministro della salute canadese Jean-Yves Duclos respinge Nole in vista del torneo di Montréal

BELGRADO - Dopo aver preso parte al recente torneo di Wimbledon, dove ha infilato il 21esimo successo in un Major, Novak Djokovic sembra destinato a dover mordere ancora una volta il freno a causa della mancata vaccinazione contro il coronavirus. 

A meno che nelle prossime settimane non cambino le regole per entrare negli Stati Uniti, Nole sarà costretto a guardare gli US Open (29 agosto-11 settembre) dal divano di casa. Ma non è finita qui. Il ministro della salute canadese Jean-Yves Duclos ha dichiarato che a Djokovic verrà pure negata la possibilità di disputare il Masters 1'000 di Montréal, in agenda nella seconda settimana di agosto. «Si dovrà rimboccare le maniche e ricevere il vaccino. Le regole sono uguali per tutti. Ci possono essere alcune eccezioni, ma le regole valgono per tutti. La pandemia purtroppo non è ancora terminata».

A margine di Wimbledon, incalzato sul tema, il 35enne di Belgrado aveva però ribadito la sua posizione... granitica: «Sono un tennista professionista, non mi interesso di politica o altro perché non ci tengo. Ho la mia posizione e sono un sostenitore della libertà di scegliere ciò che è meglio per me. Sono rispettoso di tutto e tutti e spero che la gente almeno rispetti la mia decisione. Se avrò il permesso, andrò li. Altrimenti non ci sarò, non è la fine del mondo». 

COMMENTI
 
Drte 2 mesi fa su tio
L’unico modo per fermare nole! Forza nole fregatene hai dimostrato che sei il più forte
Aka05 2 mesi fa su tio
Non é così difficile da capire, vaccinato vai, altrimenti resti a casa… mah
Thinks 2 mesi fa su tio
Ottima risposta! Lascia perdere paesi dove tengono in piedi ancora leggi emanate da cerebrolesi che ormai non hanno più senso...
italo luigi 2 mesi fa su tio
Insomma il vaccino è servito a poco o nulla:penoso. Certo ora con queste varianti ...... che noia!!!
Dex 2 mesi fa su tio
No vax!!!
Dex 2 mesi fa su tio
No hay!!!
andrea28 2 mesi fa su tio
..e mentre gli esperti (Lepori EOC) ammettono che il pass non é servito a nulla e che ormai il Covid-19 non é più che una normale influenza (Koch), i politici non vogliono proprio ammettere i loro errori (errori indotti anche dagli stessi espertoni che ora si pentono della linea seguita)...
Tiago 2 mesi fa su tio
Dire che il pass non è servito è ridicolo. Diversi studi dimostrano una riduzione sostanziale dei morti. Certo è che, ora come ora, il suo ruolo è decisamente ridimensionato per via che la nuova variante attuale ha impatti sulla salute decisamente inferiori.
andrea28 2 mesi fa su tio
..per dire che il pass é servito bisognerebbe paragonare paesi che l'hanno introdotto con paesi che non l'hanno introdotto, il che é impossibile. Possiamo però verificare che quando é stato ridotta la durata del pass in Svizzera e anche i vaccinati dovevano fare il tampone per andare al ristorante, il numero di contagi é triplicato in una settimana, ovvero: il pass nascondeva i positivi tra i vaccinati aiutando a diffondere il virus. Del resto confrontando il numero dei morti in paesi dove le restrizioni sono state più dure vediamo che non c'é stata nessuna differenza con i paesi dove le restrizioni erano più blande(Italia vs Svizzera). E questi sono numeri facilmente consultabili e ufficiali. Il pass non solo non é servito, ma ha anche peggiorato la situazione. Non confondere pass con vaccino!
Mattiatr 2 mesi fa su tio
Ciao Tiago, mi indicheresti gli studi che voglio dargli un'occhiata? Grazie
RobediK71 2 mesi fa su tio
Normale
Tiago 2 mesi fa su tio
A casa il signorino
Dex 2 mesi fa su tio
Masters 1000.... Ahah Troppo alto il livello del Signore del dennis per parteciparvi
Brontolo pensionato 2 mesi fa su tio
R.I.D.I.C.O.L.I
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT