Immobili
Veicoli

SVITTOSvitto, capitale delle case padronali e dei mercenari

11.03.22 - 11:15
Viaggio alla scoperta della storia, architettura e cultura della “culla della Svizzera”
CR
SVITTO
11.03.22 - 11:15
Svitto, capitale delle case padronali e dei mercenari
Viaggio alla scoperta della storia, architettura e cultura della “culla della Svizzera”

SVITTO - La capitale cantonale sorprende con una combinazione di tradizione e innovazione. Annidata in una romantica conca, Schwyz (Svitto) è circondata dalle montagne e dai laghi più belli del cantone. I due “miti” troneggiano sullo sfondo, Stoos e Rigi sembrano abbastanza vicini da poterli toccare e anche il lago dei Quattro Cantoni si staglia all’orizzonte. È inconfondibile, Svitto ha una lunga tradizione. La città è caratterizzata da edifici storici e usanze, quindi non sorprende che questo bel posto sia anche la sede del “Bundesbrief” (il famoso contratto nazionale). Ma Svitto (Schwyz) ha inoltre molto da offrire dal punto di vista economico, è anche la patria del famosissimo coltellino svizzero.

La fondazione di Svitto risale a ben oltre la Confederazione Svizzera. Il primo riferimento documentato al villaggio come"Suittes" risale al 972. Nel 1642 la città fu quasi completamente distrutta da un incendio. Solo alcuni edifici sono sopravvissuti, obbligando le autorità e la cittadinanza a ridisegnare il centro del paese, che è stato valorizzato dalla piazza principale in stile barocco. Questa piazza è dominata dalla chiesa parrocchiale e dal municipio ed è oggi considerata il più bell'esempio del suo genere in Svizzera.

Il mio giro inizia dal Hauptplaz, la piazza principale del municipio cittadino. «Nell'anno del giubileo del 1891, la gente di Svitto commemorò le gesta eroiche dei tempi passati in un modo speciale. Per decisione del Consiglio Federale, Schwyz fu scelta come sede per le celebrazioni dell'anniversario», spiega Bruno Bühlmann, la mia guida della città.

Svitto è stata scelta come sede per le celebrazioni dell'anniversario. La cerimonia vera e propria avrà luogo qui il 1 agosto. Per dare a questa celebrazione una cornice dignitosa, il consiglio cantonale ha deciso di rinnovare l'interno e l'esterno del municipio e di far decorare con dipinti le due facciate sulla piazza. Come ulteriore punto culminante, doveva essere messo in scena uno spettacolo teatrale su larga scala per il festival. Le persone erano più interessate a questo che alla riqualificazione del municipio, dato che erano in grado di prendere una parte attiva. Oggi, tuttavia, la decorazione festiva del municipio come"storia dipinta" è parte integrante dell'immagine del villaggio. L'architettura e la pittura si sono fuse in un'unità e, insieme ai due miti, sono diventati il punto di riferimento di Schwyz. Il municipio assume così il ruolo di monumento alla storia della fondazione della Confederazione Svizzera.

La torre dell'archivio in pietra dell'anno 1200, che si trova nei pressi del municipio, è la seconda tappa del mio giro. Era in precedenza una torre residenziale e amministrativa ed è stata utilizzata come archivio per la conservazione delle"libertà nazionali" almeno dal XV secolo. Si sa anche che una volta era usato come prigione. «La torre è stata utilizzata come archivio fino al XX secolo, nonostante le condizioni di spazio ristrette e la richiesta di un nuovo edificio per l'archivio. Nel 1936 i problemi di spazio furono risolti per il momento con l'apertura dell'allora"Bundesbriefarchiv", oggi"Bundesbriefmuseum". Particolarmente curiosa è la processione, con tanto di rappresentanti delle autorità politiche e religiose, con la quale il documento storico, primo seme della confederazione svizzera, è stato accompagnato nella nuova sede», conclude la guida.

Il paesaggio urbano della capitale Svitto è caratterizzato da magnifiche case padronali con grandi giardini, che rappresentano un pezzo importante della cultura del Cantone e di tutta la Svizzera Centrale. La storia dei manieri di Schwyz può essere fatta risalire al Medioevo. Le case padronali sono significative per la cultura del Cantone, poiché sono espressione di una forma di vita e stile di vita manieristico-rurale del patriziato terriero. Tra il 1170 e il 1340, oltre alle torri residenziali in pietra dall'aspetto urbano, furono costruiti anche edifici di vedetta che testimoniano un'alta abilità di carpenteria. Dal XVI secolo in poi, le tenute rappresentative e signorili si svilupparono da queste due forme di base. L'architettura e il design interno sono spesso di alta qualità e indipendenti.

Gli splendidi palazzi furono costruiti con le entrate del servizio militare dei mercenari. In questo modo le famiglie patrizie di Schwyz mostravano in modi diversi chi erano e cosa possedevano. È interessante che le famiglie dominanti preferissero dirigere la rappresentanza verso l'interno piuttosto che verso l'esterno. Volevano mantenere la facciata della democrazia della Landsgemeinde e non far apparire troppo evidente il contrasto con la gente di campagna.

A sud del centro del villaggio di Schwyz, la più antica casa grande fu costruita sul Brüel da Heinrich Reding. Ovviamente l'edificio, costruito in pietra massiccia, è stato modellato sul modello delle case patrizie svizzere. La pittura dei bordi della casa conferisce alla casa supporto architettonico e forza. Inoltre, probabilmente per la prima volta, davanti alla casa è stato collocato un parterre di giardini, fiancheggiato ai lati da due case.

La maggior parte dei manieri non sono aperti al pubblico. Il maniero Ital Reding con la casa Bethlehem può visitata dall'inizio di maggio alla fine di ottobre. Oltre alla piazza principale, il resto del centro può essere esplorato facilmente in modo individuale. Durante il tour del villaggio, dotato di pannelli informativi, si possono ammirare le più belle case padronali del XVI e XVII secolo, due monasteri e tre musei. Oltre al Bundesbrief Museum, Svitto ospita anche il Forum della Storia Svizzera, che fa parte del Museo Nazionale Svizzero, e il Cortile Ital-Reding.

Il mio reportage nel canton Svitto non termina qui: nel prossimo articolo salirò a Stoos con la funicolare più ripida del mondo. Intrigati? Seguitemi.

Il primo articolo di questa serie sul canton Svitto è stato pubblicato il 20 febbraio

Testo a cura di Claudio Rossetti

ULTIME NOTIZIE VIAGGI & TURISMO